Prova il nostro nuovo servizio gratuito AvRep WhatsApp! Salva nella tua rubrica il nostro numero di telefono +39 342 049 1665 e inviaci un messaggio WhatsApp con scritto "ok aviation". Ti invieremo un articolo a settimana tra quelli più letti e a fine mese la newsletter con tutti gli articoli più letti. Nulla di più! Per annullare l'iscrizione sarà sufficiente cancellare il nostro numero dalla tua rubrica. Iscrivendoti accetti la privacy del sito web
Aerei militari

Il primo velivolo F-35I “Adir” sperimentale utilizzato al di fuori degli Stati Uniti è arrivato al Centro di collaudo dell’aeronautica militare israeliana

Ieri 11 novembre 2020, il primo velivolo F-35I (“Adir”) sperimentale utilizzato al di fuori degli Stati Uniti è arrivato all’Israeli Air Force Flight Testing Center (FTC) di Tel-Nof AFB . Questa data, segna l’inizio di una nuova era nello squadrone dello IAF Flight Testing Center (FTC): per la prima volta in 14 anni, un  jet da combattimento dotato di capacità sperimentali avanzate è stato preso in carico dallo squadrone.

L’arrivo dell’Adir (F-35I), sviluppato per la sperimentazione, arricchirà notevolmente l’indipendenza della Israeli Air Force nel migliorare la sua flotta di velivoli di quinta generazione. Cosa rende il jet così unico e in che modo i piloti della IAF estenderanno i limiti e le capacità di uno dei velivoli più avanzati al mondo?

Con la nuova aggiunta dell”Adir alle linee di velivoli sperimentali nello squadrone FTC dell’aeronautica israeliana, stiamo assistendo a un evento storico, la cui entità non può essere sottovalutata, un obiettivo significativo nell’inaugurazione e nello sviluppo della divisione  F-35 della IAF “, ha detto il Brig. Gen. Oded Cohen, comandante della base aerea di Tel-Nof. “Per il personale dello squadrone FTC l’arrivo dell’Adir pone nuove sfide. Non ho dubbi che in virtù della sua abilità e del suo spirito professionale saprà, come ha dimostrato in passato, come sfidare i limiti delle capacità dell’Adir e guidare la IAF verso nuovi orizzonti”.

Uno degli aspetti straordinari dell’IAF è il suo utilizzo di sistemi operativi e armamenti di produzione nazionale sulle sue varie piattaforme di volo. Nella maggior parte delle acquisizioni effettuate in cooperazione con gli Stati Uniti, l’IAF ha l’opportunità di installare i propri sistemi di guerra elettronica, comunicazioni e armi, il tutto per adattare le piattaforme alle esigenze e ai requisiti operativi della forza aerea israeliana. Per l’F-35I la situazione è più complicata perchè nel programma “Adir” l’IAF non ha accesso a tutto il sistema del velivolo e non può intervenire completamente.

La divisione “Adir” è destinata a svolgere un ruolo centrale nel futuro dell’attività operativa della Israeli Air Force avendo la necessità di testare il velivolo e adattare i suoi sistemi d’arma alla realtà operativa sul campo. L’F-35I sperimentale fungerà da elemento principale per l’acquisizione di nuove capacità di volo e consentirà l’installazione indipendente degli armamenti israeliani.

Le nuove armi influenzeranno l’aereo in modi diversi, così verranno eseguiti un’intera serie di test per certificare varie capacità, come test di carico, fluttering e fluidità di rilascio degli armamenti. Nei test di carico, verranno esaminate le interazioni delle armi con il velivolo durante l’esecuzione di manovre complesse. Nei test di flutter, verranno controllati i fenomeni aerodinamici che possono mettere in pericolo il velivolo. Durante i test della fluidità del rilascio, verranno analizzate i problemi nel processo di rilascio delle munizioni, un test significativo per l ‘”Adir” poiché il suo carico utile viene rilasciato dalla stiva interna del jet. Una volta completato il processo di test, le forze aeree israeliane saranno in grado di determinare le linee guida per operare con le nuove capacità.

Oltre ai reparti di volo e tecnici, lo squadrone FTC dispone di un reparto sistemistico per l’analisi dei dati. Gli aerei dello squadrone sono dotati di sistemi che raccolgono i dati che vengono successivamente utilizzati per esaminare i risultati dei test. Il dipartimento dei sistemi si concentra sulla raccolta e l’analisi dei dati dai sistemi dei velivoli, inclusa la condivisione delle informazioni in tempo reale allo squadrone a terra, dove il test è attentamente monitorato.

Lo scopo del reparto sistemistico è quindi fornire dati che il velivolo non è in grado di visualizzare da solo, consentendo così un’efficace esperienza di de-briefing e apprendimento. La maggior parte dei sistemi vengono installati durante la produzione del jet e il Reparto Sistemi può aggiungerne di nuovi in ​​base al tipo di test. Durante la pianificazione dell’acquisizione dell’F-35I sperimentale, l’IAF ha iniziato a stabilire il tipo di test che si sarebbero svolti e di conseguenza, i sistemi appropriati sono stati sviluppati durante la produzione.

Nel prossimo futuro, in concomitanza con l’integrazione del velivolo, tecnici specializzati americani della Lockheed Martin arriveranno allo squadrone per fornire istruzioni sul velivolo al personale israeliano. “L’Adir parla una lingua diversa, una con cui dobbiamo connetterci e imparare a capire“, ha detto il Magg. Manny Comandante del Dipartimento dei sistemi e il Ten. Col. Y  comandante dello squadrone FTC ha aggiunto: “L’IAF sa come far funzionare l’Adir, ma non sa ancora come utilizzare il modello sperimentale. Abbiamo bisogno di ricevere le conoscenze rilevanti per poter utilizzare l’aereo e farlo volare prima dell’inizio dei processi di test”.

La linea di volo del FTC – Flight Testing Center gestisce tutti i jet da combattimento della IAF e il dipartimento tecnico è responsabile della loro gestione regolare ed accurata. “L’aereo di quinta generazione è diverso dal resto degli aerei dell’FTC “, ha sottolineato il Mag. A. Technical Officer dello squadrone.Di conseguenza, tutto il personale tecnico dell’Adir è stato sottoposto ad una serie di addestramenti designati al fine di massimizzare la propria indipendenza prima del arrivo del jet. L’integrazione dell’Adir aggiunge un livello di complessità alla routine del reparto poiché anche la manutenzione dell’F-35I è diversa. L’arrivo del velivolo costituisce una tappa significativa sia per la squadriglia che per l’ufficio tecnico”.

Un F-35 su misura per Israele

Perché esattamente questo modello sperimentale di F-35I è il primo del suo genere al mondo? Ad oggi, gli unici modelli sperimentali di F-35 fabbricati erano velivoli di prova aeromeccanici di limitata capacità operativa o modelli di prova destinati a esaminare sistemi specifici. Il modello “Adir” in arrivo ha capacità avanzate di test aeromeccanici e capacità operative complete. Analogamente ad altri velivoli di prova in servizio nell’FTC potrà essere, se necessario, convertito in un modello operativo.

Il modello di prova del F-35I Adir è il primo in assoluto ad essere prodotto negli Stati Uniti, su nostra richiesta. Ora, loro saranno probabilmente in grado di produrre altri velivoli sulla base di questo modello per se stessi“, ha detto il tenente colonnello Y . “Non appena saremo completamente preparati, saremo in grado di far progredire la divisione ‘Adir’ e le sue capacità“.

Lo sviluppo, non specificato, sempre più indipendente svolto da Israele ha portato quindi a produrre una versione dell’aereo espressamente adattata alle esigenze del paese mediorientale che differisce in modo significativo dalla versione di Lockheed Martin. Tutte le piattaforme aeree adottate da Israele sono state aggiornate nel corso del loro utilizzo per consentirne di svilupparne l’inviluppo di volo utilizzando i sistemi d’arma unici prodotti dall’industria israeliana. Le modifiche pianificate rispecchiano in molti modi il lavoro precedente che Israele ha svolto sui suoi caccia F-15 e F-16 di fabbricazione americana entrambi equipaggiati con sistemi, avionica e armi specifiche per il paese.

Nel 2016 la Israel Aerospace Industries aveva confermato che avrebbe installato una suite aggiuntiva di software di comando e controllo in aggiunta alla programmazione di base dell’F-35 quando avrebbe ricevuto i suoi primi jet. Nessun altro paese che partecipa al programma Joint Strike Fighter ha ricevuto il diritto di modificare l’aereo a questo livello, dovendo invece fare affidamento su strutture centrali con sede negli Stati Uniti per ideare nuovi pacchetti di codice. I funzionari israeliani non hanno mai rivelato ciò che le loro linee di codice aggiuntive aggiungeranno alle funzionalità esistenti dell’aereo.

Sembra ragionevole presumere che la modifica aiuterebbe a collegare il computer di missione e i sensori dell’aereo a reti specifiche di Israele, ma potrebbe includere anche una serie di altri cambiamenti pianificati per nuovi sistemi di comunicazione e contromisure elettroniche difensive, per nuovi sistemi di attacco elettronici attivi per bloccare i radar o le radio nemiche, per nuovi armamenti peculiari delle forze aeree israeliane. Queste modifiche potrebbero potenzialmente rendere i jet israeliani più polivalenti rispetto ai loro omologhi in tutto il mondo.

Avere accesso al software e all’architettura dei sistemi di missione potrebbe aiutare a mantenere i jet pienamente funzionanti anche se il paese si trovasse improvvisamente tagliato fuori dall’infrastruttura globale che le forze armate statunitensi, Lockheed e altri futuri operatori dell’F-35 hanno stabilito per supportare l’ALIS e il prossimo ODIN. Forse ancora più importante, Israele si è anche assicurato il diritto unico di eseguire la manutenzione a livello di deposito, per includere la revisione di motori e componenti della cellula, all’interno del paese. Gli operatori del Joint Strike Fighter dovranno invece inviare i loro aerei a strutture designate in paesi specifici.

Israele prevede di introdurre almeno fino a 75 esemplari del caccia di quinta generazione stealth F-35I (forse anche qualche esemplare della versione B), sostanzialmente equivalenti agli F-35A, ma che incorporano una proporzione crescente di tecnologie e armi di fabbricazione israeliana. Il 12 dicembre 2016, Israele è diventato il terzo paese a ricevere i propri F-35 sul suolo nazionale quando la prima coppia di caccia è arrivata sulla base aerea di Nevatim.

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto