Prova il nostro nuovo servizio gratuito AvRep WhatsApp! Salva nella tua rubrica il nostro numero di telefono +39 342 049 1665 e inviaci un messaggio WhatsApp con scritto "ok aviation". Ti invieremo un articolo a settimana tra quelli più letti e a fine mese la newsletter con tutti gli articoli più letti. Nulla di più! Per annullare l'iscrizione sarà sufficiente cancellare il nostro numero dalla tua rubrica. Iscrivendoti accetti la privacy del sito web
Esercitazioni

Il Gruppo Operativo Incursori del Comsubin si addestra al controterrorismo navale tramite aviolancio

Il Gruppo Operativo Incursori (GOI) del COMSUBIN (Comando Subacquei Incursori) della Marina Militare ha svolto una complessa esercitazione nel contesto del controterrorismo navale, finalizzata a testare le capacità di intervento in termini di prontezza, proiezione ed ingaggio.

Nello specifico, presupponendo uno scenario per il quale si rendeva necessario lanciare un’operazione di liberazione ostaggi (HRO – Hostage Rescue Operation) su una unità mercantile italiana sequestrata in acque internazionali ed a grande distanza dalla madrepatria, un team di assalto del GOI costituito da una Special Operation Task Unit (SOTU) è decollata dall’aeroporto militare di Pisa a bordo di un velivolo C-130J Hercules della 46^ Brigata Aerea dell’Aeronautica Militare per raggiungere l’area di operazione con aviolancio in caduta libera, unitamente a gommoni a chiglia rigida (RHIB) tipo Zodiac Hurricane 7.33, anch’essi aviolanciati con tecnica Puribad (Platform Unit Rigid Inflatable Boat Air Delivery).

Tale capacità di inserzione è denominata Maritime Craft Aerial Delivery System (MCADS) e garantisce al GOI la possibilità di intervenire ovunque con la massima rapidità, attraverso dispositivi aeronavali della Marina Militare dedicati e che permettono il necessario supporto alla condotta di operazioni speciali nel dominio marittimo. Trattasi quindi di un assetto particolarmente pregiato per il quale gli Incursori di Marina sono in costante prontezza per interventi sia in territorio nazionale che estero in concorso con il Ministero degli Interni.

La condotta di queste operazioni è anche un modello virtuoso di profonda sinergia joint con le altre Forze Armate per la proiezione strategica dei team GOI, attraverso il prezioso contributo rappresentato dalla 46^ Aerobrigata dell’Aeronautica Militare e dal Battaglione Avio della Brigata Paracadutisti dell’Esercito.

Immagini: UPICOM Marina Militare

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto