convertiplani Osprey
@ Aviation Report / Alessandro Maggia

La flotta di circa 400 convertiplani Osprey torna a volare

L’8 marzo 2024 l’US Naval Air Systems Command (NAVAIR) ha emesso l’autorizzazione al volo per i convertiplani Osprey, rimuovendo così il velivolo dalla messa a terra forzata dopo l’ultimo incidente avvenuto a novembre 2023. Questa decisione è giunta dopo un approccio meticoloso e basato sui dati che dà priorità alla sicurezza degli equipaggi di volo, ha detto il NAVAIR.

La scorsa settimana avevamo già dato notizia dell’imminente ripresa dei voli da parte degli Osprey. Nei mesi successivi all’incidente, le tre forze armate, USAF, US Navy e USMC, hanno lavorato su piani per mitigare il noto problema del velivolo eseguendo ulteriori controlli di sicurezza e stabilendo un nuovo approccio più conservativo al modo in cui viene utilizzato l’Osprey.

Un’indagine dell’aeronautica militare americana è iniziata in seguito alla tragica perdita di otto aviatori durante l’incidente del 29 novembre 2023 al largo di Yakushima, in Giappone. In risposta all’indagine preliminare che indicava un guasto di un componente del V-22, il 6 dicembre 2023 è stata avviata la messa a terra di tutta la flotta dei convertiplani Osprey, americani e giapponesi.

Il Pentagono condividerà i suoi piani anche con il Giappone, che è l’unico partner internazionale coinvolto nel programma Osprey e che aveva messo a terra la sua flotta di 14 V-22 dopo l’incidente di novembre 2023. Il ritorno al volo dei convertiplani V-22 Osprey è un argomento delicato in Giappone, dove l’opinione pubblica sul convertiplano è contrastante.

Oltre a guidare la reintroduzione degli Osprey nella flotta statunitense, NAVAIR ha dovuto anche coordinarsi con il governo giapponese. Il vice ammiraglio Carl Chebi, l’ufficiale responsabile di NAVAIR, è in Giappone per discutere i piani del Pentagono per il V-22 sia con funzionari giapponesi che con leader statunitensi di stanza nel paese. I funzionari statunitensi, parlando con i giornalisti, hanno sottolineato di aver tenuto informati i giapponesi durante il corso delle indagini che sono seguite dopo la messa a terra della flotta a inizio di dicembre 2023.

Anche se sono stati forniti pochi dettagli sulle indagini e sulle cause dell’incidente, la messa a terra ha fornito il tempo per una revisione approfondita dell’incidente e la formulazione di controlli di mitigazione del rischio per assistere la fase del riportare alle operazioni di volo in sicurezza il V-22.

Di concerto con l’indagine in corso, il NAVAIR ha collaborato con l’USAF per identificare il guasto che ha portato all’incidente. Lo stretto coordinamento tra i principali dirigenti senior della Marina americana, del Corpo dei Marines e dell’aeronautica americana è stato fondamentale nel formulare la revisione completa e il piano di ritorno al volo. Questa collaborazione continuerà nei prossimi mesi.

Sono state implementate modifiche procedurali e di manutenzione, per far fronte al guasto, che consentono così il ritorno al volo in sicurezza. La Marina degli Stati Uniti, il Corpo dei Marines degli Stati Uniti e l’Aeronautica americana eseguiranno ciascuno i propri piani di ritorno ai voli secondo le linee guida specifiche del servizio. NAVAIR ha detto che continuerà a lavorare per la sicurezza in merito a tutte le operazioni dei convertiplani Osprey.

Come sappiamo l’Osprey è un aereo militare che può decollare come un elicottero e volare come un aeroplano, un convertiplano. Una serie di incidenti negli ultimi due anni ha rinnovato gli interrogativi sulla sua sicurezza del volo. La messa a terra dell’intera flotta ha lasciato un impatto più profondo sul Corpo dei Marines degli Stati Uniti, che fa affidamento su più di 300 MV-22 Osprey per condurre gran parte delle sue missioni.

Il Comando delle Operazioni Speciali dell’aeronautica militare statunitense ha circa 50 CV-22B Osprey, mentre la US Navy sta progettando di sostituire i suoi iconici C-2A Greyhound (COD), che trasportano passeggeri e merci sulle portaerei, con più di due dozzine di CMV-22 Osprey. La flotta presidenziale utilizza anche un numero limitato di Osprey per trasportare il personale della Casa Bianca, il personale di sicurezza e i giornalisti. Anche questi aerei sono stati messi a terra.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp e sul nuovo canale Threads