Bayraktar TB2 per la Polonia
@ Poland MoD / Leszek Chemperek

Bayraktar TB2 per la Polonia: completate le consegne dei 24 droni armati

Lo scorso 16 maggio, nell’ambito dell’accordo tra Baykar e il Ministero della Difesa polacco, Varsavia ha preso in consegna 24 droni Bayraktar TB2. Con l’ultimo lotto di Bayraktar TB2 per la Polonia, tutte le consegne nell’ambito dell’accordo stipulato tra i due paesi sono state completate.

Secondo la dichiarazione della Presidenza delle Industrie della Difesa turche, il primo lotto di consegne nell’ambito del progetto era stato effettuato nell’ottobre 2022, il secondo lotto di consegne era stato effettuato nell’aprile 2023, il terzo lotto di consegne era stato effettuato nel Ottobre 2023 e il quarto ed ultimo lotto di consegne è stato effettuato questo mese di maggio 2024.

Ogni set include 6 droni Bayraktar TB2 armati. In totale, 24 UAV entreranno in servizio con le forze armate polacche. Il contratto include anche la consegna di stazioni di controllo mobili, radar SAR, simulatori e uno stock di pezzi di ricambio. Il contratto prevede anche la consegna di missili a guida laser MAM-L e MAM-C, che consentiranno l’attuazione dell’intero spettro di compiti tattici in conformità con lo scopo operativo del sistema.

Il contratto con il produttore turco, per i Bayraktar TB2 per la Polonia, fornirà una garanzia di 24 mesi, un pacchetto di formazione e logistica, nonché il trasferimento di tecnologia che garantirà la possibilità di assistenza e riparazione anche dei motori, delle stazioni di controllo a terra e delle telecamere.

La cerimonia di consegna del sistema si è tenuta presso la 12a base UAV polacca con la partecipazione del presidente della SSB Haluk Görgün, del viceministro polacco della difesa nazionale Pawel Bejda, del direttore generale di Baykar Haluk Bayraktar e di una delegazione del Ministero della difesa nazionale polacco.

Il presidente della SSB Haluk Görgün ha dichiarato che la Turchia è ora un attore globale nei settori dei velivoli senza pilota, dei progetti navali nazionali, dei sistemi elettronici, dei veicoli terrestri, dei sistemi di armi e munizioni con il loro design unici e capacità tecnologiche avanzate.

Affermando che la Turchia è diventata un paese che soddisfa le esigenze dei paesi amici e fratelli, nonché di se stesso, soprattutto in termini di piattaforme aeree senza piloti, terrestri e marittime, Görgün ha affermato anche che “… abbiamo integrato radar, componenti elettronici, elettro-ottici, munizioni e carichi utili … e che il software integrato nelle piattaforme è sviluppato a livello nazionale dal nostro ecosistema dell’industria della difesa“.

Sottolineando che la Turchia è uno dei tre paesi leader nel mondo nella tecnologia UAV, Görgün ha aggiunto che “Baykar è un’azienda seguita da vicino da tutto il mondo con i suoi giovani talenti impiegati, le tecnologie all’avanguardia e superiori e i risultati nell’esportazione, ed è l’orgoglio nazionale del nostro paese. Questo successo ottenuto dalla nostra azienda aumenta positivamente l’immagine della Turchia nel mondo. Con l’esportazione, il nostro paese ha esportato per la prima volta UAV ad alta tecnologia in un paese membro della NATO e dell’UE. Vorrei ringraziarli per i loro eccezionali sforzi. Spero che la cerimonia di consegna, dei Bayraktar TB2 per la Polonia, tenutasi oggi sarà benefica per le Forze Armate polacche, un paese amico e fraterno, e spero che la nostra intensa cooperazione e le nostre relazioni bilaterali continuino nel prossimo futuro.

Haluk Bayraktar, ha sottolineato che questo storico accordo rafforza la cooperazione strategica e il partenariato tecnologico tra due paesi con profondi legami, Bayraktar ha affermatoa anche che “… siamo orgogliosi di mostrare le capacità della Turchia nel campo dell’industria della difesa sulla scena mondiale“.

Abbiamo conosciuto il drone TB2 Bayraktar, che nei primi mesi del conflitto in Ucraina è stato un vero e proprio bastone fra le ruote per i russi, grazie ai video dei loro attacchi aerei che sono rimbalzati sui social di tutto il mondo, raggiungendo milioni di visualizzazioni, definendolo quasi come una creatura mitologica e diventando una celebrità in patria.

Il Bayraktar TB2 è un drone tattico in grado di condurre compiti di sorveglianza e ricognizione (ISR) e missioni di combattimento utilizzando missili guidati trasportati su quattro punti sotto le ali. Il Bayraktar TB2 è stato dotato di un sistema avionico che consente rullaggio, decollo, atterraggio e volo completamente autonomi. Il drone è lungo 6,5 metri e ha una apertura alare di 12 metri. Ha una capacità di volo fino a 27 ore. Il peso al decollo del drone è di 650 chilogrammi e la velocità massima è di circa 220 km/h.

Questi droni sono equipaggiati di telemetri e designatori laser concepiti per ingaggiare il bersaglio da una posizione di controllo di tipo remoto che può essere distante dall’apparecchio fino ad un massimo di 185 miglia. Sotto un profilo strutturale, i Bayraktar dispongono di un design di tipo monoscocca e sono integrati da una struttura a coda formata da due derive a V rovesciata. La fusoliera è stata realizzata in fibra di carbonio, Kevlar e altri materiali compositi ibridi con l’intento di rendere il velivolo estremamente leggero e performante.

Immagini: Poland MoD

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp e sul nuovo canale Threads