X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


Al 61° Stormo inizia l’addestramento dei piloti svedesi in Italia

@ Ufficio Pubblica Informazione Aeronautica Militare

In accordo al Technical Arrangement, siglato nel mese di dicembre 2023 tra l’Aeronautica Militare e la Swedish Air Force, sono giunti presso l’aeroporto militare “F. Cesari” di Galatina i primi quattro allievi piloti svedesi, accompagnati dal loro Senior National Representative, per intraprendere il percorso di addestramento al volo che l’Aeronautica Militare propone anche a diversi partner internazionali.

L’accordo prevede un inserimento costante negli anni di allievi piloti e istruttori di volo della Swedish Air Force, distribuiti nell’arco di un decennio, per un totale di oltre cento allievi e una decina di piloti istruttori.

La Svezia va così ad affiancare un nutrito gruppo di paesi che nel corso degli ultimi anni hanno scelto l’Italia per l’addestramento al volo, convinti dall’eccellenza dell’offerta formativa dell’Aeronautica Militare, sia presso la base di Galatina che presso l’IFTS di Decimomannu: Austria, Canada, Germania, Giappone, Qatar, Singapore, Regno Unito, Arabia Saudita, Svezia e Kuwait.

I giovani piloti svedesi, dopo un breve periodo di in-processing presso la base salentina, hanno iniziato oggi, lunedì  22 gennaio 2024, presso il 214° Gruppo Volo, il corso di Fase II “Primary Pilot Training”, attraverso il quale acquisiranno le necessarie conoscenze e competenze di base sul volo militare.

L’addestramento proseguirà con la successiva Fase III Fighter Track “Specialized Pilot Training”, gestita dal 213° Gruppo, che, attraverso una preparazione più avanzata e specifica, consentirà loro di raggiungere la tappa più importante e significativa in questa lunga strada che porta alla piena capacità operativa: il conseguimento del brevetto di pilota militare.

Una volta appuntata sul petto l’aquila turrita, che contraddistingue i piloti militari, l’iter continuerà all’interno del 61° Stormo sotto la guida del 212° Gruppo/IFTS, presso l’International Flight Training School di Decimomannu, un campus addestrativo innovativo e all’avanguardia, frutto della collaborazione tra l’Aeronautica Militare e Leonardo S.p.A.

Avrà inizio così la Fase IV “Lead-In to Fighter Training”, un percorso che, attraverso l’utilizzo dell’avanzatissimo Integrated Training System 346 (ITS-346), consentirà un più agevole passaggio all’impiego operativo sui velivoli di ultima generazione.

La Svezia si aggiunge alle numerose nazioni che negli anni hanno scelto l’Aeronautica Militare ed il 61° Stormo, a testimonianza della riconosciuta valenza internazionale della qualità dell’offerta formativa erogata dalla scuola di volo salentina. Per il Col. Vito Conserva, Comandante del 61° Stormo, “la presenza sempre più rilevante di personale straniero non fa altro che confermare la continua crescita della nostra scuola, ormai un consolidato polo d’eccellenza per l’addestramento al volo basato sui più moderni assetti dell’Aeronautica Militare italiana”.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp

Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto