X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


I Mirage 2000 greci sarebbero in vendita per poter acquistare più Rafale

@ Aviation Report / Andrea Avian

Nel 2022, dopo aver ordinato ventiquattro cacciabombardieri Rafale dalla Francia, l’aeronautica militare greca ha ritirato dal servizio 18 Mirage 2000 EGM/BM del 332 Mira per concentrarsi, in particolare, sul supporto ai suoi Mirage 2000-5, più efficienti. Tuttavia questi Mirage 2000 greci più anziani, acquisiti nel 1985 da Atene, potrebbero essere venduti per riprendere a volare, ma sotto altra bandiera.

Secondo le informazioni del quotidiano Kathimeriní, infatti, Atene intenderebbe rivendere i Mirage 2000 greci all’India che, ormai da quattro anni, cerca di rafforzare la propria flotta di Mirage 2000. Nel 2021, era stato riferito che l’aeronautica militare indiana stava cercando di ottenere ulteriori 24 esemplari del noto caccia della Dassault.

Come la sua controparte greca, l’India si sta dotando del caccia Rafale in 36 unità. Tuttavia, si trova anche ad affrontare un deficit relativamente elevato nel settore degli aerei da combattimento, al punto che non sarebbe in grado di schierare i 42 squadroni di caccia previsti. Da qui l’idea di acquistare dei Mirage 2000 di seconda mano, che affiancherebbero i 44 Mirage 2000H/I già in servizio, ma che potrebbero anche fornire pezzi di ricambio per estendere la carriera operativa degli esemplari operativi.

Secondo Kathimeriní, il governo greco vedrebbe questa possibile vendita dei Mirage 2000 EGM/BM come un modo per aumentare la cooperazione militare con l’India. “La decisione di vendere questi Mirage ritirati dal servizio presenterebbe vantaggi più politici che economici“, scrive, dato che l’importo della transazione dovrebbe ammontare a “qualche milione di euro“.

Tuttavia anche i più recenti Mirage 2000-5 in servizio con il 331 Mira che, dopo la firma del nuovo contratto di supporto hanno raggiunto una disponibilità del 50%, potrebbero essere oggetti di una futura vendita a causa del supporto ormai costoso e dell’abbandono del progetto di integrarli al Link 16 per agevolare le comunicazioni con gli F-16V, i Rafale e in futuro con gli F-35. “Ciò significa che i Mirage 2000-5 passeranno ad un ruolo secondario, svolgendo principalmente missioni di intercettazione, come i vecchi F-16 Block 30”, spiega Kathimeriní.

Da qui l’idea di Atene, di rivendere i 24 Mirage 2000-5 mentre hanno ancora del potenziale operativo, per finanziare l’acquisto di altri caccia Rafale. Entro la prima metà dell’anno la Grecia prenderà in consegna gli ultimi sei Rafale dell’ordine supplementare, portando il numero totale a 24.

Con un potenziale acquisto di altri sei velivoli, l’aeronautica militare greca potrebbe portare a due, gli squadroni con 15 caccia Rafale ciascuno, dicono le fonti. Con 30 aerei di questo tipo, l’aeronautica militare greca sarebbe in grado di equipaggiare due squadroni. Tutto ciò consentirebbe di rafforzare qualitativamente le capacità dell’aviazione militare greca e razionalizzando al tempo stesso la manutenzione.

Le stesse fonti chiariscono però che è ancora troppo presto per prendere decisioni e che i Mirage 2000-5 continueranno a volare con i colori dell’Aeronautica Militare, sottolineando che tutti gli scenari sono sul tavolo.

Approfondimento: la storia dei Mirage 2000 di Atene 

Immagini: Aviation Report / Andrea Avian

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp

Categorie: News Militari
Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto