La compagnia aerea AEGEAN ha comunicato i risultati finanziari conseguiti nella prima metà dell’anno 2018, con ricavi consolidati pari a 455,7 milioni di Euro (con una crescita dell’1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente) e una diminuzione delle perdite stagionali, che passano dai 20 milioni di Euro del 2017 ai 13,8 milioni di Euro del 2018.  Ricordiamo che AEGEAN ha ottenuto il titolo di miglior compagnia aerea regionale in Europa agli Skytrax World Airline Awards 2018 e a giugno 2018 ha siglato un accordo con Airbus per l’ordine di un massimo di 42 aeromobili di nuova generazione della famiglia A320neo.

Il traffico totale dei passeggeri è aumentato del 7% (raggiungendo 5,9 milioni di persone). È aumentato del 3% anche il numero di posti offerti per chilometri percorsi e del 4% il numero totale di posti disponibili. Per i voli nazionali, si registra una crescita del 5% (2,7 milioni di passeggeri), mentre per i voli internazionali si arriva a un aumento pari all’8% (3,3 milioni di passeggeri). Migliora il load factor, che passa dal 79,2% all’81,7%, grazie alle iniziative commerciali e alle accresciute sinergie di rete. Il traffico internazionale, in arrivo e in partenza dall’Aeroporto internazionale di Atene, ha registrato un aumento del 13% e la compagnia ha introdotto 11 nuove destinazioni internazionali raggiungibili dalla capitale greca.

Il flusso di cassa operativo si è incrementato, passando da 127,4 a 163,2 milioni di Euro, con conseguenti liquidità che, al 30 giugno 2018, ammontano a 395,8[1] milioni di Euro, con un incremento netto pari a 58,4 milioni di Euro rispetto al mese di giugno 2017, nonostante gli anticipi versati (33,6 milioni di Euro) a seguito del recente contratto di acquisto sottoscritto con Airbus.

L’Amministratore Delegato della compagnia aerea, Dimitris Gerogiannis, ha dichiarato: “Dopo un anno proficuo, quale è stato il 2017, siamo riusciti a migliorare ulteriormente i nostri load factor, oltre al numero di passeggeri trasportati, puntando sul potenziamento dei servizi, sulla nostra attenta e prudente capacità di espansione per il secondo anno consecutivo e sull’ottimizzazione della nostra rete, nonostante il sostanziale aumento della concorrenza. In Grecia, la domanda turistica è in continuo aumento e questo è certamente importante, ma è fondamentalmente di carattere stagionale.

Abbiamo introdotto 11 nuove rotte, che ampliano la nostra offerta e rafforzano la posizione dell’aeroporto di Atene quale nodo strategico di transito. Continueremo a sviluppare il nostro prodotto con ulteriori programmi bancari di fidelizzazione e nuove opzioni di prenotazione e scelta. E soprattutto ci siamo recentemente impegnati all’acquisto di nuovi velivoli della famiglia A320, che saranno in grado di offrire ai nostri clienti ancor più efficienza, varietà e possibilità di nuovi servizi.

Le previsioni per il terzo trimestre, che determineranno sostanzialmente i risultati annuali finali, restano fondamentalmente positive, nonostante la crescita della concorrenza. L’aumento dei prezzi del carburante, continua tuttavia a incidere sui nostri costi e viene solo parzialmente contenuto dalla nostra politica di copertura dei rischi al riguardo.”

Risultati consolidati

Milioni di Euro Primo semestre 2017 Primo semestre 2018 %
Ricavi 450,7 455,7 1%
EBITDAR[2] 59,7 50,0 -16%
EBITDA[3] (10,5) (14,7) 41%
Utile (perdita) al lordo delle imposte per il periodo (26,7) (18,3) -32%
Utile (perdita) netto per il periodo (20,0) (13,8) -31%

Traffico passeggeri

  Primo semestre 2017 Primo semestre 2018 %
Voli nazionali 2.533.000 2.659.000 5%
Voli internazionali 3.022.000 3.277.000 8%
Totale 5.555.000 5.935.000 7%
Load Factor[4] 79,2% 81,7% 2,4
Numero medio di passeggeri per ciascun volo 115 123 7%

Il bilancio e gli indicatori chiave di prestazione vengono pubblicati sul sito web della compagnia aerea: https://en.about.aegeanair.com/investor-relations/financial-results

A partire dal 1° gennaio 2018, il Gruppo ha adottato il principio contabile IFRS 15 Ricavi provenienti da contratti con i clienti (Revenue from contracts with customers) e tale modifica dei criteri contabili ha comportato un impatto negativo (5,7 milioni di Euro) sui ricavi del Gruppo nella prima metà del 2018. Il Gruppo ha altresì adeguato il riconoscimento di determinati costi di distribuzione, riconoscendo i costi che corrispondono ai ricavi riconosciuti per ciascun periodo, con una conseguente riduzione dei costi di distribuzione pari a 5,8 milioni di Euro, sempre nel primo semestre del 2018. Pertanto, questa variazione netta nel riconoscimento di ricavi e costi ha avuto un impatto positivo pari a 0,1 milioni di Euro sui risultati operativi consolidati e al lordo delle imposte della prima metà del 2018.

Misure prestazionali alternative

Il Gruppo impiega anche gli indicatori finanziari EBITDA ed EBITDAR per valutare le proprie prestazioni, che sono utili per meglio comprendere i risultati finanziari e operativi ottenuti. In particolare, l’indicatore EBITDA rappresenta gli utili al lordo di interessi passivi, imposte, ammortamenti e svalutazioni, mentre l’indicatore EBITDAR (ampiamente utilizzato nell’industria aeronautica) rappresenta gli utili al lordo di interessi passivi, imposte, ammortamenti, svalutazioni e leasing di velivoli e motori di ricambio.

Milioni di Euro Primo semestre 2017 Primo semestre 2018
Perdita al lordo delle tasse (a)* (26,7) (18,3)
Ammortamento (b)* (9,0) (9,2)
Proventi finanziari (c)* 14,8 16,3
Oneri finanziari (d)* (22,1) (10,6)
Perdita al lordo di interessi passivi, imposte, ammortamenti e svalutazioni (EBIDTA) (e) = (a) – (b) – (c) – (d) (10,5) (14,7)
leasing di velivoli e motori di ricambio (f)** (70,1) (64,8)
Utili al lordo di interessi passivi, imposte, ammortamenti, svalutazioni e leasing (EBITDAR) (g) = (e) – (f) 59,7 50,0

* Voce inclusa nel prospetto del conto economico complessivo consolidato.
** Voce non presentata separatamente nel prospetto del conto economico complessivo consolidato 

Note:
[1] Comprese le liquidità vincolate (1,1 milioni di Euro) e gli investimenti obbligazionari (12,7 milioni di Euro)
[2] EBITDAR: Acronimo di “Earnings before interest, tax, depreciation, amortization & lease payments” (indicatore di prestazione calcolato da ricavi meno costi, escludendo da questi interessi passivi, imposte, ammortamenti, svalutazioni e leasing).
[3] EBITDA: Acronimo di “Earnings before interest, tax, depreciation & amortization” (indicatore di prestazione calcolato da ricavi meno costi, escludendo da questi interessi passivi, imposte, ammortamenti e svalutazioni).
[4] Rapporto previsto tra RPK (passeggeri trasportati per Km operati) e ASK (posti offerti per Km percorsi).

Rispondi