E' online il nostro nuovo canale Telegram aggiornato giornalmente con immagini, video, notizie da tutto il mondo dell'aviazione militare e commerciale. Iscriviti oggi cliccando qui, siamo già in tanti!
News Militari

Attendiamo notizie sulla sorte dell’An-225 Mriya il più grande aereo cargo del mondo forse distrutto durante un attacco russo all’aeroporto di Gostomel vicino a Kiev

AGGIORNAMENTO DEL 01/03/2022: una foto satellitare di Planet Labs datata 28 febbraio 2022 mostra la coda dell’AN-225 apparentemente intatta e un post su Twitter dell’Antonov Company cita “I SOGNI non bruciano!”.

AGGIORNAMENTO 01/03/2022:la Ukroboronprom capo gruppo dell’industria della difesa ucraina ha confermato, in una nota, che l’aereo più grande del mondo è stato gravemente danneggiato durante i combattimenti con le truppe russe all’aeroporto di Gostomel. “… il suo restauro costerà più di 3 miliardi di dollari e richiederà molto tempo. L’Ucraina farà ogni sforzo per garantire che lo stato aggressore paghi per questi lavori. Si stima che ciò richiederà più di 3 miliardi di dollari e più di 5 anni. Il nostro compito è garantire che questi costi siano coperti dalla Federazione Russa, che ha causato danni intenzionali all’aviazione ucraina e al settore delle merci aviotrasportate“, ha affermato Yuriy Gusev, direttore generale di Ukroboronprom. Al momento dell’invasione l’AN-225 Mriya era in riparazione presso l’aeroporto di Gostomel, con uno dei motori rimosso, e l’aereo non ha avuto il tempo di lasciare l’Ucraina.

AGGIORNAMENTO 28/02/2022: dalle ultime immagini satellitari, l’hangar dove era parcheggiato l’AN-225 sembrerebbe chiaramente danneggiato. In fondo all’articolo un’immagine.

A seguito di un attacco delle truppe russe all’aeroporto di Gostomel vicino a Kiev, il più grande aereo cargo del mondo l’An-225 Mriya di fabbricazione ucraina sarebbe stato bruciato. Lo avrebbero riferito due fonti informate dell’impresa Antonov e confermato dal ministro degli affari esteri ucraino, Dmytro Kuleba.

I dati del sito di monitoraggio Flight Radar confermano che dopo il 5 febbraio 2022 il Mriya si trovava all’aeroporto di Gostomel e non ha più effettuato nessuna missione di volo. L’AN-225 Mriya con la matricola UR-82060 era arrivato dall’aeroporto di Billund in Danimarca. Allo stesso tempo, cinque aerei da trasporto AN-124-100 “Ruslan” erano stati precedentemente spostati e si troverebbero fuori dall’Ucraina per poter partecipare alla catena logistica per la consegna di armi da parte dei partner occidentali.

Anatoliy Fedoruk, sindaco di Bucha, città a 4 chilometri da Gostomel, avrebbe confermato questa informazione in un commento a Radio Svoboda. “Dopo il quinto raid aereo, il Mriya è stato completamente bombardato. È successo il primo giorno dell’invasione (24 febbraio). Hanno sparato dagli elicotteri.

Su richiesta dei giornalisti, Mykhailo Kharchenko, vicedirettore generale di Antonov, ha rifiutato di commentare. Alle 13:26 del 27 febbraio sul canale ufficiale Facebook di Antonov un messaggio riportava che “…. secondo le ultime informazioni (24.02.2022) l’AN-225 era intatto”. Successivamente, dopo le telefonate dei giornalisti, sempre sulle pagine social Twitter e Facebook dell’azienda alle 17:13 è apparso un altro messaggio: “Aggiornamento dello stato dell’aeromobile An-225 Dream: al momento, fino a quando l’An-225 non sarà stato esaminato da esperti, non possiamo segnalare lo stato tecnico del velivolo. Attendere un ulteriore annuncio ufficiale.

In questi giorni sono apparse diverse notizie riguardanti le sorti del Mriya, dalla sua distruzione avvenuta il 24 febbraio al suo trasferimento in Georgia, ma il fatto è che ad oggi non si è in grado di verificare in modo definitivo le informazioni. Tuttavia le immagini satellitari di Sentinel Hub mostrerebbero il giorno 26 febbraio 2022 l’hangar, dove sarebbe ricoverato il velivolo, ancora intatto. Ad oggi nulla è chiaro o può essere confermato.

L’unico esemplare dell’Antonov An-225 “Mriya / Dream” è l’aereo da trasporto più grande e potente del mondo, creato dall’Antonov Design Bureau di Kiev. Progettato alla fine della Guerra Fredda, il suo scopo è (era) quello di trasportare la navetta spaziale sovietica “Buran”  e il razzo “Energia” dal 1988, anno del suo primo volo.

Dopo alcuni anni di inattività è stato rimesso in servizio dalla Antonov Airlines, la compagnia aerea cargo ucraina e divisione dell’azienda Antonov, che come sappiamo opera a livello internazionale in servizi di trasporto pesante con una flotta che comprende anche i velivoli da trasporto An-124 “Ruslan”. Inoltre negli ultimi due anni è stato utilizzato attivamente durante la pandemia di Covid19. In particolare, nell’aprile 2020, l’aereo ha consegnato 103 tonnellate di farmaci dalla Cina a Kiev per combattere il coronavirus.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale Telegram.

Condividi
Stefano Monteleone

Direttore editoriale e Capo redattore di Aviation Report. Ho volato a bordo di aeromobili militari quali: AB-212, EH-101, SH-90 (Marina Militare); AW-139 (Guardia Costiera); HH-139A, HH-101A, G-222, C-27J, KC-767A, KC-130J (Aeronautica Militare); CH-47C, CH-47F, NH-90, AB-412, AB-205 (Esercito AVES); ATR-42, HH-412, AW-139 (Guardia di Finanza); ACH130 Aston Martin (Airbus). // Editorial Director and Chief Editor of Aviation Report. I have flown aboard military aircraft such as: AB-212, EH-101, SH-90 (Italian Navy); AW-139 (Coast Guard); HH-139A, HH-101A, G-222, C-27J, KC-767A, KC-130J (Italian Air Force); CH-47C, CH-47F, NH-90, AB-412, AB-205 (Italian Army Aviation); ATR-42, HH-412, AW-139 (Italian Custom Police).

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto