E' online il nostro nuovo canale Telegram aggiornato giornalmente con immagini, video, notizie da tutto il mondo dell'aviazione militare e commerciale. Iscriviti oggi cliccando qui, siamo già in tanti!
Aeronautica Militare

Scramble: in Romania gli Eurofighter italiani e tedeschi decollano su allarme per difendere lo spazio aereo della NATO

Un altro scramble congiunto, il quarto finora, per la gli Eurofighter italiani e tedeschi attualmente impegnati nell’operazione di Air Policing promossa dalla NATO per rafforzare la difesa dello spazio aereo della Romania e del fianco est dell’Alleanza Atlantica. L’ordine di decollo rapido della coppia di Eurofighter è arrivato a seguito di un potenziale ingresso nello spazio aereo sotto la responsabilità della Romania da parte di un velivolo non autorizzato.

I due caccia sono stati impiegati in una missione di CAP (Combat Air Patrol) all’interno della FIR (Flight Information Region) rumena prima di rientrare nella base di Costanza.

Da due settimane, grazie ad un accordo bilaterale, l’Aeronautica Militare italiana, con otto Eurofighter, e la Lutfwaffe tedesca, con sei Eurofighter, stanno garantendo il rafforzamento del dispositivo di difesa aerea del Paese europeo, un’attività che si inserisce all’interno dell’impegno che l’Aeronautica Militare, attraverso la Task Force Air Black Storm, sta assicurando in Romania fin dai primi giorni di dicembre nell’ambito della missione NATO a guida italiana di Enhanced Air Policing Area South (eAPA-S). Si tratta di una iniziativa che rafforza l’interoperabilità e la partnership dei due Paesi che condividono lo stesso sistema d’arma, l’Eurofighter.

Come specificato prima l’Aeronautica Militare è presente in Romania con otto velivoli Eurofighter ed equipaggi di volo provenienti dai quattro Stormi che normalmente, in Patria, garantiscono senza soluzione di continuità la difesa dello spazio aereo italiano (4°Stormo di Grosseto, il 36° di Gioia del Colle, il 37° di Trapani e il 51° di Istrana). In questi tre mesi gli Eurofighter della TFA “Black Storm” hanno portato avanti numerose attività addestrative e operative nell’ambito del servizio di QRA (Quick Reaction Allert). Per l’Italia e l’Aeronautica Militare si tratta della seconda operazione di Air Policing in Romania, dopo la prima esperienza nel 2019.

La TFA Black Storm, impegnata oggi a rafforzare il sistema di difesa aerea rumeno, così come le altre unità dell’Aeronautica Militare che hanno preso parte alle altre Air Policing è una struttura che ricalca nelle sue funzioni uno Stormo, l’unità operativa caratteristica dell’Aeronautica Militare. E’ una struttura funzionale e al tempo stesso flessibile. I velivoli sono integrati all’interno del dispositivo della NATO a supporto delle operazioni di sorveglianza dello spazio aereo dei Paesi dell’Alleanza ed operano in stretto coordinamento con gli assetti alleati presenti nell’area.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale Telegram.

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto