X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


TF-X della Turchia: primo interesse estero per il nuovo caccia stealth di quinta generazione di Ankara

@ via Twitter

Temel Kotil CEO di TUSAS, le industrie aerospaziali di Ankara, ha detto che sarebbe arrivata la prima richiesta di informazioni dall’estero per il nuovo caccia stealth di quinta generazione TF-X della Turchia denominato MMU (Milli Muharip Ucak – National Combat Aircraft).

Durante l’ultimo incontro con la stampa che si è concluso con una visita alla catena di montaggio del primo prototipo del velivolo, Temel Kotil ha detto che gli ingegneri del paese che vogliono partecipare al National Combat Aircraft TF-X stanno attualmente lavorando ad altri progetti TAI. Questo fa pensare a paesi come il Pakistan, la Malesia o l’Indonesia, che hanno stretti rapporti con TAI e hanno industrie aeronautiche nazionali. Sebbene la partecipazione dell’Indonesia al progetto KF-21 della Corea del Sud sia in discussione per problemi finanziari tra i due paesi, Pakistan e Malesia non hanno ancora un programma di caccia di quinta o quarta generazione.

I membri della stampa che hanno partecipato all’evento hanno avuto l’opportunità di vedere lo stato più recente dei progetti TUSAŞ, in particolare i velivoli MMU e HÜRJET. Per l’MMU proseguono le attività di assemblaggio e collaudo del prototipo. Mentre i motori del velivolo sono stati integrati, continuano i test dei sistemi di alimentazione e idraulici. Per questo motivo i motori, il radome, il tettuccio e alcune parti strutturali del velivolo vengono costantemente smontati e reinstallati.

Il nuovo velivolo da combattimento turco dovrebbe lasciare l’hangar per il roll-out il 18 marzo 2023 con i primi esemplari previsti in consegna tra il 2028 e il 2030. La presentazione ufficiale si era svolta presso la catena di montaggio finale della struttura TAI, facente parte delle industrie aerospaziali turche TUSAS, lo scorso 23 novembre 2022.

Il contratto principale del programma di progettazione e sviluppo del velivolo MMU tra il Sottosegretariato per le industrie della difesa del Ministero della Difesa Nazionale Turco e l’industria aerospaziale turca era stato firmato il 5 agosto 2016. La prima parte della produzione del MMU era stata completata a novembre del 2021.

Il velivolo MMU dovrebbe essere mantenuto operativo nell’inventario dell’aeronautica militare turca fino al 2070 e sarà interoperabile con altri importanti assetti come l’F-16. L’aereo MMU sarà un velivolo multiruolo, progettato principalmente per ruoli aria-aria, ma anche con capacità nei ruoli aria-superficie. Come accennato, il prototipo del velivolo dovrebbe essere completato nel 2023, con il primo volo anticipato a fine anno invece che per il 2025 come inizialmente pianificato.

La TAI dovrebbe completare 3 prototipi MMU Block 0 e 1 prototipo MMU Block 1. Otto dei dieci motori F110 previsti per essere forniti da TAI saranno utilizzati in questi prototipi (due motori per aeromobile) e i restanti 2 motori saranno tenuti come riserva. La produzione di 3 prototipi MMU Block 0 dovrebbe essere completata entro la fine del 2026. A partire dal 2029, si prevede di avviare le attività di produzione della configurazione MMU Block I e di consegnare 10 MMU Block IA/C all’aeronautica militare turca che dovrebbe dichiarare la IOC e la FOC nella prima metà degli anni ’30.

Le nuove immagini, rispetto alle precedenti che avevamo pubblicato, mostrano il prototipo TF-X con la sua sezione anteriore completa ed installata con un sensore che sembra essere un sistema di ricerca e tracciamento a infrarossi IRST, di fronte alla cabina di pilotaggio, e un sistema di puntamento elettro-ottico EOTS, sotto la fusoliera anteriore.

In generale, i sistemi IRST si concentrano sull’individuazione e il tracciamento di minacce aeree su lunga distanza tramite la loro firma ad infrarossi, mentre i sistemi EOTS sono utilizzati per fornire una visione più dettagliata dei bersagli su brevi distanze, che siano a terra o in mare, e designarli con il laser se necessario attaccarli, ma possono essere utilizzati anche solo per compiti di sorveglianza e ricognizione e per dare al pilota una maggiore consapevolezza della situazione.

L’idea di un caccia da superiorità aerea stealth all’avanguardia è il fondamento dello sviluppo del jet da combattimento TF-X della Turchia che avrebbe dovuto sostituire la flotta di caccia F-16C/D della Turchia quando fu concepito per la prima volta all’inizio degli anni 2010. All’epoca, l’aeronautica militare turca non aveva un urgente bisogno di un caccia di quinta generazione perché il paese era un partner essenziale del programma F-35 Joint Strike Fighter e aveva in programma di acquistarne 100, con un investimento di 1,4 miliardi di dollari, che avrebbero dovuto sostituire in prima battuta gli F-4E-2020.

Tuttavia, come abbiamo scritto più volte, la Turchia è stata espulsa dal programma F-35 nel 2019 da Washington come rappresaglia per la precedente acquisizione da parte di Ankara del sistema di difesa missilistico russo S-400. Oltre a perdere il suo investimento di 1,4 miliardi di dollari, Ankara ha anche perso 9 miliardi di dollari di potenziale attività economica che sarebbe derivata dal coinvolgimento a lungo termine del paese nel programma F-35.

Il programma TF-X della Turchia funge in qualche modo da ancora di salvezza per il settore militare interno del paese, che si sta riprendendo da queste battute d’arresto significative e inaspettate. Ma la capacità del paese di sviluppare l’aereo deve affrontare anche ulteriori sfide a causa della perdita degli F-35 come, ad esempio, quella relativa al motore dell’aereo.

Nel 2018, la Turchia aveva scelto il turbofan F110-GE-129 o F110-GE-132 di General Electric ma il deterioramento dei rapporti con gli Stati Uniti hanno pregiudicato anche questo progetto. A luglio, il governo turco ha lanciato un concorso per sviluppare un motore locale per alimentare il caccia TF-X. Si era parlato anche dell’acquisto di un motore russo, ma al momento è una possibilità estremamente remota a causa del conflitto in corso in Ucraina e delle sanzioni su Mosca.

Cambiati i piani iniziali, il TF-X della Turchia si troverà quindi ad affiancare, almeno nei primi anni di operatività, la flotta F-16 che Ankara sta cercando di aggiornare con un Mid-Life Update e di ampliare con un acquisto di 40 nuovi esemplari Block 70/72 e di kit per aggiornarne altri 80 C/D esistenti al nuovo standard. Inoltre il TF-X potrebbe anche essere affiancato dai nuovi droni Bayraktar Kizilelma, il cui prototipo ha iniziato i test a terra e che a detta del produttore sarà il primo aereo da combattimento senza pilota del paese.

Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto