E' online il nostro nuovo canale Telegram aggiornato giornalmente con immagini, video, notizie da tutto il mondo dell'aviazione militare e commerciale. Iscriviti oggi cliccando qui, siamo già in tanti!
Esercitazioni

Tre portaerei della NATO, Cavour, de Gaulle e Truman, in addestramento congiunto nel Mediterraneo

Le forze navali di Francia, Italia e Stati Uniti hanno navigato insieme durante l’addestramento navale nel Mar Mediterraneo, dal 6 al 7 febbraio. L’Harry S. Truman Carrier Strike Group (HSTCSG) si è integrato con i gruppi di attacco della Task Force 473 della portaerei francese Charles de Gaulle (R 91) e della portaerei italiana Cavour (C-550), evidenziando la forza dei partenariati marittimi tra le tre nazioni.

Elementi delle forze marittime francesi, italiane e statunitensi operano regolarmente insieme, favorendo un approccio cooperativo verso la sicurezza e la stabilità regionale. Questa opportunità di formazione riunisce tre alleati strategici per rafforzare l’interoperabilità e migliorare le operazioni di cooperazione di fascia alta nella sesta flotta statunitense.

L’Harry S. Truman Carrier Strike Group ha avuto la straordinaria opportunità di lavorare con alcuni dei migliori operatori marittimi della regione e non vedeva l’ora di addestrarsi con i nostri alleati italiani e francesi“, ha affermato il contrammiraglio Curt Renshaw, comandante, Carrier Strike Gruppo Eight. “Le capacità di un gruppo d’attacco di una portaerei statunitense sono rafforzate operando insieme ai nostri alleati e partner; e l’aggiunta dei team francesi e italiani offre un’interessante opportunità per rafforzare insieme la nostra interoperabilità“.

L’HSTCSG ha completato la partecipazione all’attività guidata dalla NATO Neptune Strike 22, il 4 febbraio 2022. Questa attività ha comportato il passaggio dell’HSTCSG al comando e controllo della NATO, evidenziando la naturale evoluzione della capacità della NATO di integrare le capacità di guerra marittima di fascia alta di un gruppo d’attacco di portaerei per sostenere la difesa dell’Alleanza.

Alla Neptune Strike 22 hanno partecipato anche la portaerei italiana Cavour ed elementi del suo gruppo d’attacco, rafforzando la loro partnership marittima sia con gli Stati Uniti che con la NATO. Questa partnership ha brillato anche in altre attività negli ultimi mesi, poiché le unità della Sesta Flotta americana hanno partecipato all’esercitazione italiana Mare Aperto nell’ottobre 2021 e poiché le unità navali americane e italiane continuano ad operare l’una accanto all’altra bilateralmente e attraverso l’alleanza NATO su base routinaria.

È stato un vero piacere operare al fianco di alcuni dei nostri partner più apprezzati al fine di migliorare collettivamente le nostre capacità, dimostrare la forza della nostra alleanza e aumentare l’interoperabilità con i nostri partner“, ha affermato il contrammiraglio Vincenzo Montanaro, comandante della Seconda Divisione Navale e Comandante dell’Italian Carrier Strike Group. “Ci sono poche nazioni che sono in grado di gestire gruppi d’attacco con le portaerei e questa è stata una grande opportunità per confermare l’alto livello di integrazione“.

Il Charles de Gaulle CSG è partito da Tolone, in Francia, per iniziare il suo quattordicesimo dispiegamento nel Mediterraneo, il 1 febbraio scorso. Questo dispiegamento, chiamato Clemenceau 22, riunisce una varietà di risorse alleate, tra cui il cacciatorpediniere americano classe Arleigh Burke USS Ross ( DDG 71). “Navigare a fianco dei nostri alleati della NATO è un obiettivo primario del nostro dispiegamento Clemenceau 22“, ha affermato il contrammiraglio Christophe Cluzel, comandante della Task Force 473. “Eventi come questo rafforzano la nostra interoperabilità e rafforzano gli scambi con i nostri partner NATO, essenziali per la sicurezza dell’Europa in questa zona strategica”.

Per quanto riguarda le forze aeree, la Marina Militare italiana ha messo in campo i velivoli da combattimento AV-8B Harrier II+ che si sono addestrati ed integrati con i Rafale Marine F3R imbarcati sulla De Gaulle francese e con gli Hornet e Super Hornet americani imbarcati sulla USS Truman. I caccia francesi hanno effettuato anche dei touch & go sul ponte di volo della portaerei americana.

@ US Navy / MCS 3rd Class Bela Chambers

La convergenza di tre gruppi d’attacco delle portaerei alleate rafforza l’integrazione marittima consentendo agli equipaggi navali e agli aerei di operare in acque e nello spazio aereo relativamente vicini. Operare insieme in questo modo consente a nazioni e marine diverse di migliorare la loro interoperabilità e la loro capacità di lavorare come una squadra coesa a difesa degli interessi nazionali e alleati.

Gli elementi del gruppo d’attacco americano includono il personale del Carrier Strike Group 8; la nave ammiraglia USS Harry S. Truman; i nove squadroni del Carrier Air Wing One (CVW-1); il personale e i cacciatorpediniere lanciamissili del Destroyer Squadron (DESRON) 28, che includono: USS Gonzalez (DDG 66), USS Bainbridge (DDG 96), USS Gravely (DDG 107); la fregata di classe Fridtjof-Nansen della Royal Norwegian Navy HNoMS Fridtjof Nansen (F310); l’incrociatore di classe Ticonderoga USS San Jacinto (CG 56). Anche la USS Cole (DDG 67) e la USS Jason Dunham (DDG 109) fanno parte del gruppo d’attacco della portaerei Truman e attualmente supportano l’area operativa della quinta flotta degli Stati Uniti.

La sesta flotta degli Stati Uniti, con sede a Napoli, in Italia, conduce l’intero spettro di operazioni congiunte e navali, spesso in concerto con partner alleati e inter-agenzia, al fine di promuovere gli interessi nazionali degli Stati Uniti, la sicurezza e la stabilità in Europa e Africa.

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto