C-27J Aeronautica Militare
@ Archivio Aviation Report / Michele Monteleone

La Slovenia acquisterà dall’Italia un velivolo C-27J Spartan con assistenza, manutenzione e addestramento degli equipaggi di volo

Nel quadro delle proficue relazioni tra Italia e Slovenia che vantano un eccellente stato di cooperazione, è stato sottoscritto l’accordo Government to Government (G2G) tra i due Paesi, mediante il quale la Slovenia acquisirà un aeromobile ad ala fissa C27J Spartan. L’Italia fornirà alla Slovenia anche la manutenzione e l’addestramento degli equipaggi di volo. L’accordo G2G – il primo di sempre per l’Italia – è stato siglato dal Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, e dal Ministro sloveno, Matej Tonin.

L’accordo si innesta nel quadro più ampio delineato dalla “Direttiva per la politica industriale della Difesa”, firmata dal Ministro la scorsa estate. Direttiva che intende dare rinnovato impulso alla competitività dell’industria nazionale di settore, “per continuare a garantire al Paese e alle sue eccellenze industriali un posizionamento di rilievo nei principali e più innovativi programmi di cooperazione europei e internazionali, e accrescere la rilevanza tecnologica del know how italiano nel mondo”. Così il Ministro lo scorso 29 luglio, all’emenazione della direttiva.

Il C-27J Spartan oggetto dell’accordo è un velivolo da trasporto tattico in dotazione all’aeronautica Militare italiana. Un cargo medio particolarmente versatile e flessibile nell’impiego e in grado di svolgere con efficacia le diverse missioni, tra le quali quelle di tipo sanitario o di aviolancio di materiali e paracadutisti.

La cooperazione governativa con la Slovenia giunge alla fine di un lungo iter condotto dal Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti (Segredifesa), che ha portato alla stesura di un Accordo di Attuazione, che tiene conto degli aspetti operativi, tecnici, logistici, addestrativi, legali e amministrativi che ha costituito la base necessaria per la definizione della struttura contrattuale.