Prova il nostro nuovo servizio gratuito AvRep WhatsApp! Salva nella tua rubrica il nostro numero di telefono +39 342 049 1665 e inviaci un messaggio WhatsApp con scritto "ok aviation". Ti invieremo un articolo a settimana tra quelli più letti e a fine mese la newsletter con tutti gli articoli più letti. Nulla di più! Per annullare l'iscrizione sarà sufficiente cancellare il nostro numero dalla tua rubrica. Iscrivendoti accetti la privacy del sito web
Aeronautica Militare

[Immagini] a Venegono attività fotografica tra M-345, M-346 e C-27J

Venegono, casa Leonardo, per tutti è ancora Aermacchi, il brand storico ancora rappresentato sulle derive dei nuovi prodotti sfornati dalla casa varesina.

Nel tardo pomeriggio di lunedì 27 luglio si è svolta un’insolita attività sulla pista locale sulla quale sono giunti un C-27J Spartan con i colori dell’Aviazione Militare del Kenya, un anziano quanto sgargiante Jet Provost di proprietà di Vola Fenice che si sono affiancati al best-seller M-346 Master e ad uno dei due primi M-345 HET (High Efficiency Trainer) destinati all’Aeronautica Militare, con la livrea della forza armata.

La piccola formazione è decollata per svolgere una breve ma suggestiva attività fotografica sui cieli del Lago di Como che non è sfuggita a tanti cittadini e naturalmente appassionati. Il C-27J ha lavorato come piattaforma fotografica a favore del M-345 e del M-346.

Il 12 giugno 2019, Leonardo ha sottoscritto con il Ministero della Difesa un secondo contratto per la fornitura di 13 aerei da addestramento M-345, che entrerà in servizio con l’Aeronautica Militare con la sigla T-345A, per un valore complessivo di 300 milioni euro, naturalmente comprensivo di supporto, e sistemi d’addestramento. Il nuovo ordinativo segue una fornitura iniziale di 5 velivoli M-345 e che porta a 18 il numero totale ed attuale di addestratori ordinati dall’Aeronautica Militare.

Spinto da un motore turboventola Williams FJ44-4M-34 ottimizzato per impiego militare ed acrobatico, il piccolo jet bi-posto è dotato di un cockpit con comandi HOTAS (Hands-On Throttle And-Stick), 3 MFD (Multi-Function Displays) e un Head-Up Display, che nell’abitacolo posteriore è sostituito da un quarto MFD che ripete quanto viene mostrato nell’HUD anteriore. I nuovi M-345 sono destinati ad integrare i più prestanti T-346A impiegati per la fase avanzata dell’addestramento dei piloti dell’AM.

ll nuovo M-345 HET (High Efficiency Trainer) è un velivolo a basso costo di gestione privo delle complessità dei turboelica avanzati che permetterà alla forza armata di comprimere i tempi di addestramento, contenere naturalmente i costi, permettendo ai propri allievi piloti di disporre di una piattaforma moderna, networkcentrica e che beneficia dell’esperienza messa a frutto dal “fratello maggiore” M-346.

Alla riduzione dei costi, contribuiscono la lunga vita a fatica del velivolo, la filosofia di manutenzione, articolata su due soli livelli che elimina le costose revisioni generali, e il sistema di monitoraggio di struttura e impianti HUMS (Health Usage and Monitoring System).

L’M-345 che si è alzato in volo per la missione è il secondo esemplare per l’Aeronautica Militare, seppur ancora dotato della matricola provvisoria CSX55234. Nelle foto a corredo sono visibili il prototipo e il primo aereo con matricola CSX55233 ancora privo della colorazione definitiva.

Come tutti sappiamo, il T-345A, una volta in servizio presso la scuola di volo di Galatina, sarà destinato a sostituire gli amatissimi ma anziani MB-399A PAN ancora in carico alla Pattuglia Acrobatica Nazionale.

Testo: Gianluca Conversi
Immagini: Giovanni Clemente, Sergio Marzorati, Paolo Menegatti

Condividi
Gianluca Conversi

Nato a Parma, vive a Brescia. Grande appassionato di fotografia aeronautica e sportiva, annovera un passato da radiocronista sportivo per alcune radio private emiliane. Collabora come fotografo sportivo con l’associazione Oldmanagency. Si occupa di processi aziendali i e formazione presso una multinazionale leader nei settori del trasporto internazionale e logistica integrata. Ho volato su AB-412, NH-500 (GdF), S-208 (AM).

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto