E' online il nostro nuovo canale Telegram aggiornato giornalmente con immagini, video, notizie da tutto il mondo dell'aviazione militare e commerciale. Iscriviti oggi cliccando qui, siamo già in tanti!
News Militari

La Russia attacca l’Ucraina: cosa sappiamo delle prime operazioni aeree

Il 24 febbraio 2022 il ministero della Difesa russo ha annunciato che le forze armate del paese avevano lanciato attacchi contro le strutture militari ucraine nell’ambito di operazioni militari nel paese. Secondo quanto riferito, gli attacchi hanno utilizzato armi guidate di precisione per prendere di mira infrastrutture militari, siti di difesa aerea, 11 aeroporti militari con gli aerei stanziati, ma non avrebbero ingaggiato obiettivi nelle città.

Ciò ha fatto seguito all’autorizzazione del presidente russo Vladimir Putin di una “operazione militare speciale” per “smilitarizzazione” e “de-nazificazione” del vicino russo e proteggere le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk e la stessa Russia. Le repubbliche sono state riconosciute dalla Russia come stati indipendenti il ​​21 febbraio 2022, dopo essere state oggetto di intensi attacchi ucraini nei giorni precedenti.

I territori di  Donetsk e Lugansk  sono ancora riconosciuti dalle Nazioni Unite come parte dell’Ucraina. Entrambi si autogovernano dal 2014, dopo aver rifiutato di riconoscere il rovesciamento del governo ucraino quell’anno che ha portato all’installazione di un’amministrazione più filo occidentale ampiamente criticata per aver represso la sua minoranza di lingua russa. Secondo quanto riferito, il personale della Repubblica popolare di Lugansk è stato impegnato in combattimenti contro le forze ucraine in stretto coordinamento con l’esercito russo. Al momento rimane incerto fino a che punto si spingeranno le operazioni militari russe.

Dopo l’inizio degli attacchi aerei russi della mattina del 24 febbraio, che hanno preso di mira infrastrutture militari, siti di difesa aerea, aeroporti e aerei, fonti ufficiali russe hanno riferito meno di tre ore dopo che le difese aeree ucraine erano state neutralizzate. Le risorse utilizzate dall’aeronautica militare russa e forse dalla Marina per queste operazioni rimangono incerte, ma dai video che circolano sui social network i caccia d’attacco Su-34, equipaggiati con missili antiradiazione Kh-31P, Su-25 e gli elicotteri d’attacco Ka-52 in particolare avrebbero svolto un ruolo centrale nella guida di tali operazioni.

Secondo i primi rapporti, i bombardieri strategici Tu-95MS Bear e Tu-160 Blackjack hanno lanciato i missili da crociera Kh-101 e Kh-505, le forze di terra hanno lanciato missili balistici tattici a corto raggio Iskander e le forze navali hanno lanciato missili da crociera a lungo raggio Kalibr.

Con l’Ucraina che faceva molto affidamento sulle difese aeree a terra a causa della mancanza di moderni aerei da combattimento o intercettori post-sovietici, la velocità con cui lo spazio aereo del paese è stato liberato per consentire agli aerei militari russi di operare potrebbe essere considerata un fallimento inaccettabile. Una valutazione del motivo per cui le difese aeree ucraine sono state compromesse così rapidamente fornisce importanti informazioni sui punti di forza delle risorse per la soppressione della difesa aerea russa.

Sono rapidamente emerse notizie secondo cui due cacciabombardieri Su-24M dell’aeronautica militare ucraina sarebbero stati abbattuti sul territorio dell’autoproclamata Repubblica popolare di Lugansk nell’Ucraina orientale vicino ai confini della Russia. Poiché gli attacchi russi avrebbero neutralizzato tutte le difese aeree ucraine in tre ore, l’attacco segnalato dei Su-24 sembrava essere uno sforzo delle forze ucraine nel reagire agli attacchi dei russi. Il Su-24 è l’unico caccia ucraino ottimizzato per i ruoli aria-terra e, sebbene sia improbabile che duri a lungo nello spazio aereo russo, potrebbe avrebbe avuto l’opportunità di operare contro obiettivi a Lugansk.

La perdita dei due dei velivoli ucraini abbattuti dai caccia di Mosca, secondo quanto speculato dai russi, mette in evidenza il notevole svantaggio affrontato dall’aviazione ucraina in termini di qualità dei suoi velivoli da combattimento che ha effettivamente garantito un vantaggio di superiorità aerea russa fin dall’inizio del conflitto, e rappresenta una perdita significativa per l’aviazione militare ucraina, che schiera solo quattordici Su-24M che sono i jet da combattimento più pesanti nel suo arsenale. Con gli aerei militari ucraini specificatamente evidenziati come obiettivi della campagna aerea russa, è significativa la possibilità che molti più aerei ucraini siano stati neutralizzati a terra.

La spina dorsale della flotta aerea ucraina è formata da caccia MiG-29A e Su-27S, entrati in servizio tra il 1982 e il 1985, mentre questi sono stati gradualmente eliminati dai ruoli di prima linea in Russia e sono quasi totalmente obsoleti contro i moderni aerei russi come il Su-35SM e il Su-34. La discrepanza è particolarmente significativa in termini di elettronica e sensori, con i caccia russi che utilizzano radar avanzatissimi che sono spesso circa cinque volte più potenti delle loro controparti ucraine, se si confrontano i sensori dei Su-35 russi con quelli dei Su-27 ucraini.

I Su-24 ucraini più o meno allo stesso modo mancano della capacità di sopravvivenza necessaria per operare contro le forze aeree russe, in gran parte a causa della mancanza di contromisure moderne, nonché della mancanza di una scorta di caccia in grado di fronteggiare i velivoli da combattimento russi. Con un divario tecnologico di 30 anni tra le due flotte a causa della mancanza di modernizzazione in Ucraina, l’equilibrio di potere nei cieli rimarrà solo a vantaggio della Russia.

Oltre ai due Su-24 abbattuti al momento si registrano anche la perdita di un velivolo da trasporto An-26 e forse del velivolo più grande al mondo An-225 Mriya che alcuni rapporti danno per distrutto nell’attacco all’aeroporto di Gostomel sede del costruttore Antonov. Speriamo di no! Altre speculazioni russe parlano di 2 Su-27 abbattuti più uno distrutto a terra e 4 dei 6 UAV armati TB2 Bayraktar recentemente acquistati dalla Turchia. A questi possiamo aggiungere un Su-27 Flanker che è stato intercettato da due F-16 Fighting Falcons dell’aeronautica militare rumena in QRA (Quick Reaction Alert) sotto il comando della NATO. Entrato nello spazio aereo rumeno il velivolo ucraino è stato identificato e poi scortato alla base aerea di Bacau dove è atterrato alle 07:05 della mattina. Sembra che stesse scappando dal Paese, ma questo non è stato confermato.

Se volessimo ridurre tutto a stime numeriche i dati sarebbero circa questi:

  • Aerei da combattimento: Russia 1.172 – Ucraina 124
  • Elicotteri: Russia più di 820 – Ucraina 46
  • Sistemi di difesa aerea: Russia 714 – Ucraina 322

Dall’altro lato le autorità ucraine hanno rivendicato la distruzione di una serie di elicotteri e missili, che la Russia che ha immediatamente negato. Tuttavia alcune foto e video confermerebbero la perdita o il danneggiamento di alcuni elicotteri, forse quattro, tra i quali un elicottero da combattimento Ka-52 Alligator. Il video mostra l’elicottero, armato di missili guidati anticarro e che trasporta serbatoi di carburante esterni, a terra, con danni apparenti, forse a seguito dell’esplosione di un missile antiaereo anche se ciò non può essere confermato.

@ via Twitter

È interessante notare che il Ka-52 ha i suoi contrassegni nazionali, i titoli delle forze aerospaziali russe e il numero di codice individuale dipinti sopra, ma indossa un simbolo V bianco, secondo quanto riferito, un identificatore per le risorse militari russe che arrivano in Ucraina dalla Bielorussia. Secondo quanto riferito, l’incidente del Ka-52 e il video sopra provengono da un’operazione di assalto aereo russo per prendere il controllo dell’aeroporto di Gostomel, si trova a circa 15 miglia da Kiev, che è di proprietà del produttore di aeromobili Antonov e gestito dalla sua controllata Antonov Airlines.

Almeno un altro Ka-52, secondo quanto riferito, sarebbe andato perso durante le prime ore di combattimenti anche se non è ancora chiaro se sia stato effettivamente abbattuto da un’azione ostile, mentre il video qui sotto è stato confermato mostrare la scomparsa di ancora un altro elicottero d’attacco Ka-52 delle forze aerospaziali russe. Si può vedere un paracadute di uno dei due piloti successivamente salvato dall’acqua.

In un altro articolo di fine 2021 ci eravamo chiesti se Mosca sarebbe riuscita, in un eventuale conflitto, ad eliminare le difese aeree di Kiev nelle prime 24 ore di battaglia. La risposta è arrivata oggi con le difese aeree di Kiev che sono state completamente distrutte in circa tre ore di attacchi aerei e missilistici di Mosca.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale Telegram.

Condividi
Stefano Monteleone

Direttore editoriale e Capo redattore di Aviation Report. Ho volato a bordo di aeromobili militari quali: AB-212, EH-101, SH-90 (Marina Militare); AW-139 (Guardia Costiera); HH-139A, HH-101A, G-222, C-27J, KC-767A, KC-130J (Aeronautica Militare); CH-47C, CH-47F, NH-90, AB-412, AB-205 (Esercito AVES); ATR-42, HH-412, AW-139 (Guardia di Finanza); ACH130 Aston Martin (Airbus). // Editorial Director and Chief Editor of Aviation Report. I have flown aboard military aircraft such as: AB-212, EH-101, SH-90 (Italian Navy); AW-139 (Coast Guard); HH-139A, HH-101A, G-222, C-27J, KC-767A, KC-130J (Italian Air Force); CH-47C, CH-47F, NH-90, AB-412, AB-205 (Italian Army Aviation); ATR-42, HH-412, AW-139 (Italian Custom Police).

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto