X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


US Navy e Boeing completano i primi test di movimentazione del drone per il rifornimento in volo MQ-25 sul ponte di volo di una portaerei

@ U.S. Navy / MCS 3rd Class Brandon Roberson

La US Navy e Boeing hanno manovrato con successo per la prima volta l’asset di test MQ-25A Stingray [T1] di proprietà di Boeing su una portaerei della US Navy, il primo passo avanti per garantire l’integrazione tra il primo drone da rifornimento in volo e le operazioni dal ponte di volo di una portaerei. La Marina Militare statunitense prevede di iniziare a schierare gli UAS MQ25 sulle sue portaerei di classe Nimitz e Ford a partire dal 2024/2025.

Durante una dimostrazione in corso a bordo della USS George HW Bush (CVN 77), i direttori di cabina di pilotaggio della Marina USA, noti come “camicie gialle”, hanno usato segnali manuali standard per dirigere il T1 proprio come qualsiasi altro aereo imbarcato su portaerei. Invece di un pilota a ricevere i comandi, c’era un Boeing MQ-25 Deck Handling Operator (DHO) che comandava l’aereo utilizzando un nuovo dispositivo portatile di controllo del velivolo sul ponte di volo.

Il drone della Boeing MQ-25 Stingray promette di portare nuove capacità al caccia stealth F-35, migliorando la letalità della flotta della Marina Militare degli Stati Uniti contro i suoi grandi avversari. La USS Bush è la prima di quattro portaerei della Marina USA che saranno modificati con il sistema UMCS – Unmanned Carrier Aviation Mission Control System necessario per far funzionare il velivolo a pilotaggio remoto MQ-25.

Questo è un altro significativo passo avanti nella dimostrazione dell’integrazione del MQ-25 nel Carrier Air Wing sul ponte di volo delle portaerei della nostra flotta“, ha affermato il capitano Chad Reed, direttore del programma Unmanned Carrier Aviation. “Il successo di questo evento è una testimonianza del duro lavoro dei nostri ingegneri, collaudatori, operatori e della stretta collaborazione tra la US Naval Air Force Atlantic e l’equipaggio a bordo del CVN 77.

La dimostrazione ha avuto lo scopo di garantire che il design dell’MQ-25 si integrasse con successo nell’ambiente della portaerei e per valutare la funzionalità, la capacità e le qualità di movimentazione del sistema sul ponte di volo sia in condizioni diurne che notturne. Le manovre hanno incluso il rullaggio sul ponte, il collegamento alla catapulta, lo sgombero dell’area di atterraggio e il parcheggio sul ponte.

La Marina americana ha un processo rigoroso e consolidato per spostare gli aerei sulla portaerei. Il nostro obiettivo era garantire che l’MQ-25 si adattasse al processo senza modificarlo“, ha affermato Jim Young, ingegnere capo dell’MQ-25. “Dalla progettazione dell’aereo alla progettazione del sistema che lo sposta, il nostro team ha lavorato duramente per rendere l’MQ-25 adatto a tutte le condizioni di utilizzo sulla nave“.

Il DHO si è addestrato nel laboratorio di simulazione della movimentazione sul ponte della Boeing a St. Louis, dove si è esercitato a inserire comandi simulati nel dispositivo portatile reale. Il controller portatile è un dispositivo semplice e facile da usare progettato specificamente per una generazione di marinai che comprendono in modo nativo tale tecnologia portatile e hanno esperienza con i controller utilizzati oggi nell’industria dei giochi elettronici.

La dimostrazione di movimentazione del ponte ha seguito una campagna di test di volo di due anni per la risorsa di test T1 di proprietà di Boeing, durante la quale il team di Boeing e della Marina ha rifornito tre diversi velivoli imbarcati: un F/A-18 Super Hornet, un E-2D Hawkeye e un F-35C Lightning II.

La US Navy ci ha fornito due parametri chiave delle prestazioni per il programma: il rifornimento aereo e l’integrazione sul ponte della portaerei“, ha affermato Dave Bujold, direttore del programma Boeing MQ-25. “Abbiamo dimostrato che l’MQ-25 può soddisfare entrambi i requisiti e lo abbiamo fatto anni prima rispetto ai tradizionali programmi di acquisizione“.

L’MQ-25 Stingray è un velivolo senza equipaggio per il rifornimento in volo sviluppato dalla Boeing. Lo Stingray può quasi raddoppiare il raggio d’azione effettivo dei Carrier Air Wings statunitensi. L’MQ-25 darà, quindi, la possibilità di estendere la portata di un Carrier Air Wing probabilmente di 300 o 400 miglia oltre la distanza massima attuale alla quale si spinge di solito. Per fare un esempio consideriamo che oggi il caccia Boeing F/A-18E/F Super Hornet della US Navy ha un raggio di combattimento di non più di 450 miglia.

Questo è uno dei principali programmi in sviluppo per la US Navy in un momento in cui sia la Cina che la Russia stanno investendo incessantemente in tecnologia missilistica antinave. È proprio questo il problema che lo Stingray è chiamato ad affrontare. Controllato attraverso un sistema di navigazione interconnesso, l’MQ-25 Stingray può fornire fino a quindicimila libbre di carburante a una distanza di poco meno di seicento miglia dalla flotta. La Marina USA sta quindi pianificando affinché tutte le portaerei di classe Ford e Nimitz siano in grado di operare con l’MQ-25.

Migliorando notevolmente il raggio di combattimento dei caccia basati sulle portaerei, l’MQ-25 Stingray consentirà alle flotte di liberare più caccia attualmente impiegati per il rifornimento in volo di tipo buddy-buddy per farli tornare alla loro missione principale e, quindi, di proiettare maggiore potenza a distanze più sicure. Con questa nuova capacità di rifornimento, il jet F-35C potrà sfruttare tutta la sua capacità avanzata di sopravvivenza e tutto il suo potenziale di attacco senza essere limitato dalla sua portaerei.

Operazioni offensive che in precedenza sarebbero state considerate troppo rischiose o impraticabili potrebbero finalmente essere fattibili, ampliando notevolmente la portata delle possibilità della Marina USA contro i suoi  avversari più difficili. Queste possibilità includono attacchi ad alto rischio contro infrastrutture e risorse critiche in profondità nel territorio nemico, attacchi contro più bersagli in una singola sortita e una maggiore capacità di adattarsi alle mutevoli circostanze della missione durante il dispiegamento.

Finora, la Marina USA ha ordinato sette velivoli MQ-25, ma intende procurarsi 72 velivoli, e sta mettendo in piedi il Fleet Replacement Squadron per l’addestramento, Unmanned Carrier-Launched Multi Role Squadron VUQ-10, che sarà poi seguito da due squadroni operativi su MQ-25A, il VUQ-11 e il VUQ-12 che schiereranno i distaccamenti presso le portaerei americane.

Photo credits: U.S. Navy / MCS 3rd Class Hillary Becke; U.S. Navy / MCS 3rd Class Brandon Roberson

Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto