X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


Prima vendita per il caccia russo stealth di quinta generazione Su-75 Checkmate?

@ Rostec Corporation

L’edizione vietnamita del giornale Soha ha annunciato l’intenzione del Ministero della Difesa del paese di acquistare 12 esemplari del velivolo da combattimento russo Su-75 Checkmate. Ricordiamo che questo aereo non è ancora mai andato in volo, ma grazie alle roboanti presentazioni dell’industria aerospaziale russa, è già diventato un protagonista indiscusso nel mondo dell’aviazione militare.

Hanoi ha già acquistato dalla Russia 12 addestratori Yak-130 con un contratto del valore stimato di 350 milioni di dollari, di cui sei esemplari dovrebbero essere stati già consegnati nel mese di dicembre del 2021. Inoltre i caccia Su-22 in servizio con la Vietnamese People’s Air Force a breve arriveranno a fine vita e dovranno essere sostituiti con velivoli moderni che affiancheranno i 46 velivoli Su-27/30 in servizio. La scelta quindi molto probabilmente cadrà sui velivoli russi stealth di quinta generazione Su-57 e Su-75. Per questioni di prezzo la scelta secondo Soha cadrà sul Checkmate.

E anche secondo Rostec Corporation c’è solo una soluzione: il rapporto qualità/prezzo del velivolo. Se l’F-35 americano costa 93-108 milioni di dollari, per il Su-75 Checkmate vengono richiesti solo 25-30 milioni, e questo con caratteristiche prestazionali comparabili. Quindi ora dobbiamo solo attendere che voli! E la Rostec ha affermato che ciò accadrà nel 2023.

Inoltre la Rostec ha affermato che, in generale, Hanoi non avrebbe una grande scelta, o l’F-35 per una marea di soldi, e questo solo se il Senato degli Stati Uniti approva la vendita, cosa improbabile aggiungiamo noi, o il Su-57 Checkmate. Si prevede che il Vietnam avvierà i negoziati con la Russia a metà di quest’anno.

Cosa sappiamo del nuovo caccia russo stealth di quinta generazione Su-75 “Checkmate”

Presentato per la prima volta al salone aereo MAKS 2021 di Mosca a luglio scorso, il Su-75 “Checkmate” è ancora una specie di enigma. Svelato con poco preavviso e nessun requisito, l’aereo mostrato a Mosca era chiaramente un mock-up, sebbene utilizzasse i principali sottogruppi di una cellula del Sukhoi Su-57 Felon.

Questo era, di per sé, sorprendente, poiché con le moderne tecniche di progettazione e produzione, la costruzione di una nuova cellula è relativamente economica e l’uso di ala, muso e pinne caudali di un caccia esistente molto più grande sembrerebbe probabilmente imporre limitazioni significative in termini di peso e resistenza. Ciò ha portato molti analisti a chiedersi se il Checkmate fosse un vero aereo da combattimento, o se fosse poco più di una trovata pubblicitaria fortemente pubblicizzata.

L’aspetto del velivolo a Dubai tenderebbe a suggerire che si tratta, in effetti, del mock-up di un vero e proprio progetto per i clienti esteri, inteso come alternativa a basso costo al Su-57, e forse come utile complemento a quel velivolo per le forze aerospaziali russe, sacrificando il raggio di combattimento e il carico utile per costi operativi significativamente inferiori.

Il Sukhoi Su-75 “Checkmate” utilizza una configurazione monomotore e una tecnologia ispirata al Su-57 e al Su-35, insieme a tecniche di progettazione e produzione computerizzate basate su modelli avanzati, al fine di ridurre i costi. Per certi versi questo rende il Checkmate un successore di velivoli come quelli della famiglia MiG-21, MiG-23 e Su-17/20/22, e per l’industria aerospaziale russa segna un ritorno alla configurazione dei caccia monomotore per il prima volta in più di 40 anni. Secondo il costruttore russo, il caccia tattico leggero avrebbe una portata, una velocità e un carico utile eccezionali per gli aerei della sua classe, nonché caratteristiche uniche per quanto riguarda l’equipaggiamento di bordo, la bassa visibilità e sarebbe in grado di contrastare i più moderni e promettenti sistemi di difesa aerea.

Rostec e la sua controllata, la United Aircraft Corporation (società madre di Sukhoi), hanno affermato che il nuovo velivolo sarebbe un nuovo caccia tattico leggero sviluppato come impresa privata, su iniziativa della compagnia, senza fondi di bilancio statali. Si era anche detto che si trattava di un programma interno russo, sebbene Yuri Slyusur, capo della United Aircraft Corporation, abbia affermato che i requisiti di progettazione erano stati guidati da vari requisiti dei partner stranieri, ed aveva accennato alla possibilità di cooperazione internazionale e trasferimento tecnologico.

@ Rostec Corporation

I video di presentazione e gli altri sforzi di marketing pre-lancio avevano suggerito che i principali obiettivi di vendita per il “Checkmate” erano Emirati Arabi Uniti, India, Vietnam e Argentina, e si era ipotizzato che l’aereo fosse in qualche modo correlato al contratto firmato tra Russia e Emirati Arabi Uniti nel 2017. Le caratteristiche chiave del primo aereo monomotore di quinta generazione russo sono la sua furtività, il basso costo di un’ora di volo, le alte prestazioni in termini di economicità e l’architettura aperta, così se il cliente lo desiderasse sarà possibile installare a bordo altre apparecchiature di produzione russa o straniera.

Molte caratteristiche del velivolo non sono state ancora rese note, ma quelle annunciate alla presentazione a Mosca descrivono una velocità fino a 1,8 Mach e un’autonomia di volo massima senza serbatoi esterni non inferiore a 2800 km. L’aereo sarebbe equipaggiato con un radar di bordo con un’antenna phased array attiva con il quale potrebbe attaccare contemporaneamente fino a sei bersagli aerei e tracciarne fino a 30. Il cockpit è dotato di un touchscreen widescreen che trasmette lo stato di tutti i sistemi, oltre a fornire informazioni su percorso, obiettivi e minacce.

Categorie: News Militari
Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto