X-59 NASA Lockheed Martin
@ NASA, Lockheed Martin

X-59: presentato ufficialmente il rivoluzionario jet supersonico di NASA e Lockheed Martin

Con la cerimonia di roll-out del X-59, la NASA e la Lockheed Martin hanno presentato ufficialmente il velivolo che rivoluzionerà il volo supersonico commerciale. Utilizzando questo aereo sperimentale unico nel suo genere, la NASA mira a raccogliere dati che potrebbero rivoluzionare i viaggi aerei, aprendo la strada a una nuova generazione di aerei commerciali in grado di viaggiare a una velocità superiore a quella del suono anche su terra.

“Questo è un risultato importante reso possibile solo grazie al duro lavoro e all’ingegno della NASA e dell’intero team X-59”, ha affermato il vice amministratore della NASA Pam Melroy. “In pochi anni siamo passati da un concetto ambizioso alla realtà. L’X-59 della NASA contribuirà a cambiare il modo in cui viaggiamo, avvicinandoci in molto meno tempo.

Melroy e altri alti funzionari hanno svelato l’aereo durante una cerimonia di roll-out del X-59 ospitata dal primo appaltatore Lockheed Martin Skunk Works presso la sua struttura di Palmdale, in California.

L’X-59 è al centro della missione QueSST – Quiet SuperSonic Technology della NASA, che si concentra sulla fornitura di dati per aiutare i regolatori a riconsiderare le regole che vietano il volo supersonico commerciale sulla terra. Per 50 anni, gli Stati Uniti e altre nazioni hanno proibito tali voli a causa del disturbo causato dai forti boom sonici nelle comunità sottostanti. Si prevede che l’X-59 volerà a 1,4 volte la velocità del suono, ovvero 1.488 km/h (925 mph), volando a un’altitudine di 16.764 metri (55.000 piedi). Il suo design, la sua forma e le sue tecnologie consentiranno all’aereo di raggiungere queste velocità generando al contempo un suono più silenzioso.

È emozionante considerare il livello di ambizione dietro QueSST e i suoi potenziali benefici“, ha affermato Bob Pearce, amministratore associato per la ricerca aeronautica presso la sede della NASA a Washington. “La NASA condividerà i dati e la tecnologia che generiamo da questa missione unica nel suo genere con i regolatori e con l’industria. Dimostrando la possibilità di viaggi commerciali supersonici silenziosi via terra, cerchiamo di aprire nuovi mercati commerciali per le aziende statunitensi e avvantaggiare i viaggiatori di tutto il mondo”, ha aggiunto Pearce.

Una volta completato il lancio, il team di QueSST passerà ai passi successivi in ​​preparazione al primo volo: test dei sistemi integrati, funzionamento del motore e test di rullaggio per l’X-59. L’aereo decollerà per la prima volta entro la fine dell’anno, seguito dal suo primo volo supersonico silenzioso. Il team QueSST condurrà diversi test di volo dell’aereo presso gli Skunk Works prima di trasferirlo all’Armstrong Flight Research Center della NASA a Edwards, in California, che fungerà da base operativa.

In entrambi i team, scienziati, ingegneri e tecnici di talento, dedicati e appassionati hanno collaborato per sviluppare e produrre questo velivolo“, ha affermato John Clark, vicepresidente e direttore generale di Lockheed Martin Skunk Works. “Siamo onorati di far parte di questo viaggio per dare forma al futuro dei viaggi supersonici via terra insieme alla NASA e ai nostri fornitori.

Una volta che la NASA avrà completato i test di volo, l’agenzia farà volare l’aereo su diverse città selezionate negli Stati Uniti, raccogliendo input sul suono generato dall’X-59 e su come le persone lo percepiscono. La NASA fornirà tali dati alla Federal Aviation Administration e ai regolatori internazionali. Ricordiamo nuovamente che oggi il volo supersonico commerciale è possibile solo sul mare. Tale divieto è entrato in vigore nel 1973 e da allora ha afflitto le imprese supersoniche commerciali, limitando i viaggi più veloci del suono solo ai voli sull’oceano. British Airways e Air France che volavano sul Concorde sono state due compagnie aeree che hanno offerto tale servizio tra il 1976 e il 2003.

L’X-59 è un aereo sperimentale unico, non un prototipo: le sue tecnologie hanno lo scopo di informare le future generazioni di aerei supersonici silenziosi. Con una lunghezza di 99,7 piedi e una larghezza di 29,5 piedi, la forma dell’aereo e i progressi tecnologici che ospita renderanno possibile un volo supersonico silenzioso. Il muso sottile e affusolato dell’X-59 rappresenta quasi un terzo della sua lunghezza e romperà le onde d’urto che normalmente provocherebbero il classico boom sonico in un aereo supersonico.

Grazie a questa configurazione, la cabina di pilotaggio si trova quasi a metà della lunghezza dell’aereo e non dispone di un finestrino rivolto in avanti, ma solo lateralmente. Questo è sicuramente il dettaglio più caratteristico di questo velivolo, che è di gran lunga una delle macchine volanti dall’aspetto più incredibile attualmente in circolazione. Per questo motivo, il team di QueSST ha sviluppato l’XVS – eXternal Vision System, una serie di telecamere ad alta risoluzione che alimentano un monitor 4K nella cabina di pilotaggio che mostrerà complesse immagini elaborate al computer attraverso due telecamere montate sopra e sotto il muso dell’X-59 combinate con i dati del terreno provenienti da un sistema informatico avanzato.

Il team di QueSST ha anche progettato l’aereo con un singolo motore a reazione montato sulla parte superiore, un F414-GE-100 costruito da General Electric Aviation, e gli ha conferito un design del tutto particolare per poter controllare il modo in cui l’aria si allontana dall’aereo, impedendo così alle onde d’urto di fondersi dietro all’aereo causando il boom sonico.

A questo punto non resta che attendere l’inizio dei test a terra e il primo volo di questa incredibile macchina che nel mese di ottobre 2023, grazie alle sue caratteristiche e per i suoi obiettivi era stato selezionato come una delle “migliori invenzioni del 2023” dal TIME Magazine nella categoria trasporti.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp