X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


La Cina presenta l’aereo stealth FC-31 alle nazioni del Medio Oriente

@ VCG

Le aziende cinesi della difesa stanno occupando l’area più grande al World Defense Show 2024, il salone aerospaziale in corso nella capitale saudita Riyadh fino all’8 febbraio, per mostrare una gamma completa dei loro prodotti di punta tra i quali l’aereo stealth FC-31.

Spaziando dalla terra al mare e all’aria la Cina ha presentato in Arabia Saudita tutta una serie di armi e piattaforme compresi aerei da guerra come l’aereo stealth FC-31, il bombardiere JH-7, l’aereo da trasporto strategico Y-20, l’aereo da trasporto tattico Y-9 e l’anfibio AG600, droni come la serie Wing Loong, la serie CH e la serie FH, oltre a navi, carri armati e veicoli corazzati, obici e sistemi di razzi a lancio multiplo, radar, nonché armi e missili per la difesa aerea, secondo quanto riportato dai media.

Il Global Times citando un anonimo esperto militare cinese ha affermato che i suoi prodotti per la difesa non solo sono “convenienti, ma sono anche dotati di tecnologie avanzate e di altissima qualità”. Forniscono anche un servizio post-vendita completo e non impongono vincoli politici irragionevoli, ha affermato l’esperto.

Sebbene l’FC-31 non sia attualmente in servizio presso le forze aeree cinesi, sembra che il produttore stia lavorando duramente per offrirlo anche a Pechino. L’ultimo sforzo fa parte di un piano, secondo la società, per consentire all’FC-31 di servire due mercati: nazionale e internazionale. In questo contesto, recentemente, il Pakistan ha manifestato il suo interesse per l’acquisto ufficiale dell’FC-31. La Repubblica Islamica vorrebbe sostituire la sua anziana flotta di F-16 e Mirage, facendo dell’aereo da caccia cinese la sua unica opzione.

L’FC-31, forse denominato anche J-35, caratterizzato dalla forte somiglianza con l’F-35 americano sarebbe dotato di una tecnologia stealth avanzata, tra cui un design attentamente progettato e materiali radar-assorbenti, per ridurre la sezione trasversale e migliorare la sopravvivenza sul campo di battaglia.

Inoltre, il costruttore cinese ha rivendicato l’FC-31 come il secondo aereo da caccia stealth al mondo capace di operare dalle portaerei, un’affermazione che gli esperti occidentali hanno sempre prezo con le pinze. Il prototipo era alimentato da due motori russi, RD-93. Tuttavia, dopo qualche tempo, la Shenyang Aircraft Corporation aveva sostituito i turbofan RD-93 con i nuovi motori WS-13 della Guizhou Aircraft Industry Corporation. Pechino aveva offerto lo stesso motore per il JF-17 esportato all’aeronautica militare pakistana che però aveva rifiutato.

L’FC-31 cinese, insieme al Su-75 Checkmate russo, potrebbe essere un’alternativa plausibile, per molti paesi, all’F-35. Tuttavia, rispetto all’F-35 che rimane un sogno irrealizzabile per i paesi del Medio Oriente, escluso Israele, l’FC-31, così come il Su-75, è in una posizione svantaggiosa poiché attualmente non è in servizio presso l’aeronautica militare cinese. Sembra che il produttore stia lavorando duramente per offrirlo anche a Pechino che aveva inizialmente rifiutato il velivolo.

Ma, la riluttanza degli Stati Uniti alla vendita dell’F-35 in Medio Oriente potrebbe aprire la strada all’FC-31 cinese poiché Pechino sarebbe più che ansiosa di esportare questo aereo da caccia stealth. Diversi accordi di vendita di armi straniere avviati dall’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, inclusa la vendita di 50 F-35 agli Emirati Arabi Uniti e 3.000 bombe di precisione all’Arabia Saudita, erano stati sospesi dall’amministrazione Biden nel 2021.

Gli accordi avevano avuto un’accelerazione dopo che Abu Dhabi aveva acconsentito a normalizzare le relazioni con Israele. Ma oggi  l’approvvigionamento degli F-35 rimane un sogno lontano. Solo Israele fa volare gli F-35 nella regione, parte del cosiddetto “vantaggio qualitativo” concesso dagli Stati Uniti dopo che Israele ha combattuto diverse guerre contro i suoi vicini arabi sin dalla sua fondazione.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp

Categorie: News Militari
Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto