Prova il nostro nuovo servizio gratuito AvRep WhatsApp! Salva nella tua rubrica il nostro numero di telefono +39 342 049 1665 e inviaci un messaggio WhatsApp con scritto "ok aviation". Ti invieremo un articolo a settimana tra quelli più letti e a fine mese la newsletter con tutti gli articoli più letti. Nulla di più! Per annullare l'iscrizione sarà sufficiente cancellare il nostro numero dalla tua rubrica. Iscrivendoti accetti la privacy del sito web
Aerei militari

Volo inaugurale per il primo velivolo a pilotaggio remoto Protector RG Mk1 del Regno Unito

Il primo aereo a pilotaggio remoto Protector RG Mk1 del Regno Unito ha completato con successo il suo primo volo dopo essere uscito dalla linea di produzione. L’ultimo obiettivo del programma Protector del Regno Unito segue l’annuncio a luglio della produzione dei primi tre aeromobili in seguito all’assegnazione da parte del Ministero della Difesa britannico di un contratto da 65 milioni di sterline alla General Atomics Aeronautical Systems Inc (GA-ASI). Il Protector è la versione britannica del GA-ASI MQ-9B Sky Guardian, l’ultima variante del Predator.

L’aereo ha preso il volo negli Stati Uniti venerdì 25 settembre, sotto l’occhio vigile del personale GA-ASI. Il Protector RG Mk1, che sostituirà l’attuale Reaper Force della RAF quando verrà introdotto in prima linea, è considerato un cambiamento radicale nelle capacità della Royal Air Force. La piattaforma all’avanguardia sarà in grado di operare in qualsiasi parte del mondo mentre sarà gestita da personale situato nella loro base a RAF Waddington, Lincolnshire, dove entrerà in servizio entro la metà del 2024.

Questo aereo è il quarto velivolo della serie MQ-9B SkyGuardian® (i primi tre aerei MQ-9B sono risorse di proprietà dell’azienda a supporto della qualificazione e della certificazione). Il primo Protector, noto all’interno di GA-ASI come UK1, verrà utilizzato per supportare i test di sistema all’interno di un team congiunto del Ministero della Difesa del Regno Unito, dell’aeronautica militare degli Stati Uniti e della GA-ASI. Al termine di questo test iniziale, UK1 sarà consegnato al Ministero della Difesa inglese nell’estate del 2021, ma rimarrà negli Stati Uniti per completare il programma di test e di valutazione della Royal Air Force.

Questo è il primo dei tre aeromobili Protector attualmente in ordine, sebbene il contratto includa un’opzione per i restanti 13 aeromobili per completare la flotta attualmente pianificata di 16 aeromobili che raddoppierà la capacità attualmente fornita dai Reaper. Il Protector dovrà soddisfare i rigorosi standard di certificazione di sicurezza della NATO e del Regno Unito, il che significa che potrebbe operare anche nello spazio aereo civile.

Il velivolo Protector sostituirà quindi i droni Reaper ampiamente utilizzati dalla RAF in Afghanistan, in Medio Oriente e più recentemente in Siria e Iraq fornendo capacità di ricognizione, sorveglianza e attacco contro il gruppo Daesh.

Il Protector RG Mk1 sarà impiegato in operazioni ISTAR (Intelligence, Surveillance, Targeting and Reconnaissance) ad ampio raggio, dove la sua capacità di volare costantemente per un massimo di 40 ore, offrirà alla RAF capacità notevolmente migliorate. Sarebbe inoltre disponibile, se richiesto, per sostenere le agenzie civili nel Regno Unito, ad esempio nelle missioni di ricerca e soccorso e di risposta ai disastri.

L’aereo utilizzerà collegamenti dati avanzati e trasporterà armi da attacco di precisione di prossima generazione come il missile Brimstone (MBDA) di fabbricazione britannica e la bomba a guida laser Paveway IV (Raytheon UK). La flotta britannica avrà anche una protezione avanzata anti-ghiaccio e contro i fulmini, fornendo alla RAF una flessibilità senza precedenti per operare in condizioni meteorologiche avverse. La prima consegna alla Royal Air Force avverrà nel 2023.

È stato emozionante vedere il primo volo dell’MQ-9B nella configurazione Protector” , ha affermato il presidente di GA-ASI David R. Alexander . “La Royal Air Force è un ottimo partner per GA-ASI da oltre un decennio. Siamo entusiasti di vedere questo primo velivolo del cliente completato e non vediamo l’ora di consegnare la loro flotta Protector e ottenere più clienti SkyGuardian MQ-9B nella NATO e in tutto il mondo.

MQ-9B Skyguardian e RAF Protector RG Mk.1

MQ-9B è il velivolo a pilotaggio remoto più avanzato di GA-ASI. Disponibile come SkyGuardian, SeaGuardian® marittimo (dotato di un radar di pattugliamento marittimo multimodale a 360 gradi e capacità, opzionale, di lancio di sonoboe) o come Protector per il Regno Unito, in una configurazione speciale specificata dal cliente. La prima consegna al cliente di un MQ-9B avverrà nel Regno Unito, ma il velivolo è stato selezionato anche dalla difesa belga e dalla forza di difesa australiana, con notevole interesse da parte dei clienti di tutto il mondo.

Il Protector sarà impiegato in operazioni ISTAR (Intelligence, Surveillance, Target Acquisition and Reconnaissance) ad ampio raggio, dove la sua capacità di volare costantemente per un massimo di 40 ore offrirà una capacità ISTAR notevolmente migliorata. Dato che è progettato per volare anche in uno spazio aereo civile non segregato, il Protector RPAS sarà in grado di rispondere rapidamente e offrire flessibilità, offrendo molti tipi di missioni di supporto delle autorità militari o civili, tra cui ricerca e salvataggio, ha affermato il Group Captain Shaun Gee, RAF’s Director Air ISTAR Programmes.

Lo sviluppo del MQ-9B è iniziato nel 2014 come programma finanziato dalla società stessa per fornire un velivolo a pilotaggio remoto per soddisfare i rigorosi standard di certificazione del tipo di aeronavigabilità della NATO (STANAG 4671). La certificazione STANAG consentirà a SkyGuardian, SeaGuardian e altre varianti del MQ-9B di operare nello spazio aereo civile e di svolgere meglio le missioni di pattugliamento delle frontiere, ricognizione, antincendio, pattugliamento marittimo e monitoraggio.

L’MQ-9B è predisposto per il sistema di rilevamento e sicurezza (DAAS) sviluppato da GA-ASI per migliorare la sicurezza delle operazioni nello spazio aereo civile e militare. L’MQ-9B è costruito per opreare in condizioni atmosferiche avverse con protezione contro i fulmini, con una cellula resistente ai danni e con un sistema di sbrinamento.

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto