Prova il nostro nuovo servizio gratuito AvRep WhatsApp! Salva nella tua rubrica il nostro numero di telefono +39 342 049 1665 e inviaci un messaggio WhatsApp con scritto "ok aviation". Ti invieremo un articolo a settimana tra quelli più letti e a fine mese la newsletter con tutti gli articoli più letti. Nulla di più! Per annullare l'iscrizione sarà sufficiente cancellare il nostro numero dalla tua rubrica. Iscrivendoti accetti la privacy del sito web

Il 56th RQS e il 57th RQS (Rescue Squadron) dell’USAFE sono definitivamente trasferiti sulla base aerea di Aviano in ambito 31st Fighter Wing, provenienti dalla base aerea di Lakenheath nel Regno Unito. Il 14 giugno 2018 gli elicotteri HH-60 Pave Hawk del 56th RQS e i Pararescuemen del 57th RQS hanno effettuato il primo lancio nei cieli italiani, a trasferimento completato.

Il 56th Rescue Squadron è abilitato a condurre, in tutto il mondo, operazioni di Combat Rescue e supporto alle Forze Speciali tramite i suoi cinque elicotteri HH-60G Pave Hawks e i suoi team di PJ – Pararescue Jumpers. L’attività del reparto aereo comprende, quindi, l’inserzione, l’estrazione e il recupero di personale militare americano e alleato, soccorsi a lungo raggio, assistenza umanitaria, soccorso ed evacuazione di personale civile e assistenza in caso di calamità naturali sia in teatri operativi bellici che in tempo di pace.

Il 57th Rescue Squadron è composto da personale Pararescuemen, Combat Rescue Officers e specialisti del SERE – Survival, Evasion, Resistance and Escape specialists che fanno parte del Guardian Angel Weapons System.

Questo trasferimento inizialmente annunciato nel novembre del 2015, mira a stabilire una posizione più strategica ed economicamente vantaggiosa per i due gruppi di volo di combat SAR americani.

Il grosso del personale ha iniziato il trasferimento a febbraio 2018 per completarsi ad inizio giugno 2018. Inoltre, a partire da questo mese, il nuovo personale assegnato ai due RQS andrà direttamente in Italia. Entrambi i comandanti dei due gruppi di volo RQS hanno confermato che il prossimo trasferimento porterà nuove opportunità di formazione e addestramento posizionando personale ed elicotteri più vicini all’attuale teatro delle operazioni, Europa e Africa Settentrionale.

 

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto