aerei da combattimento Rafale
@ Dassault Aviation

Aerei da combattimento Rafale: Dassault Aviation riceve un ordine per 42 ulteriori caccia per l’aeronautica militare francese

Alla fine del mese di dicembre 2023, l’Agenzia francese per gli appalti della difesa (DGA – Direction Générale de l’Armement) ha assegnato a Dassault Aviation un ordine per 42 aerei da combattimento Rafale, nel nuovo standard noto come “tranche 5”, per l’Armée de l’Air et de l’Espace (AAE), l’aeronautica militare francese.

A nome di Dassault Aviation e delle 400 aziende coinvolte nel programma Rafale, desidero ringraziare il Ministero delle Forze Armate, la DGA e l’AAE per la loro rinnovata fiducia. Siamo pronti e determinati a utilizzare le nostre competenze come appaltatore principale e integratore di sistemi complessi per servire la sovranità della nostra nazione. Questa sovranità industriale militare è un’eccezione in Europa. Garantisce la superiorità della nostra aviazione da combattimento. È anche una risorsa per l’influenza diplomatica e una forza economica nel commercio per l’esportazione”, ha detto Éric Trappier, Presidente e CEO di Dassault Aviation.

Il Rafale è un successo tecnico, operativo e commerciale che continua a posizionare la Francia a livello mondiale nel settore degli aerei da combattimento anche grazie alla progettazione che gli permette di evolversi secondo gli standard successivi, al fine di adattare le ultime tecnologie alle esigenze degli utenti. Lo standard 4, incentrato in particolare sulla connettività, è in fase di sviluppo. Lo Standard 5, attualmente in preparazione al lancio, porterà nuove capacità nel combattimento collaborativo.

Gli aerei da combattimento Rafale sono un buon successo sul mercato dell’esportazione, con sette paesi clienti fino ad oggi. Il portafoglio ordini, più il nuovo contratto francese “tranche 5”, garantiranno l’attività produttiva per i prossimi dieci anni.

Il caccia Rafale è entrato in servizio presso la Marina francese nel 2004 e presso l’Aeronautica militare francese nel 2006, sostituendo gradualmente le precedenti generazioni di sette tipi di aerei da combattimento. Si è dimostrato efficace in combattimento in vari teatri quali Afghanistan, Libia, Mali, Iraq e Siria.

Ad oggi, la Francia ha ordinato cinque tranche di aerei da combattimento Rafale come segue: 13 nel 1993; 48 nel 1999; 59 nel 2004; 60 nel 2009; e 42 nel 2023. Nel 2021, la Francia ha emesso un ordine speciale per 12 caccia per sostituirne altrettanti trasferiti in Grecia. Gli ordini francesi ammontano quindi a 234 aerei da combattimento Rafale.

Il totale degli ordini di esportazione ammonta attualmente a 261 Rafale (nuovi aerei):

  • Egitto: 55
  • Qatar: 36
  • India: 36
  • Grecia: 12
  • Emirati Arabi Uniti: 80
  • Indonesia: 42 (di cui 18 per il 2024)

Inoltre, la Grecia e la Croazia hanno acquisito ciascuna 12 Rafale di seconda mano dall’Armée de l’Air et de l’Espace. Per quanto riguarda l’Indonesia, l’8 gennaio scorso è stato dato il via alla terza tranche di 18 velivoli che segue la prima di 6 velivoli (settembre 2022) e la seconda di 18 velivoli (agosto 2023) che porta gli ordini totali di Giacarta a 42 caccia nell’ambito del contratto firmato nel febbraio 2022.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp