X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


Mentre il primo F-5 dell’aeronautica svizzera arriva negli USA per il programma ARTEMIS, la Patrouille Suisse rimarrà senza aerei dal 2027

@ Aviation Report / Daniele Ghisolfi

Il 18 marzo 2024, un KC-130J Hercules del VMGR-234 Rangers squadrone della riserva del Corpo dei Marines degli Stati Uniti ha trasportato negli USA il primo F-5 dell’aeronautica svizzera nell’ambito del programma ARTEMIS – Avionics Reconfiguration and Tactical Enhancement/Modernization for Inventory Standardization.

Il Northrop F-5E Tiger J-3052 c/n L1052 è stato caricato sull’aeroporto militare di Emmen a Lucerna, in Svizzera, ed è volato in Florida per essere consegnato sulla base area di NAS Cecil Field lo scorso 20 marzo.

L’aereo è stato acquisito nel 2020 dall’Ufficio Federale dell’armamento Armasuisse, con equipaggiamento di terra e di ricambio, deposito dei velivoli in Svizzera per un totale di 32,4 milioni di dollari,  come parte del programma ARTEMIS dell’ufficio Specialized and Proven Aircraft Program della Marina USA.

Nel corso dei prossimi quattro anni, diversi F-5 Tiger del programma ARTEMIS saranno consegnati come F-5N+ e F-5F+ al Corpo dei Marines e assegnati al Marine Fighter Training Squadron (VMFT)-402, del 4th Marine Aircraft Wing. Anche se non ancora confermato, dovrebbero essere 22 gli ex F-5E dell’aeronautica svizzera coinvolti, sedici F-5E e sei F-5F.

Il programma ARTEMIS è stato lanciato dal Naval Air Systems Command (NAVAIR) degli Stati Uniti e comprende modifiche alle cellule dei velivoli, ai motori J85-21, alla configurazione avionica e prevede un miglioramento/modernizzazione tattica per la standardizzazione dell’inventario. In una fase successiva, il programma ARTEMIS fornirà kit e integrerà il sistema di aggiornamento in un massimo di 40 F-5N/F aggiuntivi attualmente in servizio.

La Svizzera aveva già venduto negli anni scorsi una buona parte dei suoi F-5 Tiger acquistati negli anni Settanta e Ottanta. La US Navy infatti aveva già acquistato dalla Svizzera 44 F-5 dell’aeronautica svizzera che sono impiegati quali velivoli “aggressors” a scopo addestrativo.

Con il collaudo dei primi F 35A in Svizzera a partire dal 2028 e il contemporaneo ulteriore esercizio della flotta di F/A-18 Hornet, l’esercito non ha né l’esigenza né il personale, le risorse finanziarie o l’infrastruttura per continuare a utilizzare gli F-5 Tiger in via aggiuntiva quale terza flotta. Per gli F-18 svizzeri invece, è previsto l’utilizzo almeno fino al 2030 tramite ulteriori aggiornamenti.

Oggi la Svizzera ha ancora in dotazione 25 Tiger, 18 dei quali operativi e con circa la metà impiegata dalla pattuglia acrobatica Patrouille Suisse per le proprie esibizioni. Tuttavia, con il ritiro di tutti gli F-5 previsto per la fine del 2027 per ragioni finanziarie, la Patrouille Suisse rimarrà senza jet a reazione con la possibilità di cambiamenti significativi alla loro dimostrazione acrobatica.

@ Aviation Report / Gianluca Conversi

Si stanno tenendo discussioni tra il Dipartimento della Difesa e le Commissioni della politica di sicurezza per decidere il futuro della pattuglia che potrebbe vederla volare con i PC-7 sebben tale compito potrebbe essere assunto dall’altra pattuglia acrobatica svizzera, il PC-7 Display Team.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp e sul nuovo canale Threads

Categorie: News Militari
Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto