X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


TACP/JTAC italiani e croati in addestramento a Novo Selo in Bulgaria con gli elicotteri Apache americani

@ Stato Maggiore della Difesa / MBG Bulgaria

Si è conclusa, nell’area addestrativa di Novo Selo in Bulgaria, un’attività esercitativa che ha visto coinvolto personale dei nuclei TACP e JTAC italiani e croati delle unità in forza all’Esercito Italiano e Croato.

Gli assetti TACP – Tactical Air Control Party e dei JTAC – Joint Terminal Attack Controller, inquadrati nel Forward Land Force Battle Group (FLF BG -ITA FN) guidato dal Colonnello Mariano R. Scandurra, hanno condotto attività addestrativa di Close Air Support (CAS) a supporto delle unità di manovra terrestri, permettendo ai JTAC italiani e croati di dirigere il fuoco di elicotteri d’attacco AH-64 Apache appartenenti all’esercito statunitense.

Lo scopo dell’attività è stato quello di permettere agli elicotteri d’attacco di ingaggiare gli obiettivi al suolo per implementare e integrare le procedure degli assetti del Multinational Battle Group con quelli americani. Il Battle Group multinazionale a guida italiana riveste un ruolo molto importante nell’ambito dell’iniziativa enhanced Vigilance Activity Bulgaria.

Il 29 febbraio scorso era terminato a Novo Selo lo schieramento di tutti i mezzi italiani in dotazione al multinational Battle Group. Il contingente italiano, per la prima volta, disporrà in operazione della quasi totalità dei mezzi da combattimento in dotazione all’Esercito Italiano, in particolare del carro armato C1 Ariete, che sarà affiancano dalla blindo armata Centauro, dal VCC Dardo, dal veicolo blindato medio (VBM) Freccia, dall’obice semovente Panzerhaubitze (PZH) 2000 e da veicoli blindati Lince dotati di torretta remotizzata Hitrole.

Attualmente in Bulgaria il personale facente parte del dispositivo nazionale schierato è tratto, per la maggiore, dal 132° Reggimento carri “Ariete” di Cordenons (PN), dagli artiglieri terrestri e contraerei del 132° Reggimento “Ariete” e del 121° “Ravenna”, dal 10° Reggimento genio guastatori, dai bersaglieri dell’11° Reggimento, dai fanti del 9° fanteria “Bari”, dai cavalieri del Reggimento lancieri di Novara (5°), dal 7° Reparto Comando e supporti tattici carri “Di Dio”, dal Reggimento logistico “Ariete”, dal 7° Reggimento trasmissioni e dal 7° Reggimento di difesa CBRN “Cremona”.

La missione NATO condotta dal Contingente nazionale è una misura di natura difensiva, proporzionata e in linea con l’impegno internazionale dell’Alleanza Atlantica volta al rafforzamento della postura di deterrenza nei confronti di potenziali minacce e di difesa degli spazi euro-atlantici.

Tutte le attività operative e addestrative condotte dalle Forze Armate Italiane sul fianco orientale della NATO sono disposte dal Capo di Stato Maggiore della Difesa e svolte sotto il coordinamento e secondo le direttive impartite dal Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI).

Immagini: Stato Maggiore della Difesa / MBG Bulgaria

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp e sul nuovo canale Threads

Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto