X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


Accordo tra Leonardo e WZL1 per il supporto a lungo termine degli M-346 Bielik dell’Aeronautica Militare Polacca

@ Polish Air Force, Leonardo

Leonardo e Wojskowe Zakłady Lotnicze Nr 1 S.A. (WZL1), parte del gruppo della difesa polacco PGZ, hanno concluso un accordo per il supporto a lungo termine della flotta di M-346 “Bielik” dell’Aeronautica Militare Polacca, implementando così la collaborazione già in atto.

Grazie al know-how di Leonardo ed all’esperienza nel supporto dei propri clienti a livello globale e grazie alla lunga esperienza di WZL1 nel supporto operativo delle flotte di velivoli e dei sistemi operati dalle Forze Armate polacche, oltre alle ampie strutture tecniche e logistiche che WZL1 può vantare vicino alla base operativa del sistema di addestramento, questo accordo per il supporto della flotta degli M-346 polacchi consentirà di incrementarne ulteriormente il livello di efficienza operativa dei velivoli così da soddisfare le crescenti esigenze dell’Aeronautica Militare polacca nell’addestramento dei propri piloti da combattimento.

In qualità di produttrice dei velivoli (OEM, original equipment manufacturer), Leonardo sarà responsabile dei servizi di supporto ingegneristico nell’ambito del suo ruolo all’interno del sistema di supporto operativo e nella gestione della catena logistica di fornitura. WZL1 opererà come capocommessa, coordinando l’intero processo e supportando le aree nelle quali Leonardo non è direttamente coinvolta. WZL1 è responsabile anche dell’interfaccia diretta con l’utente finale.

Sulla base di ulteriori accordi contrattuali, Leonardo collabora con WZL1 anche nell’addestramento e nella formazione di competenze manutentive e di riparazione presso la Wojskowe Zakłady Lotnicze No. 1 S.A. per il supporto dell’operatività dei velivoli M-346 e del sistema di addestramento.

L’esperienza sviluppata nel supporto dell’intera flotta dei velivoli M-346 punta a garantire all’intero Sistema di Supporto Logistico degli M-346 “Bielik” dell’Aeronautica Militare Polacca (il nome attribuito all’M-346 in Polonia) un’elevata efficienza dei processi e il supporto tecnico e logistico al sistema addestrativo. Ciò beneficiando anche dell’approccio alla manutenzione predittiva di Leonardo e dalla collaborazione tecnica e commerciale con WZL1, esperto fornitore di servizi secondo gli standard aeronautici internazionali.

Dario Marfè, SVP Commercial and Customer Services di Leonardo, Divisione Velivoli, ha dichiarato: “Con oltre 100.000 ore volate, l’M-346 ha consolidato la sua posizione come l’addestratore avanzato a getto di riferimento nel mondo, per la formazione dei piloti militari di oggi e di domani. Grazie al proprio livello tecnologico, l’M-346 continuerà nei prossimi decenni a rappresentare il modo migliore per sviluppare le abilità dei piloti destinati ai velivoli di prima linea. Questo accordo rafforza la partnership di Leonardo con WZL1, creando nuove opportunità per trasferire altre attività in Polonia, coerentemente con il modello di supporto logistico, consolidato e flessibile, adottato da Leonardo in numerosi paesi e che prevede il trasferimento di capacità alle industrie della difesa locali”.

La flotta di M-346 “Bielik” dell’Aeronautica Militare Polacca

L’Aeronautica polacca ha acquisito nel febbraio 2014 l’M-346 come successore del leggendario addestratore TS-11 Iskra. In seguito, nel novembre 2018, nel corso di una cerimonia tenutasi presso il 4° Stormo di Addestramento Aereo dell’Aeronautica Militare polacca a Dęblin, è stato attribuito ufficialmente il nome “Bielik” agli M-346 in servizio in Polonia. Fin dalla sua introduzione nella flotta dell’Aeronautica Militare polacca, l’M-346 è stato assegnato alla 41a Base Aerea di Addestramento di Dęblin. L’attuale flotta di 16 aerei è il risultato di due ulteriori lotti ordinati dalla Polonia dopo la scelta iniziale.

Il sistema addestrativo polacco basato sull’M-346 “Bielik” è stato certificato anche dall’US Air Force per l’addestramento dei piloti dei caccia di quarta e quinta generazione: un importante traguardo che ha consente alla Polonia di addestrare molti dei suoi allievi in patria e non più all’estero.

L’M-346 di Leonardo

Leonardo ha contrattualizzato ad oggi oltre 100 esemplari di M-346 ad aeronautiche militari internazionali di primo livello come Italia, Israele, Polonia, Singapore, Qatar e Grecia. L’aereo è anche la spina dorsale della International Flight Training School (IFTS), una collaborazione tra Leonardo e Aeronautica Militare italiana che è già stata scelta da Giappone, Germania, Qatar e Singapore.

Il 30 novembre scorso, in occasione dell’M-346 Joint User Group, ospitato quest’anno dall’Aeronautica Militare polacca a Varsavia, Leonardo ha celebrato il raggiungimento delle 100.000 ore di volo della flotta mondiale degli addestratori avanzati a getto M-346. Con il traguardo delle 100.000 ore di volo, l’M-346 Advanced Jet Trainer (AJT) si è dimostrato un programma completo e tecnologicamente all’avanguardia raggiungendo eccellenti parametri di performance in termini di disponibilità di flotta e di affidabilità. Ad oggi, sono stati contrattualizzati oltre 100 M-346 con alcune fra le maggiori aeronautiche militari internazionali, come Italia, Israele, Polonia,
Singapore, Qatar e Grecia.

Come sappiamo il velivolo M-346 è anche il fulcro del sistema addestrativo della International Flight Training School (IFTS), nata dalla collaborazione fra Aeronautica Militare italiana e Leonardo e già scelta da Giappone, Germania, Qatar e Singapore per formare i propri piloti.

Questo avanzatissimo velivolo da addestramento, dalle straordinarie performance, è in pratica un aereo scuola, quanto più simile ai jet da combattimento ma meno costoso dei caccia di prima linea (sia in termini di costo di acquisto che di costo per ora di volo). Con questo aeroplano che rappresenta solo una parte di un modernissimo sistema di addestramento, i piloti si addestrano alle tattiche di combattimento e difesa, prima di salire sugli aereo di ultima generazione, come l’Eurofighter Typhoon o l’F-35.

Immagini: Polish Air Force, Leonardo

Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto