E' online il nostro nuovo canale Telegram aggiornato giornalmente con immagini, video, notizie da tutto il mondo dell'aviazione militare e commerciale. Iscriviti oggi cliccando qui, siamo già in tanti!
News Militari

I velivoli MiG-31K (con missili ipersonici) si uniscono alle esercitazioni navali russe nel Mar Mediterraneo

Nel Mar Mediterraneo si sta svolgendo un’esercitazione congiunta delle forze della Marina e delle forze aerospaziali della Russia. L’esercitazione sta coinvolgendo i bombardieri a lungo raggio Tu-22 M3, i caccia Su-35, gli aerei antisommergibile Il-38 e Tu-142MK, cinque unità navali di superficie, due sottomarini e i caccia MiG-31K che possono trasportare i missili ipersonici Dagger / Kinzhal.

Lo scopo dell’esercitazione è esercitare la protezione delle strutture russe a Khmeimim e Tartus. Oltre ai compiti di addestramento previsti dal programma, i piloti hanno eseguito anche verifiche tecniche in condizioni climatiche difficili, in particolare a temperature elevate. Il lavoro congiunto di piloti e marinai è diventato possibile dopo la ricostruzione della base aerea di Khmeimim vicino a Latakia. Qui la pista è stata allungata e cementata ed ora consente l’utilizzo di tutti i tipi di aerei militari russi.

Per la prima volta la Russia ha inviato in Siria sulla base aerea di Khmeimim due caccia intercettori MiG-31K Foxhound, che sono gli utilizzatori dei missili ipersonici Dagger. L’arrivo inaspettato dei MiG-31K in Siria è stato annunciato il 25 giugno dal dipartimento della difesa russo. I caccia sono arrivati sulla base aera di Khmeimim senza i missili ipersonici che sono giunti in Siria a bordo di aerei da trasporto.

Come detto insieme ai due MiG-31K, sono stati schierati anche almeno tre bombardieri strategici a lungo raggio Tu-22M3 con nuovi missili antinave. I bombardieri sono apparsi per la prima volta in Siria solo un mese fa, dopo il completamento della ricostruzione della pista della base di Khmeimim. I velivoli d’attacco sono coperti dai caccia Su-35 con basati permanente in Siria.

Ricordiamo anche che il gruppo d’attacco della Marina britannica, il Carrier Strike Group, guidato dalla portaerei HMS Queen Elizabeth è situata non lontano dalle basi russe. Dall’area vicino all’isola di Cipro, i suoi 18 caccia di quinta generazione F-35B imbarcati stanno effettuando da diversi giorni dei raid aerei contro Daesh in Iraq e Siria.

Missile ipersonico russo Kinzhal

I velivoli della versione MiG-31K sono già in grado di trasportare e utilizzare il sistema missilistico ipersonico Kinzhal (Dagger in inglese), e il 98° reggimento dell’aviazione navale russa di Monchegorsk, insieme al 317° reggimento di Yelizovo, saranno gli utilizzatori del missile ipersonico a bordo dei propri caccia Foxhound.

Il MiG-31K è privato della capacità di utilizzare missili aria-aria, quindi molto probabilmente sarà utilizzato insieme al MiG-31BM quale velivolo di scorta. Pertanto, sembra che i futuri reggimenti aerei saranno costituiti da almeno due squadroni, uno dei quali svolgerà il ruolo di difesa aerea e protezione con i MiG-31MB e l’altro svolgerà il ruolo di attacco con i MiG-31K.

Tali reggimenti aerei dalle aree delle penisole di Kamchatka e Kola potranno agire efficacemente contro qualsiasi nemico nella maggior parte degli oceani Atlantico e Pacifico, Mar Baltico, Mare di Barents, Mare del Nord e Circolo Polare Artico, sia contro le portaerei che contro formazioni di unità navali e anfibie, nonché contro strutture di comando e controllo di un potenziale nemico.

Il missile ipersonico Kh-47M “Kinzhal” ha una portata fino a 2.000 km e una velocità di Mach 10-12. Come vettore di lancio viene utilizzato il caccia MiG-31K convertito che ha il compito di trasportare e lanciare il missile da un’altitudine di 12-15 km.

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto