X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


L’USAF installa le stesse applicazioni software tattiche su entrambi i caccia stealth F-35 e F-22

@ U.S. Air Force photo by Kyle Larson

Un F-35A Lightning II del 461st Flight Test Squadron ha recentemente preso il volo con una serie di applicazioni software sviluppate da fornitori governativi e industriali precedentemente testate sull’F-22 Raptor, dimostrando per la prima volta la capacità di utilizzare le stesse applicazioni software tattiche su entrambi i caccia stealth F-35 e F-22.

Questo successo è stato immediatamente seguito da un’altra pietra miliare quando quelle applicazioni sono state aggiornate dagli sviluppatori di software alla Hill Air Force Base, nello Utah, e sono state utilizzate in volo alla Edwards AFB meno di 24 ore dopo.

Questi voli dell’F-35 sono stati gli ultimi successi di un progetto di innovazione sviluppato da un team di piloti collaudatori di Edwards AFB, sviluppatori di software del 309th Software Engineering Group e dell’Air Combat Command Federal Laboratory. Questo progetto ha ora realizzato tre progressi chiave che i membri del team definiscono rivoluzionari per il futuro della flotta di caccia stealth F-35 e F-22 e potenzialmente per tutti gli aerei del Dipartimento della Difesa .

Queste innovazioni riguardano la possibilità di utilizzare lo stesso software su diversi velivoli militari, la capacità di reperire quel software da una serie diversificata di fornitori, inclusi leader dell’industria del software e laboratori governativi e la capacità di aggiornare quel software in meno di un giorno, 30-60 volte più velocemente di quanto fosse possibile in precedenza. Insieme, questi miglioramenti sono pronti a fornire tecnologia all’avanguardia alla flotta di caccia stealth F-35 e F-22 ad una frazione del tempo e del costo attuali.

Storicamente, gli aerei militari si sono affidati esclusivamente al produttore dell’aereo per eseguire aggiornamenti o modifiche del software, con una capacità limitata di integrare software di fornitori esterni. Inoltre, a causa della natura integrata del software per velivoli stealth, lo sviluppo e l’implementazione di modifiche al software richiedevano in precedenza un lungo processo, limitando i velivoli di prima linea agli aggiornamenti software annuali indipendentemente dagli sviluppi operativi e dai requisiti.

In breve, ogni velivolo richiedeva un processo di sviluppo e test unico, aumentando i costi e ritardando l’implementazione. Per cambiare questa dinamica, il team ha collaborato per sviluppare e implementare un “app store” di proprietà e controllato dal governo. Ciò è stato ottenuto combinando l’architettura software di proprietà del governo con l’elaborazione avanzata a bordo di questi velivoli e creando uno spazio software governativo per il nuovo software tattico.

La capacità di utilizzare un software comune su F-35 e F-22 cambierà radicalmente il modo in cui portiamo le capacità in prima linea“, ha affermato il Tenente Colonnello dell’aeronautica militare americana Raven LeClair, co-fondatore del progetto e F-35 pilota collaudatore. “Ora, invece di dover definire, acquistare, testare e mettere in campo una capacità software su ciascun velivolo individualmente, possiamo ottenere molte efficienze sviluppando una capacità una volta e mettendola in campo su tutti i caccia di quinta generazione, risparmiando centinaia di milioni di dollari, se non di più, in costi di sviluppo e risparmiando anni di tempo e di sviluppo.

Il team ha inoltre evidenziato i vantaggi apportati dall’accesso a un pool più ampio di fornitori di software. “C’è stata molta attenzione su come i militari possono sfruttare i migliori contributi del governo, dell’industria e del mondo accademico per mantenere il proprio vantaggio, ma storicamente ci sono state barriere considerevoli all’ingresso nel mercato della difesa”, ha affermato Allen Black, Maggiore dell’US Air Force, co-fondatore del progetto e pilota collaudatore dell’F-22.

Ciò è stato particolarmente vero con il software poiché solo il produttore dell’aeromobile poteva sviluppare e integrare il software. Producono un prodotto fantastico, ma essere in grado di aggiungere a quella linea di base le capacità create dai leader del software in campi come l’intelligenza artificiale/autonomia e la sicurezza informatica sarà trasformativo. Ciò ha l’ulteriore vantaggio di aumentare il numero di aziende e personale che lavorano per modernizzare e migliorare la nostra flotta di aerei da combattimento.

Pur sottolineando i vantaggi significativi della compatibilità multipiattaforma e di un mercato più aperto per il software, il team si affretta a sottolineare che la velocità di consegna è forse la cosa più importante. “La  strategia di difesa nazionale identifica la necessità di sperimentare rapidamente e quindi semplificare le acquisizioni per fornire capacità ai velivoli in tempi strategicamente rilevanti“, ha affermato il Maggiore Cameron Jones, pilota collaudatore dell’F-22 e parte del team fondatore. “È fondamentale essere in grado di sviluppare e fornire rapidamente capacità, perché il miglior software al mondo non farà la differenza se arriva tardi per combattere“.

Questo progetto ci consente di caricare nuovo software e aggiornare il software esistente, separatamente dalla sicurezza dei sistemi di volo dell’aeromobile, in modo da poter apportare modifiche nel giro di poche ore invece che di mesi“, ha affermato Jones. “Questa capacità significa che gli sviluppatori saranno in grado di apportare modifiche rapide in base al feedback dei piloti, riducendo drasticamente i tempi per ottenere un prodotto disponibile“.

“Questo progetto aiuta a gettare le basi necessarie per l’impiego agile in combattimento”, ha affermato il maggiore Kyle McLeod del Corpo dei Marines, pilota collaudatore dell’F-35 a capo del progetto. “Dobbiamo essere in grado di adattare e aggiornare rapidamente i nostri sistemi d’arma sulla base di informazioni emergenti o condizioni mutevoli durante l’esecuzione di operazioni. Lo abbiamo dimostrato con questo test. Abbiamo testato una serie di applicazioni presso Edwards, aggiornato il set di dati delle minacce simulate nel software dalla sede di sviluppo di Hill AFB e volato il software aggiornato in meno di 24 ore”.

Una delle massime priorità del team è stata quella di sfruttare questa nuova tecnologia per aiutare a proteggere i caccia stealth F-35 e F-22 dagli attacchi informatici, ha dichiarato Omar Morales, 309th SWEG F-35 Lightning II lead software engineer.

Oltre a garantire le migliori pratiche informatiche nella pipeline di sviluppo del software, stiamo anche utilizzando questo nuovo ambiente software per aggiungere strumenti di protezione informatica dai leader del settore“, ha affermato Morales. “Il nostro test includeva applicazioni di sicurezza informatica che stiamo valutando in grado di monitorare il velivolo e identificare comportamenti anomali. Stiamo lavorando per sfruttare questi tipi di prodotti per consentirci di identificare e quindi risolvere rapidamente potenziali problemi informatici, anche tra una sortita e l’altra, difendendo l’aereo in tempo reale“.

L’idea era stata presentata alla competizione annuale Spark Tank dell’US Air Force, avanzando infine fino a diventare finalista dove è stata presentata ai comandanti dell’US Air Force, tra cui il Capo di Stato Maggiore Generale CQ Brown, Jr. e all’ex comandante dello Space Operations Command, Generale John “Jay” Raymond. Il progetto fa ora parte del portafoglio di innovazioni del vice Capo di Stato Maggiore dell’US Air Force che continua a rivoluzionare lo sviluppo e la messa in campo del software, compreso quello per controllare i gregari senza pilota.

Categorie: News Militari
Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto