Prova il nostro nuovo servizio gratuito AvRep WhatsApp! Salva nella tua rubrica il nostro numero di telefono +39 342 049 1665 e inviaci un messaggio WhatsApp con scritto "ok aviation". Ti invieremo un articolo a settimana tra quelli più letti e a fine mese la newsletter con tutti gli articoli più letti. Nulla di più! Per annullare l'iscrizione sarà sufficiente cancellare il nostro numero dalla tua rubrica. Iscrivendoti accetti la privacy del sito web
News Militari

I velivoli MiG-31K (con missili ipersonici) si uniscono alle esercitazioni navali russe nel Mar Mediterraneo

Nel Mar Mediterraneo si sta svolgendo un’esercitazione congiunta delle forze della Marina e delle forze aerospaziali della Russia. L’esercitazione sta coinvolgendo i bombardieri a lungo raggio Tu-22 M3, i caccia Su-35, gli aerei antisommergibile Il-38 e Tu-142MK, cinque unità navali di superficie, due sottomarini e i caccia MiG-31K che possono trasportare i missili ipersonici Dagger / Kinzhal.

Lo scopo dell’esercitazione è esercitare la protezione delle strutture russe a Khmeimim e Tartus. Oltre ai compiti di addestramento previsti dal programma, i piloti hanno eseguito anche verifiche tecniche in condizioni climatiche difficili, in particolare a temperature elevate. Il lavoro congiunto di piloti e marinai è diventato possibile dopo la ricostruzione della base aerea di Khmeimim vicino a Latakia. Qui la pista è stata allungata e cementata ed ora consente l’utilizzo di tutti i tipi di aerei militari russi.

Per la prima volta la Russia ha inviato in Siria sulla base aerea di Khmeimim due caccia intercettori MiG-31K Foxhound, che sono gli utilizzatori dei missili ipersonici Dagger. L’arrivo inaspettato dei MiG-31K in Siria è stato annunciato il 25 giugno dal dipartimento della difesa russo. I caccia sono arrivati sulla base aera di Khmeimim senza i missili ipersonici che sono giunti in Siria a bordo di aerei da trasporto.

Come detto insieme ai due MiG-31K, sono stati schierati anche almeno tre bombardieri strategici a lungo raggio Tu-22M3 con nuovi missili antinave. I bombardieri sono apparsi per la prima volta in Siria solo un mese fa, dopo il completamento della ricostruzione della pista della base di Khmeimim. I velivoli d’attacco sono coperti dai caccia Su-35 con basati permanente in Siria.

Ricordiamo anche che il gruppo d’attacco della Marina britannica, il Carrier Strike Group, guidato dalla portaerei HMS Queen Elizabeth è situata non lontano dalle basi russe. Dall’area vicino all’isola di Cipro, i suoi 18 caccia di quinta generazione F-35B imbarcati stanno effettuando da diversi giorni dei raid aerei contro Daesh in Iraq e Siria.

Missile ipersonico russo Kinzhal

I velivoli della versione MiG-31K sono già in grado di trasportare e utilizzare il sistema missilistico ipersonico Kinzhal (Dagger in inglese), e il 98° reggimento dell’aviazione navale russa di Monchegorsk, insieme al 317° reggimento di Yelizovo, saranno gli utilizzatori del missile ipersonico a bordo dei propri caccia Foxhound.

Il MiG-31K è privato della capacità di utilizzare missili aria-aria, quindi molto probabilmente sarà utilizzato insieme al MiG-31BM quale velivolo di scorta. Pertanto, sembra che i futuri reggimenti aerei saranno costituiti da almeno due squadroni, uno dei quali svolgerà il ruolo di difesa aerea e protezione con i MiG-31MB e l’altro svolgerà il ruolo di attacco con i MiG-31K.

Tali reggimenti aerei dalle aree delle penisole di Kamchatka e Kola potranno agire efficacemente contro qualsiasi nemico nella maggior parte degli oceani Atlantico e Pacifico, Mar Baltico, Mare di Barents, Mare del Nord e Circolo Polare Artico, sia contro le portaerei che contro formazioni di unità navali e anfibie, nonché contro strutture di comando e controllo di un potenziale nemico.

Il missile ipersonico Kh-47M “Kinzhal” ha una portata fino a 2.000 km e una velocità di Mach 10-12. Come vettore di lancio viene utilizzato il caccia MiG-31K convertito che ha il compito di trasportare e lanciare il missile da un’altitudine di 12-15 km.

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto