XQ-67A di General Atomics
@ GA-ASI, US AFRL

L’XQ-67A di General Atomics effettua il primo volo convalidando il concetto modulare detto di “genere/specie”

General Atomics Aeronautical Systems ha fatto volare per la prima volta il drone XQ-67A Off-Board Sensing Station (OBSS) il 28 febbraio 2024 da Gray Butte vicino a Palmdale, California. L’OBSS è un programma dell’US Air Force Research Laboratory (AFRL) e GA- ASI è stata selezionata nel 2021 per progettare, costruire e far volare il nuovo velivolo.

Con il volo dell’XQ-67A finanziato dall’US AFRL, GA-ASI ha convalidato il concetto di “genere/specie” sviluppato per la prima volta con l’US AFRL come parte del programma LCAAPS (Low-Cost Attritable Aircraft Platform Sharing) incentrato sulla costruzione di diverse varianti di aeromobili da un telaio centrale comune.

Nell’ambito del programma LCAAPS, US AFRL e GA-ASI hanno esplorato lo sviluppo di una cellula, definita “genere”, come architettura fondamentale da cui possono essere costruite diverse “specie” di velivoli.

Ciò fornisce un approccio, alternativo all’acquisizione di aerei militari, che consente uno sviluppo più rapido, costi inferiori e maggiori opportunità per un aggiornamento tecnologico frequente”, ha affermato Trenton White, responsabile del programma OBSS e ingegnere aerospaziale presso la direzione dei sistemi aerospaziali dell’US AFRL. “XQ-67A è la prima “specie” ad essere progettata e costruita da questa piattaforma condivisa. La dimostrazione in volo di questo sistema è un primo passo importante verso la capacità di produrre velivoli da combattimento in massa a prezzi accessibili.

OBSS è il primo tipo di aereo costruito e pilotato utilizzando una cellula principale comune sviluppata da GA-ASI che promuove la comunanza tra più tipi di velivoli“, ha affermato Michael Atwood, vicepresidente dei programmi avanzati di GA-ASI.

L’XQ-67A è il primo di una seconda generazione di piattaforme collaborative autonome ACP – Autonomous Collaborative Platforms. Dopo il successo dell’XQ-58A Valkyrie, il primo velivolo a basso costo senza equipaggio destinato a fornire alle forze armate una massa credibile e conveniente economicamente di aerei, e l’XQ-67A dimostra il concetto di cellula comune o approccio “genere” alla progettazione, costruzione e test degli aerei, secondo Doug Meador, responsabile della capacità ACP presso la direzione dei sistemi aerospaziali dell’US AFRL.

XQ-67A di General Atomics

Questo approccio apre la strada alla rapida replicazione di altre “specie” di aeromobili su una cellula standard. “Questo approccio aiuterà a risparmiare tempo e denaro sfruttando sottostrutture e sottosistemi standard, in modo simile a come l’industria automobilistica costruisce una linea di prodotti”, ha affermato Meador. “Da lì, il genere può essere sviluppato per altri velivoli – simili a quello del telaio di un veicolo – con la possibilità di aggiungere diversi kit di velivoli al telaio.

Quindi, cos’è una piattaforma collaborativa autonoma? “Autonomia, integrazione dei sistemi umani, carichi utili di sensori e armi, reti e comunicazioni e veicolo aereo“, ha detto Meador. “Abbiamo sviluppato questa classe di sistemi sin dall’inizio dell’iniziativa LCAAT – Low Cost Attritable Aircraft Technologies“, ha aggiunto.

Lo sforzo principale che inizialmente ha esplorato il concetto di genere/specie è stato il programma LCAAPS – Low Cost Attritable Aircraft Platform Sharing, che ha alimentato tecnologia e conoscenza nel programma OBSS culminato con la costruzione e il volo dell’XQ-67A, ha affermato Meador. “L’intenzione alla base di LCAAPS fin dall’inizio era che questi sistemi migliorassero, e non sostituissero, gli aerei con equipaggio“, ha affermato Trenton White, responsabile del programma LCAAPS e OBSS della direzione dei sistemi aerospaziali dell’US AFRL.

Tra la fine del 2014 e l’inizio del 2015, i primi anni dell’iniziativa LCAAT, il team ha iniziato con alcuni progetti interni che si sono evoluti nella definizione dei requisiti per il LCASD – Low Cost Attritable Strike Demonstrator. Il team LCASD ha definito, progettato, costruito e testato l’XQ-58 per la prima volta nel 2019. “La prima generazione era l’XQ-58, e si trattava davvero di dimostrare il concetto che si poteva costruire capacità di combattimento rilevanti in modo rapido ed economico“, ha detto White.

XQ-67A di General Atomics

Il programma OBSS si è basato sulla capacità a basso costo dimostrata da LCASD, sfruttando la ricerca sulla tecnologia di progettazione e produzione svolta sin dalla prima generazione diretta a ridurre il rischio nello sviluppo delle generazioni future di velivoli, ha aggiunto White. Con l’XQ-67A, il team sta utilizzando l’approccio di condivisione della piattaforma traendo vantaggio dalle pratiche dell’industria automobilistica. “Stiamo cercando di sfruttare lo sviluppo tecnologico che è stato fatto a partire dall’XQ-58“, ha aggiunto White.

Con i progressi nella tecnologia di produzione rispetto all’XQ-58, il team mira ad utilizzare quel sistema e i progressi tecnologici degli ultimi anni per creare un progetto con costi inferiori e con una produzione più rapida. Con questa piattaforma di “genere”, White ha affermato che un aereo può essere creato più velocemente, ad un costo inferiore con maggiori opportunità di aggiornamento e inserimento tecnologico se nuovi modelli vengono sviluppati e lanciati ogni pochi anni.

L’US AFRL sfrutta l’innovazione scientifica e tecnologica per specifici requisiti operativi per garantire che capacità militari significative raggiungano le forze armate. L’XQ-67 è la prima variante ad essere progettata e costruita da questa piattaforma condivisa, ha affermato White. “Gli obiettivi principali qui sono convalidare un concetto di sistema aereo aperto per hardware e software e dimostrare un rapido time-to-market e bassi costi di sviluppo“, ha aggiunto.

Questo progetto ha cercato di incorporare aspetti dell’OBSS e dell’OBWS in diversi concetti di capacità. Resistenza, velocità, manovrabilità, autonomia. XQ-67A ha impiegato poco più di due anni per essere realizzato, muovendosi rapidamente attraverso il processo di progettazione, costruzione e volo. Mentre il team inizialmente lavorava con cinque fornitori del settore, alla fine del 2021 l’US AFRL ha deciso di sfruttare l’opportunità di realizzare il progetto General Atomics e questo primo volo è la prima prova che l’approccio “genere/specie” funziona e che l’aereo può essere costruito da un telaio prestabilito.

Immagini: GA-ASI, US AFRL

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp