X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


F-35C dei Marines americani: attivato il secondo gruppo di volo

@ USMC photo by 1st Lt. Charles Allen / Released

Il 3rd Marine Aircraft Wing ha riattivato il Marine Fighter Attack Squadron 311, uno squadrone su F-35C Lightning II, presso la Marine Corps Air Station Miramar, California, 14 aprile 2023. Il VMFA-311 è il secondo squadrone F-35C dei Marines americani. L’F-35C è la versione del caccia stealth di quinta generazione basata su portaerei sviluppata per la US Navy ed utilizzata anche dal Corpo dei Marines statunitensi.

Il Comandante del 3rd Marine Aircraft Wing (MAW), il Comandante Generale Magg. Gen. Bradford J. Gering ha commentato che “avendo servito due volte nel VMA-311, i Tomcats occupano un posto speciale nel mio cuore“, ha detto Gering. “Siamo estremamente entusiasti di aggiungere un altro squadrone F-35C al 3rd MAW. La portata e la flessibilità operativa che il VMFA-311 porterà alla 1st Marine Expeditionary Force è impressionante e si aggiunge alla nostra capacità di combattimento in ogni dominio”.

Il Corpo dei Marines sta attraversando una transizione chiave verso l’F-35 per mantenere il suo vantaggio nei conflitti futuri. Il VMA-311 era stato disattivato il 15 ottobre 2020 e ora la sua riattivazione segna il passaggio per il gruppo di volo all’F-35C Lightning II, che portarà le sue capacità uniche al 3rd MAW come complemento a lungo raggio delle risorse aeronautiche esistenti.

L’F-35C offre una piattaforma di combattimento/attacco a lungo raggio con le più avanzate capacità stealth“, ha dichiarato il Tenente Colonnello Michael P. Fisher, comandante del VMFA-311. “L’Harrier è stata una grande arma che ha servito bene il Corpo dei Marines ed è stata sostituita con una piattaforma più avanzata e capace. L’F-35 è stato progettato per il combattimento odierno e futuro“.

La riattivazione supporta il Piano per l’aviazione del Corpo dei Marines del 2022, che delinea gli sforzi di modernizzazione in corso in tutta l’aviazione navale statunitense. Il piano dà la priorità alla prontezza, rafforza l’importanza del combattimento e proiezione dal mare e si concentra nuovamente sul personale, sul supporto, sulla logistica e sulle capacità di combattimento moderne.

Stiamo adottando un approccio aggressivo per costruire capacità che sosterranno il Corpo dei Marines rendendolo ancora più letale, efficace e capace di sopravvivere sul campo di battaglia“, aveva dichiarato nel 2022 l’allora Vice Comandante dell’aviazione dei Marines, il Tenente Generale Mark R. Wise.

I “Tomcats”, uno squadrone di “primati” per l’aviazione del Corpo dei Marines, era stato originariamente costituito nel 1942 come Marine Attack Squadron 311 presso la Marine Corps Air Station Cherry Point, nella Carolina del Nord, dove fu schierato per la prima volta a sostegno dei combattimenti sulle isole durante la seconda guerra mondiale.

Lo squadrone ha aperto la strada all’aviazione del Corpo dei Marines in molti eventi: è stato il primo squadrone dei Marines ad utilizzare aerei da combattimento per missioni di bombardamento in picchiata, ha volato la prima missione di combattimento dei Marines con jet nel 1950 durante la Guerra di Corea, è stato il primo squadrone dei Marines ad impiegare l’AV-8B Harrier in combattimento durante l’Operazione Desert Shield, il primo a volare in missioni di combattimento in Afghanistan durante l’Operazione Enduring Freedom, e ha partecipato alla prima sortita di combattimento dell’Operazione Iraqi Freedom nel 2003.

Questa riattivazione non riguarda l’aereo, riguarda le persone“, ha affermato il colonnello Shannon M. Brown, comandante del Marine Aircraft Group 11. “Guardando a ciò che questo squadrone ha fatto nel corso degli anni è impressionante considerando i suoi 13 encomi. I Tomcats si occupano di combattere e vincere e ora questa eredità è affidata al Tenente Colonnello Fisher“.

L’altro gruppo di volo di F-35C dei Marines è il VMFA-314 “Black Knights”, che ha sede presso la Marine Corps Air Station Miramar di San Diego in California, e che è stato il primo squadrone del Corpo dei Marines a passare alla variante F-35C del caccia dopo aver ritirato il suo velivolo F-18A/C legacy. La transizione dei Black Knights verso l’F-35C era iniziata nel giugno 2019 con il primo velivolo ricevuto il 21 gennaio 2020,

Con l’attivazione del secondo squadron di F-35C dei Marines, ora il 3rd MAW ha quattro gruppi di volo operativi sul caccia stealth di quinta generazione. Insieme al VMFA-314 “Black Knights”, ci sono il VMFA-311 “Tomcats” su F-35C,  il VMFA-122 “Flying Leathernecks” su F-35B e il VMFA-211 “Avengers” su F-35B.

Lo US Marine Corps ha così in servizio due varianti del caccia stealth della Lockheed Martin. Quindi, mentre la variante F-35B STOVL (Short Take Off Vertical Landing) offrirà la possibilità di operare da aeroporti austeri e navi d’assalto anfibie, la versione F-35C Carrier Variant consentirà all’USMC di integrare i suoi squadroni con i Carrier Air Wings della US Navy a bordo delle grandi portaerei della Marina USA.

L’F-35 rappresenta il futuro dell’aviazione tattica del Corpo dei Marines e fornirà agilità strategica, flessibilità operativa e supremazia tattica alla Marine Air Ground Task Force. La flotta aerea dell’USMC dovrebbe, in futuro, essere composta da 353 F-35B, versione STOVL a decollo corto ed atterraggio verticale e da circa 43-67 F-35C, versione Carrier Variant. Le due versioni sostituiranno le flotte di F-18 Hornet ed AV-8B Harrier II+.

La capacità dell’F-35C dei Marines di combinare capacità stealth avanzate, avionica integrata e il pacchetto di sensori più potente che il Dipartimento della Difesa abbia mai visto gli consentirà di operare in aree contese e conferirà al Corpo dei Marines un’abilità senza pari di mantenere la superiorità aerea in condizioni dinamiche, imprevedibili e ambienti competitivi.

Categorie: News Militari
Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto