E' online il nostro nuovo canale Telegram aggiornato giornalmente con immagini, video, notizie da tutto il mondo dell'aviazione militare e commerciale. Iscriviti oggi cliccando qui, siamo già in tanti!
Reportages

Reportage: le forze aeree alleate partecipano all’esercitazione internazionale Iniochos 2022 che si è svolta in Grecia

Tra il 28 marzo e il 7 aprile 2022, l’Hellenic Air Force (HAF) ha organizzato la settima edizione dell’esercitazione internazionale annuale INIOCHOS 2022. Tutti i partecipanti, ad eccezione di alcuni gruppi di volo della HAF, hanno operato dalla base aerea di Andravida, sede degli ultimi Phantom II in servizio con l’Aeronautica Militare Greca. Le Forze aeree straniere partecipanti erano: l’Aeronautica Militare Cipriota, la Marina Militare Francese, l’Aeronautica Militare Israeliana, l’Aeronautica Militare Italiana, l’Aeronautica Militare Slovena, l’Aeronautica Militare degli Stati Uniti in Europa (USAFE) e la Marina Militare degli Stati Uniti.

NAZIONE NUMERO E MODELLI UNITÀ OSSERVAZIONI
Aeronautica Militare Greca Tutti i tipi Tutte le unità Operati dalla base aerea di Andravida e dalle rispettive basi aeree.
Aeronautica Militare Cipriota 1x AW139 460 MEDI
Marina Militare Francese E-2C, Rafale M Flottilles 4F, 12F e 17F Operati dalla portaerei francese Charles de Gaulle
Aeronautica Militare Israeliana 11x F-16I Sufa
1x G550 Nachshon Eitam
1x KC-707 Re’em
201 mq e 253 mq

122 mq

120 mq

Operati dalla base aerea di Nevatim
Aeronautica Militare Italiana 3x Tornado IDS
3x Tornado ECR
154° Gruppo CB
155° Gruppo ETS
Aeronautica Militare Slovena 2x PC-9M LeSo
USAFE 14x F-15E
1x MQ-9A
492 ° FS
31 ° EOG
Operati dalla base aerea di Campia Turzii (RO)
US Navy E-2D, EA-18G, F/A-18E/F CVW-1 Operati dalla portaerei americana USS Truman

Fig. 1: Forze aeree partecipanti alla INIOCHOS 2022

Presenti come osservatori: Albania, Austria, Canada, Croazia, Egitto, India, Kuwait, Marocco, Macedonia del Nord, Arabia Saudita e Regno Unito.

Quest’anno, l’esercitazione differiva per molti aspetti dalle precedenti edizioni. Ciò è iniziato con il tempo, con tempeste di sabbia africane che hanno investito Andravida, attraverso l’implementazione di nuove tattiche, alla forte influenza dell’attuale situazione geopolitica. I partecipanti di vecchia data come gli Emirati Arabi Uniti non hanno partecipato, ma allo stesso tempo, i nuovi partecipanti come la Slovenia sono stati accolti nella crescente famiglia della Iniochos.

Ci sono state molte speculazioni sul motivo per cui l’aeronautica militare degli Emirati Arabi Uniti non ha partecipato a questa edizione e sul fatto che l’aeronautica militare israeliana ha terminato l’esercitazione prima del DV-day e prima del tradizionale volo sull’Acropoli. La teoria principale è che entrambi i paesi non volevano far torto alla Turchia e quindi mettere in pericolo la loro politica di riavvicinamento ad Ankara. Tenendo conto dei grandi investimenti che negli ultimi dieci anni gli Emirati Arabi Uniti (UAE) e Israele hanno fatto nelle rispettive relazioni con la Grecia, in termini politici, ma anche finanziari, questa teoria non è però giustificata.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno un approccio diverso alla politica internazionale rispetto agli Stati Uniti. Ciò è particolarmente evidente nell’attuale crisi ucraina e nelle diverse reazioni. Gli Emirati Arabi Uniti stanno esaminando con molta attenzione le situazioni geopolitiche e hanno in mente solo il miglior interesse del loro stato. Stanno sempre reagendo secondo questo principio, indipendentemente dalle pressioni implicate dagli USA e dagli altri alleati occidentali. Pertanto, la decisione di non partecipare alla INIOCHOS 2022 deve essere vista nel quadro di una disputa più ampia tra loro e gli Stati Uniti in merito alla politica internazionale e all’influenza degli Stati Uniti.

Per quanto riguarda l’Aeronautica Militare Israeliana (IAF), che ha terminato l’esercitazione dopo la prima settimana, non si tratta di nulla di nuovo o di insolito. L’IAF arriva spesso prima dell’inizio ufficiale dell’esercitazione ad Andravida e inizia subito con l’addestramento. Pertanto, è un comportamento normale per loro ed è un comportamento già successo anche nelle precedenti edizioni di INIOCHOS.

L’Aeronautica Militare Rumena (RoAF) avrebbe dovuto partecipare per la prima volta alla INIOCHOS con gli F-16 Fighting Falcons della Escadrila 53, provenienti dalla base aerea di Festi. Dopo molti anni di invio di osservatori all’esercitazione, sarebbe stato il prossimo passo logico per migliorare la loro integrazione nella NATO e addestrarsi a pianificare e combattere con l’F-16. Sfortunatamente, a causa dell’attuale clima geopolitico e dei conseguenti maggiori obblighi in patria, hanno dovuto annullare la loro partecipazione. Questa è stata un’enorme delusione per tutti i partecipanti, conoscendo lo spirito combattivo e la rapida capacità di apprendimento del personale rumeno.

Al fine di soddisfare il nuovo concetto dello Stato Maggiore delle forze armate elleniche per massimizzare gli sforzi di addestramento e ottenere i migliori risultati possibili per tutti i partecipanti, la INIOCHOS 2022 è stata svolta contemporaneamente alle esercitazioni della Marina Militare ellenica e all’esercitazione delle forze speciali ORION 2022 che si sono svolte in tutto il FIR di Atene. Per la prima volta, le portaerei hanno partecipano ad un’esercitazione INIOCHOS, vale a dire la USS Harry S. Truman (CVN 75) e l’FNS Charles de Gaulle (R 91). Hanno portato la loro esperienza dalle operazioni navali all’esercitazione e hanno contribuito molto all’attuazione delle missioni APMO (Air Power Contribution to Maritime Operations) durante l’esercitazione.

Oltre alle missioni APMO, quest’anno l’attenzione è stata data alle missioni APCLO (Air Power Contribution to Land Operations) per migliorare il coordinamento e la comunicazione tra le componenti aeree e le componenti di terra, qualcosa di estremamente importante negli scenari delle guerre moderne. Un’altra parte importante dell’esercitazione è stata l’esecuzione di missioni OCA (Offensive Counter Air). Questo è stato il campo in cui, secondo le Forze aeree partecipanti all’esercitazione, i Tornado dell’Aeronautica Militare Italiana si sono distinti durante le missioni SEAD (Suppression of Enemy Air Defences) e hanno aperto la strada agli altri membri dei pacchetti di velivoli d’attacco per raggiungere i loro obiettivi di missione.

L’aspetto delle operazioni CAS (Close Air Support) e JTAC (Joint Terminal Attack Controller), di giorno come di notte, sta guadagnando sempre più peso nell’agenda della INIOCHOS. I principali beneficiari sono stati l’aeronautica militare cipriota con gli elicotteri AW139 impiegati nelle missioni SPIE (Special Purpose Insertion/Extraction) e l’aeronautica militare slovena con i PC-9M utilizzati per le missioni CAS e l’addestramento del personale JTAC.

Alcuni traguardi importanti raggiunti durante la INIOCHOS 2022 sono stati la prima apparizione dei Rafale greci della Hellenic Air Force e l’esecuzione, con ottimi risultati, per la prima volta delle missioni RRMT (Radar Recognition of Maritime Targets) da parte dell’AW139 dell’aeronautica militare cipriota, determinando un enorme passo avanti per il 460th Squadron e l’intera Aeronautica Militare cipriota.

I contingenti austriaco e canadese, a differenza degli altri contingenti di osservatori, sono stati pienamente coinvolti nella fase di pianificazione delle missioni giornaliere. Secondo il contingente austriaco, uno degli aspetti positivi più importanti dell’esercitazione è stato che i partecipanti principali hanno preso seriamente in considerazione la loro esperienza e i loro suggerimenti durante la pianificazione della missione e li hanno lodati per il loro prezioso contributo. Soprattutto per i paesi più piccoli, questo è qualcosa a cui non sono sempre abituati ed è quindi molto apprezzato da loro. È bello vedere che la INIOCHOS sta dando lentamente più peso alle missioni di supporto a terra su piccola scala, dove paesi come l’Austria e la Slovenia hanno spesso sviluppato idee e metodi molto innovativi, che possono sorprendere in modo positivo i player più grandi!

I partecipanti stranieri hanno elogiato la simulazione realistica di scenari di combattimento, la moltitudine di minacce simulate inaspettate e la creazione di un ambiente di addestramento unico. I principali vantaggi dal punto di vista dei partecipanti stranieri sono stati:

  • Le missioni eseguite in uno spazio aereo particolarmente riservato, comprensivo di aree montuose, costiere e marine, in un ambiente conteso con minacce aria-aria e terra-aria fisse o mobili (a terra o su mare).
  • Gli “avversari” (Red Forces) velivoli di quarta e quinta generazione e sistemi missilistici terra-aria, che utilizzano tattiche BVR (Beyond Visual Range) e utilizzano moderne capacità EW (Electronic Warfare) e radar, all’interno del frame di un IADS (Integrated Air Defence System) multistrato.
  • La possibilità di addestrarsi in scenari CAS in aree ad alta minaccia.

La visione della Hellenic Air Force è di migliorare costantemente questo concetto di esercitazione flessibile, personalizzata in base alle diverse esigenze di addestramento delle forze aeree, attraverso l’intero spettro del concetto di Joint Air Power. Questo concetto flessibile viene adattato dopo ogni esercitazione, in base ai progressi tecnici, agli sviluppi operativi mondiali e alle attuali proiezioni delle minacce. Gran parte di questo continuo adeguamento è ottenuto dal feedback delle forze aeree partecipanti, nonché dalle lezioni apprese dalle esercitazioni precedenti.

Dopo che paesi come Cipro e la Slovenia hanno fatto il primo passo, vedremo sicuramente paesi come, ad esempio, l’Austria partecipare in futuro alla INIOCHOS. Un altro candidato altamente probabile per una delle prossime esercitazioni INIOCHOS è il Marocco, che ha mostrato un forte interesse e ha inviato una delegazione di alto rango per osservare l’esercitazione. Inoltre, circolavano molte voci tra politici ed ufficiali di alto rango su una possibile partecipazione dell’aeronautica militare indiana in un futuro molto prossimo.

Questa sarebbe una mossa logica, tenendo conto del rapido miglioramento della cooperazione politica, finanziaria e militare indo-greca e del desiderio della Francia di stabilire una sorta di asse militare tra Francia-Grecia-Egitto-Emirati Arabi Uniti-India, soprattutto dopo che questi paesi sono diventati o diventeranno presto utenti del velivolo da combattimento Rafale. Inoltre, non va dimenticata la crescente cooperazione militare tra Pakistan e Turchia, che desta preoccupazione nei suddetti paesi. Ad oggi il futuro è sicuramente roseo per esercitazioni innovative come la INIOCHOS!

Aviation Report e gli autori vogliono ringraziare il contingente dell’Aeronautica Militare Austriaca e lo staff del 460th Squadron, dell’Aeronautica Militare Cipriota, per il loro prezioso aiuto nella preparazione di questo articolo.

Articolo e immagini: Aviation Report / Marcus & Philipp Vallianos

Condividi

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto