X

L’unica portaerei russa l’Admiral Kuznetsov dovrebbe rientrare in servizio nel 2024

@ AP Photo / File

È stata annunciata la data del rientro in servizio dell’unica portaerei della Russia, l’Admiral Kuznetsov. Nel 2019 e nel 2022, la nave era stata colpita da un incendio. L’Admiral Kuznetsov è l’unica portaerei della Russia ed era stata gravemente danneggiata da un incendio nel compartimento motori nel dicembre 2019, causando la morte di una persona. L’incendio sulla nave, che era stata sottoposta a lavori di aggiornamento nella città di Murmansk, era stato domato la mattina successiva al prezzo di circa 20 persone rimaste ferite.

Nel 2022, c’è stato un altro incendio sull’Admiral Kuznetsov. Inizialmente, la nave doveva entrare in servizio alla fine del 2022 dopo i lavori di modernizzazione e riparazione, ma attualmente non è ancora tornata operativa. A causa dei suddetti lavori di modernizzazione iniziati nel 2017, la Russia è stata privata della capacità di operare aerei da combattimento sul mare per più di 5 anni.

Riguardo all’ultima situazione dell’ammiraglia Kuznetsov, il CEO della compagnia russa di costruzioni navali, United Shipbuilding Corporation, Alexey Rakhmanov ha dichiarato che la portaerei verrà messa in servizio all’inizio del 2024. Si stima che l’unità navale russa sarà operativa nella seconda metà del 2024, a seguito delle attività di collaudo che verranno effettuate dopo la sua consegna alla Marina Militare russa.

Oggi la mancanza della portaerei Admiral Kuznetsov, che è molto importante per proiettare la potenza aerea russa nel Mediterraneo, viene compensata attraverso la base aerea di Hmeymim, stabilita dalla Russia in Siria. Dopo lo stop dell’operatività della Kuznetsov, la Russia ha effettuato un serio potenziamento degli aeromobili presso la base aerea siriana di Hmeymim.

La portaerei della Marina Militare russa ha così lasciato il bacino di carenaggio presso il cantiere navale Sevmorput nella regione di Murmansk nel nord-ovest del paese. Come detto la portaerei era stata spostata nel bacino noto anche come Cantiere n. 35, nel maggio 2022, dopo essere stata sotto lavori nel porto del cantiere dal 2017, a seguito del crollo inaspettato del più grande bacino galleggiante della Russia, il PD-50, nel 2018. Questo è solo uno dei tanti eventi sfortunati che hanno colpito gli sforzi di rinnovamento della nave russa.

La Admiral Kuznetsov è stata soggetta a diversi incidenti durante il servizio inclusi alcuni avvenuti durante le sue ultime crociere e che hanno visto coinvolti i velivoli imbarcati MiG-29KR e i Su-33.

Le riprese dell’ammiraglia Kuznetsov che esce dal bacino di carenaggio del 35° cantiere navale sono state pubblicate su Telegram e sul media russo Zvezda, il canale ufficiale dei media del Ministero della Difesa russo. Le immagini mostrano l’ammiraglia Kuznetsov trainata fuori dalla baia di Kola appena fuori dal cantiere navale da almeno un rimorchiatore, con altre navi vicine a supportare l’operazione.

L’obiettivo della Russia è di completare il rinnovamento della nave entro il 2024, con l’intenzione di mantenerla in servizio per altri dieci anni o più. Tuttavia, ci sono dubbi sul raggiungimento di questo obiettivo. Ma l’Admiral Kuznetsov funzionante ed operativa è chiaramente vista come un asset prezioso per la Marina Militare russa.

La revisione dell’Admiral Kuznetsov è iniziata nel 2017, dopo il suo primo e unico dispiegamento operativo in Siria. Lo sforzo complessivo, il cui scopo è stato notevolmente ridimensionato lo stesso anno in cui è stato avviato, mira a estendere la vita operativa della nave. Si propone anche di renderla più affidabile da operare, a fornire miglioramenti ai suoi datati sistemi di combattimento e ad operare il suo gruppo aereo, che ha trascorso la maggior parte della sua vita senza una nave su cui operare, in maniera più efficiente.

Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto