E' online il nostro nuovo canale Telegram aggiornato giornalmente con immagini, video, notizie da tutto il mondo dell'aviazione militare e commerciale. Iscriviti oggi cliccando qui, siamo già in tanti!
Elisoccorso

Svizzera: con 21 nuovi elicotteri Airbus H145 pentapala in versione elisoccorso la Rega rinnoverà tutta la sua flotta

Tra il 2024 e il 2026, la Guardia aerea svizzera di soccorso Rega rinnoverà la sua intera flotta di elicotteri. In futuro si affiderà a una flotta omogenea composta da 21 elicotteri di soccorso dell’ultima versione a cinque pale del tipo H145 costruita da Airbus Helicopters. Nel marzo di quest’anno la Rega aveva già acquistato nove H145 con l’innovativo rotore a cinque pale e oggi è stato firmato il contratto per l’acquisto di altri dodici elicotteri di soccorso del medesimo tipo. Questi entreranno in servizio presso le basi di montagna dal 2024/2025, per sostituire l’attuale flotta degli AW109SP “Da Vinci”.

Con quattordici basi operative HEMS distribuite sul territorio nazionale, la Rega fornisce cure mediche aeree di base 24 ore su 24. Lo scorso anno gli equipaggi degli elicotteri hanno effettuato 14.330 missioni, tra cui il trasporto di 471 pazienti COVID. L’affidabilità della sua flotta è quindi un fattore decisivo. Per questo motivo gli elicotteri “Da Vinci”, acquistati nel 2009 e che hanno dato buona prova di sé in missione, dal 2024 saranno sostituiti dai moderni e potenti H145 con rotore a cinque pale.

Con i nuovi elicotteri di soccorso, i costi di manutenzione potranno essere ridotti e l’eccellente disponibilità della flotta continuerà a essere garantita. Con la decisione a favore dell’H145, la Rega punta su una flotta omogenea. “Con questa decisione, garantiamo che la Rega possa continuare a fornire ai suoi pazienti soccorso aereo medicalizzato affidabile e professionale“, afferma Ernst Kohler, CEO della Rega.

Il nuovo H145 è un elicottero tecnicamente all’avanguardia e molto potente, consigliato per le missioni in alta montagna, anche grazie al suo rotore a cinque pale. Dispone pure di una cabina spaziosa per le attrezzature mediche e gli eventuali interventi medici, particolarmente importante quando si trasferiscono pazienti in terapia intensiva.

Inoltre, il produttore Airbus Helicopters sta sviluppando appositamente per la Rega un sistema di navigazione e di avionica, che consentirà in futuro di utilizzare procedure di volo strumentale anche in condizioni di scarsa visibilità nelle valli strette o su terreni difficili, a vantaggio sia degli equipaggi sia dei pazienti.

Grazie alla creazione di una flotta omogenea, in futuro in tutte le elibasi della Rega sarà utilizzato lo stesso tipo di elicottero. Ciò semplifica la manutenzione e permette di risparmiare sull’acquisto e la gestione di pezzi di ricambio. Inoltre, diminuiranno gli oneri per la formazione degli equipaggi e le sinergie potranno essere sfruttate in modo ancora più efficace.

La firma del contratto segna la conclusione di una valutazione approfondita. La Rega sta investendo complessivamente oltre 200 milioni di franchi svizzeri nell’ammodernamento e nell’ampliamento della sua flotta di elicotteri. Questo importo è previsto nella pianificazione finanziaria a lungo termine della Rega e la solida base finanziaria consente il finanziamento senza ricorrere a prestiti. Include anche i costi per le attrezzature mediche, la formazione e i pezzi di ricambio. La Rega venderà gli AW109SP “Da Vinci” fuori servizio e gli Airbus H145 a quattro pale.

Per gestire efficacemente i servizi di salvataggio aereo in Svizzera, sappiamo che la capacità di operare in modo ottimale in quota è fondamentale“, ha dichiarato Bruno Even, CEO di Airbus Helicopters. “L’H145 pentapala è atterrato sull’Aconcagua, in Cile, una montagna alta quasi 7.000 metri: nessun altro elicottero bimotore ha mai compiuto questa impresa. Per questo siamo particolarmente orgogliosi che la Rega abbia puntato sull’H145 pentapala e abbia deciso di farne l’unico tipo di elicottero della propria flotta in grado di svolgere missioni così critiche.

Gli H145 pentapala saranno dotati di un sistema di navigazione all’avanguardia, appositamente studiato per le esigenze dell’operatore, che migliorerà le capacità di missione e la sicurezza delle operazioni. Il sistema utilizzerà le nuove funzionalità del Flight Management System GTN750 Xi di Garmin. Integra e controlla un sistema multisensore che fornisce capacità di navigazione altamente precise e affidabili. Anche in caso di perdita del segnale GPS, l’elicottero navigherà in sicurezza grazie al sistema di navigazione inerziale di Thales.

Questa soluzione aumenterà ulteriormente le prestazioni di navigazione in condizioni IFR ridotte e consentirà all’elicottero di essere certificato come procedura di navigazione RNP-AR 0.1, che è la procedura di navigazione più accurata nell’ambiente elicotteristico. La configurazione comprende anche un nuovo paranco Vincorion, in fase di certificazione sull’H145 pentapala, che garantisce i massimi standard di sicurezza.

La nuova versione dell’elicottero bimotore leggero H145, il più venduto di Airbus, aggiunge un nuovo e innovativo rotore a cinque pale al velivolo multi-missione, aumentando il carico utile dell’elicottero di 150 kg. La semplicità del nuovo design del rotore principale senza cuscinetti facilita inoltre le operazioni di manutenzione, migliorando ulteriormente la manutenibilità e l’affidabilità di riferimento dell’H145, oltre a migliorare il comfort di viaggio per i passeggeri e l’equipaggio.

In totale, sono più di 1.600 gli elicotteri della famiglia H145 in servizio, per un totale di oltre sette milioni di ore di volo. Alimentato da due motori Safran Arriel 2E, l’H145 è dotato di controllo digitale del motore a piena autorità (FADEC) e della suite avionica digitale Helionix. Include un autopilota a 4 assi ad alte prestazioni, che aumenta la sicurezza e riduce il carico di lavoro del pilota. L’impronta acustica particolarmente bassa rende l’H145 l’elicottero più silenzioso della sua categoria, mentre le emissioni di CO2 sono le più basse tra i suoi concorrenti.

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto