Prova il nostro nuovo servizio gratuito AvRep WhatsApp! Salva nella tua rubrica il nostro numero di telefono +39 342 049 1665 e inviaci un messaggio WhatsApp con scritto "ok aviation". Ti invieremo un articolo a settimana tra quelli più letti e a fine mese la newsletter con tutti gli articoli più letti. Nulla di più! Per annullare l'iscrizione sarà sufficiente cancellare il nostro numero dalla tua rubrica. Iscrivendoti accetti la privacy del sito web

Il 66° Reggimento Fanteria Aeromobile Trieste si addestra alle Urban Operations presso la 173rd Airborne Brigade

Dal 14 al 18 dicembre 2020, il personale del 66° Reggimento Fanteria Aeromobile “Trieste”, in approntamento per le missioni all’estero, ha svolto una serie di attività addestrative nelle Caserme “Ederle” e “Del Din” di Vicenza, sedi della 173rd Airborne Brigade dell’US Amrmy, l’Esercito americano.

L’unità aeromobile, affiancata da istruttori statunitensi, si è addestrata utilizzando strutture e simulatori messi a disposizione dalla unità statunitense, nel pieno del rispetto delle misure volte a prevenire il contagio da COVID-19. Il focus delle attività è stato l’addestramento alle “Urban Operations” (U.O.) e il perfezionamento al tiro anche in condizioni di stress fisico e mentale, fondamentale per elevare la preparazione di un soldato.

L’attività addestrativa si è svolta in un’apposita struttura denominata “shooting house” e ha visto l’utilizzo del sistema di simulazione “Simunition”, in dotazione all’Esercito Italiano, che permette di addestrare il personale all’utilizzo del fuoco in maniera proporzionale, mirata e selettiva.

Il sistema “Simunition”, oltre alle protezioni per il personale, comprende il kit di conversione dell’arma e il munizionamento non letale FX, che viene utilizzato per elevare il grado di realismo in totale sicurezza. La Forza Armata, ormai da diversi anni, promuove e incentiva l’utilizzo di sistemi di simulazione per la formazione e il mantenimento delle capacità operative.

Contestualmente all’addestramento alle U.O., l’unità aeromobile ha potuto svolgere esercizi di perfezionamento del tiro con i sistemi di simulazione Squad Advanced Marksmanship Trainer (S.A.M.T.) e Gunfighter Gym.

L’attività addestrativa ha consentito ai Comandanti di minore unità di affinare le capacità di comando e controllo in vari scenari operativi e ai fanti aeromobili, di perfezionare la propria preparazione e le proprie competenze grazie all’uso di moderni sistemi ed equipaggiamenti che consentono, in piena sicurezza, l’esecuzione di attività tattiche tese ad incrementare le capacità di impiego delle truppe aeromobili in Patria e all’estero.

La Brigata Aeromobile Friuli

La Brigata Aeromobile Friuli con sede a Bologna, oggi al comando del Generale di Brigata Stefano Lagorio, ha partecipato ai due conflitti mondiali e a tutte le più importanti missioni all’estero italiane. Nel 2000 la Brigata viene riconfigurata da meccanizzata in aeromobile con l’assegnazione dei due Reggimenti elicotteri 5° “Rigel” e 7° “Vega”, oggi affiancati dal 66° “Trieste”, unica unità di fanteria aeromobile in ambito Forza Armata. La brigata è inoltre responsabile del CFA – Centro di Formazione Aeromobile presso il reggimento di fanteria e di due CFE – Centro di Formazione Elicotteri presso i reggimenti elicotteri.

Con l’attuale configurazione, la Brigata Aeromobile “Friuli” garantisce una costante presenza dei propri assetti aerei e terrestri all’estero e sul territorio nazionale in attività di “homeland security” nel comparto Strade Sicure. Inoltre in stretto coordinamento con il COMAVES la brigata può fornire una componente capace di effettuare operazioni a bordo di navi della marina Militare della classe San Giusto e San Giorgio. La Brigata Aeromobile Friuli è inquadrata nella Divisione Vittorio Veneto con sede a Firenze.

La “Friuli” fa parte delle forze di manovra ed è stata concepita per esprimere un potenziale bivalente, cioè in grado di sfruttare tutte le possibilità che l’aeromobilità e l’aeromeccanizzazione offrono nei diversi ambienti operativi. Dispone sia di forze terrestri sia di una forte componente di elicotteri multiruolo e da esplorazione e scorta in grado di condurre operazioni anche in maniera indipendente. La capacità aeromobile è risultante dall’integrazione delle specifiche capacità proprie delle unità di volo e di fanteria leggera, poste sotto un unico comando e in grado di assolvere missioni nell’ambito delle quali, le forze, con i loro equipaggiamenti, manovrano nell’Area di Operazione per mezzo di aeromobili, al fine di ingaggiare il combattimento dall’aria e proseguirlo sia a terra che dall’aria.

Il perno della Brigata Aeromobile è quindi rappresentato dal ruolo delle componenti ad ala rotante e di fanteria aeromobile che possono assurgere, in funzione del tipo di missione, ad elemento principale della manovra, lasciando ad altre componenti il compito di supporto. Lo strumento aeromobile/aeromeccanizzato è contraddistinto da flessibilità, rapidità e precisione di ingaggio degli assetti ad ala rotante e consente, altresì, il dispiegamento, con ridotto preavviso ed in profondità nel territorio ostile o potenzialmente ostile, delle forze terrestri, al fine di proseguire congiuntamente lo sforzo principale. La manovra dall’aria e la manovra a terra corrispondono, pertanto, a differenti e complementari modalità di condotta di un’operazione terrestre, nella quale le due forme si integrano ed assumono un ruolo, più o meno preponderante, in funzione dei compiti assegnati alla componente ad ala rotante.

Immagini: Brigata Aeromobile Friuli

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto