aereo radar russo A-50 - aereo radar A-50
@ Russian MoD

L’Ucraina afferma di aver abbattuto un aereo radar russo A-50 e danneggiato un aereo posto di comando Il-22

L’Ucraina ha dichiarato di aver abbattuto un aereo radar russo A-50 (AEW&C) e danneggiato pesantemente un velivolo posto di comando aereo Ilyushin Il-22M nell’area del Mar d’Azov, infliggendo un duro colpo alle operazioni militari russe nell’Ucraina meridionale occupata. “L’aeronautica ucraina ha distrutto un aereo di rilevamento radar a lungo raggio A-50 nemico e un centro di controllo aereo IL-22 nemico“, ha scritto il capo dell’esercito Valeriy Zaluzhnyi sull’app di messaggistica Telegram.

Sono grato all’Aeronautica Militare per l’operazione perfettamente pianificata ed eseguita nella regione del Mar d’Azov!” Il ministero della Difesa ucraino ha valutato l’aereo A-50 equivalente ad una perdita di 330 milioni di dollari. Le dichiarazioni di Kiev non dicono come gli aerei siano stati distrutti.

L’aereo radar russo A-50, basato sul velivolo da trasporto Il-76 ed entrato in servizio per la prima volta verso la fine dell’era sovietica, è un grande velivolo radar, tipo AWACS, in grado di scansionare un’area di diverse centinaia di chilometri alla ricerca di aerei, navi e missili nemici. Alcuni blogger militari russi hanno affermato che l’abbattimento dell’aereo sarebbe un’enorme perdita e un enorme tragedia per l’aeronautica militare russa, sia in termini di vite umane sia in termini operativi poiché il numero di aerei in servizio, di questo tipo, è limitato, si parla di non oltre 10 unità inclusi quattro aerei A-50U modernizzati.

Il futuro sostituto di questi aerei da picchetto radar a lungo raggio A-50 e A-50U è stato individuato nel Beriev A-100 Premier ancora in fase di test e di sviluppo, ma sempre basato sul velivolo Il-76-MD-90A.

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato all’inizio dello scorso anno che l’A-50U modernizzato aveva già svolto missioni durante la guerra in Ucraina. L’aereo radar russo A-50, che porta il nome in codice NATO di Mainstay, può rilevare più di 300 obiettivi contemporaneamente, secondo Mosca con la capacità di rilevare e tracciare il lancio di un missile a una distanza di 800 chilometri e bersagli terrestri e marittimi a 300 km.

Volando ad alta quota, l’A-50 offre una situazione aerea in profondità nel territorio controllato dall’Ucraina e, come spiegato, riveste un ruolo cruciale nel rilevare attacchi di missili da crociera, droni in avvicinamento e incursioni di caccia a bassa quota. Inoltre, svolge un ruolo fondamentale nel comando, controllo e consapevolezza della situazione per i caccia russi e le batterie SAM.

Sarà un altro giorno buio per le forze aerospaziali e la difesa aerea russe“, hanno riportato dei blogger che supportato e fornisco aggiornamenti continui sulla guerra della Russia in Ucraina. “Non ci sono molti A-50. E gli specialisti che li utilizzano sono generalmente rari. Se un aereo di questo tipo viene colpito, l’equipaggio non sarà in grado di scappare.

Secondo quanto riferito dal media ucraino RBC, l’A-50 sarebbe stato abbattuto poco dopo essere entrato nella zona di pattuglia vicino a Kyrylivka intorno alle 21:10-21:15 del 14 gennaio. L’aereo è scomparso dai radar e ha smesso di rispondere alle richieste dell’aviazione tattica russa. Successivamente, un pilota russo a bordo di un Su-30 avrebbe visto un aereo non indentificato in fiamme cadere. Al momento gli equipaggi del SAR russo avrebbero trovato la zona di caduta dell’A-50.

Russian Air Force Ilyushin Il-22M-11 Zebra
@ Anna Zvereva Original File/Credit

Il velivolo Il-22M Bison (Coot-B) è un posto di comando aviotrasportato che era di pattuglia nella zona di Strilkove, sarebbe stato colpito in una zona situata sul Mar d’Azov, a nord-est della Crimea. Tuttavia, l’aereo avrebbe dichiarato un’emergenza per atterrare ad Anapa. Il canale telegram “Fighterbomber” ha pubblicato una foto dove si vede la coda del velivolo pesantemente danneggiata. Non è possibile stimare l’entità del danno totale causato all’aereo e le condizioni in cui l’equipaggio ha dovuto far atterrare l’aereo.

Al momento il Ministero della Difesa russo non ha commentato ufficialmente la notizia dell’abbattimento di due dei suoi più rari assetti di comando aviotrasportato nonché di elevato valore strategico sia per le missioni svolte sia per l’esigua flotta in servizio. GliA-50, proprio per le loro caratteristiche, sono già stati oggetto di attenzione da parte delle forze armate dell’Ucraina. Pertanto, abbatterne uno rappresenterebbe un notevole successo, così come l’abbattimento o il danneggiamento del Il-22M, anch’esso presente in numero limitato e con importanti funzioni di relè radio e di comando e controllo.

Come detto si parla di circa 10 unità per l’aereo radar russo A-50 e di 6 unità per l’Il-22M. Ricordiamo che i mercenari della Wagner, durante l’ammutinamento e la marcia su Mosca dello scorso anno, avevano abbattuto proprio un altro Il-22.

L’impatto della perdita di questi due velivoli sarebbe significativo poiché limiterebbe agli aerei da combattimento russi l’accesso a zone operative critiche. Fondamentalmente, la minaccia di essere abbattuti spingerebbe questi velivoli più indietro, lontano dal territorio ucraino. Ciò potrebbe comportare una drastica degradazione della qualità delle informazioni, del comando e del controllo che tali aerei forniscono.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp