@ Ufficio Pubblica Informazione Aeronautica Militare

In pochi giorni tre interventi per i mezzi dell’Aeronautica Militare a favore della popolazione

Si è conclusa poco prima delle 17 del 3 Luglio una missione congiunta tra personale dell’82° Centro SAR (Search & Rescue) dell’Aeronautica Militare, di base a Trapani, e i tecnici del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico della regione Sicilia (Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano – SASS), per il recupero, sull’isola di Marettimo (Egadi), di un uomo di sessant’anni traumatizzato per una caduta.

L’incidente è avvenuto nella zona impervia di punta Troìa, dove si è reso necessario l’intervento dell’Aeronautica Militare su attivazione del SASS. Il Rescue Coordination Centre del Comando Operazioni Aerospaziali (COA) di Poggio Renatico ha quindi attivato l’equipaggio in prontezza dall’allarme dell’82° Centro SAR del 15° Stormo, di stanza presso l’aeroporto di Trapani. Intorno alle ore 16, l’HH-139B è decollato con a bordo un tecnico del SASS e l’aerosoccorritore dell’Aeronautica Militare, raggiungendo la zona delle operazioni dove il team è stato rilasciato per soccorrere in poco tempo l’uomo, impossibilitato a camminare.

Una volta immobilizzato e stabilizzato, l’infortunato è stato issato col verricello a bordo dell’elicottero, per poi essere trasportato presso il presidio ospedaliero Sant’Antonio Abate di Trapani, dov’è stato affidato al personale sanitario per le cure necessarie. Nell’arco di un’ora, quindi, elicottero ed equipaggio dell’Aeronautica Militare sono tornati disponibili per il pronto impiego in caso di necessità.

I Reparti di volo dell’Aeronautica Militare sono in grado di assicurare il trasporto di pazienti, organi, equipe mediche e ambulanze, anche in condizioni meteorologiche complesse. Sono centinaia ogni anno le ore di volo effettuate, per questo genere di interventi, oltre che dagli elicotteri del 15° Stormo di Cervia, dagli aerei del 31° Stormo di Ciampino, del 14° Stormo di Pratica di Mare e della 46ª Brigata Aerea di Pisa.

Nella mattinata del 4 Luglio un elicottero dell’82° Centro SAR (Search And Rescue) del 15° Stormo dell’Aeronautica Militare è decollato dall’aeroporto di Trapani per effettuare il soccorso di una donna presso la Riserva dello Zingaro (TP), in collaborazione con il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS).

L’equipaggio, in prontezza d’allarme con un elicottero HH-139B, aveva ricevuto poco prima l’ordine di missione dalla Sala Operativa del Rescue Coordination Center (RCC) del Comando Operazioni Aerospaziali di Poggio Renatico (FE), e, dopo aver imbarcato due operatori del Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano (SASS) a Castellammare del Golfo, si è diretto in direzione della Riserva dello Zingaro per soccorrere una donna, ferita a una gamba a causa di una caduta. Dopo essere stata immobilizzata e stabilizzata dal team intervenuto, cui faceva parte anche un aerosoccorritore dell’Aeronautica Militare, l’infortunata è stata recuperata a bordo dell’elicottero tramite verricello, per poi essere trasportata presso il campo sportivo di Castellammare del Golfo, dov’è stata affidata alle cure di un’ambulanza del 118.

In meno di un’ora, elicottero ed equipaggio sono rientrati alla base, tornando quindi disponibili per il pronto impiego in caso di necessità.

Il 15° Stormo garantisce, 24 ore su 24, ogni singolo giorno dell’anno, la ricerca e il soccorso degli equipaggi di volo in difficoltà, concorrendo, inoltre, ad attività di pubblica utilità quali la ricerca di dispersi in mare o in montagna, il trasporto sanitario d’urgenza di pazienti in imminente pericolo di vita e il soccorso di traumatizzati gravi, operando anche in condizioni meteorologiche complesse, sia di giorno sia di notte. Dalla sua costituzione a oggi, gli equipaggi del 15° Stormo hanno salvato migliaia di persone in pericolo di vita, mentre in estate svolgono anche attività Antincendio Boschivo (AIB) nell’ambito degli assetti forniti dalla Difesa per questa campagna. Dal 15° Stormo di Cervia, oltre l’82° Centro SAR di Trapani, dipendono, dislocati su tutto il territorio nazionale, anche l’80° Centro SAR di Decimomannu (Cagliari), l’85° Centro SAR di Pratica di Mare, l’84° Centro SAR di Gioia del Colle (Bari) e l’83° Gruppo SAR, sito proprio su Cervia.

I Reparti di volo dell’Aeronautica Militare sono in grado di assicurare il trasporto di pazienti, organi, equipe mediche e ambulanze, anche in condizioni meteorologiche complesse. Sono centinaia ogni anno le ore di volo effettuate, per questo genere di interventi, oltre che dagli elicotteri del 15° Stormo di Cervia, dagli aerei del 31° Stormo di Ciampino, del 14° Stormo di Pratica di Mare e della 46ª Brigata Aerea di Pisa.

Il 5 Luglio è atterrato un Falcon 900 del 31° Stormo presso l’aeroporto di Milano Linate che ha permesso il trasporto sanitario d’urgenza di un lattante di soli due mesi dal Presidio Ospedaliero Duilio Casula di Monserrato (CA) al Policlinico di San Donato Milanese (MI).

Il Falcon 900 del 31° Stormo era partito dalla base di Ciampino poco dopo le 10:30, per dirigersi verso l’aeroporto di Cagliari-Elmas, dove ha imbarcato il piccolo paziente in imminente pericolo di vita, che ha viaggiato in culla termica, accompagnato dai genitori e da un’equipe medica composta da una dottoressa e un’infermiera.

Il trasporto sanitario d’urgenza è una delle attività istituzionali che l’Aeronautica Militare svolge al servizio della collettività. Il volo, definito in questo caso “IPV – Imminente Pericolo di Vita”, è stato attivato su richiesta della Prefettura di Cagliari alla Sala Situazione di Vertice del Comando Squadra Aerea, la sala operativa dell’Aeronautica Militare che ha tra i propri compiti anche quello di attivare e gestire i trasporti sanitari urgenti. Questa ha immediatamente interessato il 31° Stormo di Ciampino, uno dei Reparti che svolge il servizio di prontezza operativa per tale genere di missioni. Una volta arrivati all’aeroporto di destinazione, dove un’ambulanza era già in attesa per trasferire il bimbo in ospedale, velivolo ed equipaggio sono ripartiti alla volta di Ciampino, dove sono atterrati intorno alle 14:30, tornando pronti per l’impiego in caso di necessità.

I Reparti di volo dell’Aeronautica Militare sono a disposizione della popolazione 24 ore al giorno, tutti i giorni dell’anno, con mezzi ed equipaggi in grado di assicurare il trasporto di pazienti, organi, equipe mediche e ambulanze, anche in condizioni meteorologiche complesse. Sono centinaia ogni anno le ore di volo effettuate, per questo genere di interventi, dagli aerei del 31° Stormo di Ciampino, del 14° Stormo di Pratica di Mare, della 46ª Brigata Aerea di Pisa e dagli elicotteri del 15° Stormo di Cervia, dislocati in diverse basi dal nord al sud del Paese.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp e sul nuovo canale Threads