British Airways ha presentato il secondo velivolo della serie di livree previste per il suo centenario. Un progetto di livrea speciale della British European Airways (BEA) replicata su un Airbus 319, che è atterrato per la prima volta a Heathrow lunedì 4 marzo 2019. L’arrivo ha attirato grandi folle a Shannon, dove l’aereo è stato dipinto, e a Heathrow hub di British Airways.

L’A319, registrazione G-EUPJ, è stato dipinto con la livrea BEA, che ha volato prevalentemente su rotte nazionali ed europee tra il 1959 e il 1968. Tuttavia, c’è una differenza significativa con la replica; l’aereo avrà un’ala superiore grigia, piuttosto che il tradizionale rosso, per soddisfare i requisiti attuali di riflettività della vernice alare.

L’aereo, che è stato dipinto per celebrare il centenario della British Airways, entrato in servizio sui voli commerciali nei suoi nuovi colori da Londra a Manchester, continuerà a volare su rotte attraverso il Regno Unito e l’Europa, con la livrea speciale che rimarrà sull’aeromobile fino al suo ritiro dal servizio l’anno prossimo. Come con il 747 dipindo con la livrea specile della British Overseas Airways Corporation (BOAC), l’aereo può essere seguito utilizzando il sito di monitoraggio Flightradar24, che presenterà un’immagine speciale della livrea.

L’A319 con la livrea speciale della BEA è il secondo aeromobile del centenario ad entrare nella flotta British Airways dopo l’arrivo il mese scorso della sua controparte a lungo raggio BOAC 747. Prossimo ad arrivare un altro 747, questa volta con una livrea British Airways Landor. L’ultimo disegno verrà rivelato a fine mese mentre la compagnia aerea celebrerà il suo passato guardando al futuro.

Nel suo centenario British Airways ospiterà una serie di attività ed eventi. Oltre a guardare indietro, la compagnia aerea ospita anche il BA 2119, un programma che guiderà il dibattito sul futuro del volo ed esplorerà il futuro dei carburanti sostenibili per l’aviazione, le carriere nel settore dell’aviazione del futuro e l’esperienza del cliente nel futuro.

L’attività del centenario si sta svolgendo parallelamente all’attuale investimento di 5,5 miliardi di sterline della compagnia aerea per i clienti. Questo include l’installazione di un WiFi migliorato, l’equipaggiamento di 128 aerei a lungo raggio con nuovi interni e la presa in consegna di 72 nuovi velivoli. La compagnia aerea britannica introdurrà anche il nuovo sedile Club World con accesso diretto al corridoio entro la fine dell’anno.

BEA e British Airways

Nel 1939 a seguito di una revisione del governo, Imperial Airways e British Airways vennero nazionalizzate per formare la British Overseas Airways Corporation (BOAC). I voli continentali e i voli nazionali furono effettuati da una nuova compagnia aerea, British European Airways (BEA) dal 1946. BOAC introdusse voli su New York nel 1946, in Giappone nel 1948, a Chicago nel 1954 e sulla costa occidentale degli Stati Uniti nel 1957. BEA sviluppò una rete domestica in vari punti del Regno Unito, tra cui Belfast, Edimburgo, Glasgow e Manchester.

Dal 1946 al 1960, BOAC e BEA furono i principali operatori britannici dei servizi di linea internazionali per passeggeri e merci e mantennero il ruolo pionieristico della Gran Bretagna nel settore. Gli anni ’50 videro il mondo entrare nell’era del jet passeggeri – guidato da BOAC, con il Comet che volò su Johannesburg nel 1952, dimezzando il tempo di volo precedente.

Nel 1972 le attività di BOAC e BEA furono riunite sotto il nuovo British Airways Board, con le compagnie aeree che si unirono come British Airways nel 1974. Nel luglio 1979, il governo annunciò l’intenzione di vendere azioni di British Airways e nel febbraio 1987 British Airways venne privatizzata.

Fonte: British Airways
Photo credits: British Airways, Nick Morrish, Stuart Bailey

Print Friendly, PDF & Email

A proposito dell'autore

Dalla redazione di Aviation Report

Post correlati

Rispondi