Dopo il maiden flight di lunedì 10 settembre del primo di 29 F-35A commissionati dal governo olandese alla Joint Venture Lockheed Martin / Leonardo, che co-gestiscono la FACO (Final Assembly & Check-Out) per conto del Ministero della Difesa italiano, è stata la volta del terzo F-35B Lightning II destinato con tutta probabilità alla Marina Militare. Il primo volo con decollo ed atterraggio convenzionali è avvenuto nel tardo pomeriggio di mercoledi 11 settembre ed è durato poco più di un’ora.

L’aereo F-35B, matricola militare MM7453, ha effettuato il suo battesimo dell’aria ancora privo di qualsiasi insegna e codice di reparto, esattamente come accaduto nei voli dei precedenti due velivoli consegnati e attualmente presso la MCAS Beaufort negli Stati Uniti a disposizione per l’addestramento dei nostri piloti.

La versione B è quella dotata di capacità di decollo corto corto ed atterraggio verticale garantita dalle capacità espresse dal Lift System prodotto da Rolls-Royce e dall’enorme potenza sprigionata dal turbofan Pratt & Whitney F135 dotato di ugello orientabile verso il basso. E’ anche notizia di poche ore fa che il Dipartimento di Stato Americano ha autorizzato formalmente Lockheed Martin alla vendita di 32 F-35A alla Polonia. La Polish Air Force riceverà il suo primo velivolo nei primi mesi del 2024.

.

F-35B-BL3 D. Tornotti
Copyright: D. Tornotti
F-35B-BL3 G. Clemente
Copyright: G. Clemente

Sono 13 le nazioni che hanno ordinato il Joint Strike Fighter, ed è in gara per riequipaggiare le aeronautiche di Canada, Finlandia e Svizzera avendo indetto apposite gare per arrivare alla scelta dell’aeromobile definitivo con il quale rimpiazzare i propri F/A-18  Hornet legacy.

Testo Gianluca Conversi
Immagini: G. Clemente, D. Tornotti

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi