X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


Il Su-57 russo forse di nuovo in azione nei cieli ucraini

@ Archivio Aviation Report / Andrea Avian

Il canale eRADAR su Telegram ha riferito che un aereo da caccia multiruolo russo di nuova generazione Su-57 sarebbe entrato in combattimento nei cieli sopra la regione di Luhansk. L’aereo di quinta generazione Su-57 russo potrebbe essere stato coinvolto nei recenti attacchi missilistici sulle posizioni ucraine lungo la linea del fronte.

Sebbene queste affermazioni manchino di prove inconfutabili e pubblicamente disponibili, si dovrà valutare il potenziale impatto di questi aerei da combattimento avanzati sul conflitto in corso in Ucraina. Già nel mese di maggio 2022 erano emersi i primi rapporti non confermati, di fonti anonime, che suggerivano che il Su-57 fosse entrato in azione contro l’Ucraina con attacchi missilistici oltre la portata dei sistemi di difesa aerea di Kiev.

Nel mese di agosto del 2022 in un’intervista, il Ministro della Difesa russo Sergei Shoigu aveva parlato del Su-57 Felon e aveva detto che in termini di armamento i Su-57 si erano mostrati eccellenti durante l’uso nell’ambito dell’operazione speciale della Federazione Russa in Ucraina. “Abbiamo usato e utilizziamo ancora il velivolo Su-57“, aveva detto Shoigu in risposta a una domanda sull’utilizzo del velivolo di nuova generazione russo contro obiettivi in Ucraina, “… questo velivolo si è rivelato brillante. L’aereo ha un grado di protezione molto elevato contro vari tipi di sistemi di difesa aerea e contro i missili. Ci sarebbero molte cose …. la cosa più importante sono armi molto, molto potenti. Abbiamo provato queste armi, le abbiamo testate, funzionano benissimo“.

L’utilizzo del caccia Su-57 da parte delle forze aerospaziali della Russia durante l’operazione militare speciale in Ucraina era stato riportato nel mese di maggio dall’agenzia TASS. Tuttavia, il Su-57 era stato testato per la prima volta in uno scenario di combattimento nel 2018 in Siria a sostegno del regime di Assad.

Le principali caratteristiche tecniche del Sukhoi SU-57 russo

Il Sukhoi Su-57 codice NATO “Felon” è un caccia multiruolo di quinta generazione progettato per combattere contro tutti i tipi di bersagli aerei a lunghe e/o brevi distanze e colpire obiettivi terrestre e navali nemici, superando le capacità di difesa aerea. Il SU-57 è andato in volo per la prima volta il 29 gennaio 2010. Rispetto ai suoi predecessori, il SU-57 combina svariate funzioni che lo rendono un caccia multiruolo, mentre l’uso di materiali compositi e tecnologie innovative, nonché la configurazione aerodinamica del caccia assicurano la bassa tracciabilità radar e infrarossi.

Il Su-57 Felon è la prima vera incursione del paese nello sviluppo di caccia di quinta generazione. Sebbene si sappia sempre relativamente poco dell’aereo rispetto ad altri velivoli della stessa generazione, è comunque uno degli strumenti aerei più moderni della Russia. Dall’inizio del suo sviluppo, ciò che sappiamo sul caccia russo Su-57 si basa su congetture e dati della Russia.

Da quello che è dato sapere, il velivolo russo sarebbe dotato di un rivoluzionario sistema avionico in grado di calcolare autonomamente la situazione del campo di battaglia per assistere il pilota. Il jet da combattimento stealth russo è inoltre equipaggiato con un radar AESA, che consente di rilevare bersagli aerei, terrestri e navali a distanze molto al di là della maggior parte dei sistemi moderni e di un sistema di puntamento IRST a infrarossi 101KS-V. Conserva alcune caratteristiche dei suoi predecessori, come i robusti carrelli di atterraggio, per poter operare da piste semi-preparate.

@ UAC – United Aircraft Corporation

Un’altra caratteristica del Su-57 sarebbe quella di poter già controllare attraverso la sua avionica anche i droni di tipo “loyal wingman”. Lo abbiamo visto volare in formazione con il nuovo drone da combattimento stealth S-70 Okhotnik che, nella versione definitiva con gli ugelli del motore piatti e a bassa osservabilità, è stato presentato a dicembre 2021. L’inizio delle consegne dell’Okhotnik, sempre secondo il Ministro della Difesa russo, è previsto per il 2023.

Il motore dei velivoli di serie dovrebbe essere un NPO Saturn Product/Item 30 con una velocità massima superiore a Mach 2 e una capacità di supercruise intorno a Mach 1.3, con la caratteristica della spinta vettoriale Multi-Axis Thrust Vectoring (MATV) che gli permetterebbe di controllare sia l’imbardata che il beccheggio direzionando gli ugelli dei motori e quindi la spinta in tutte e quattro le direzioni.

Il Su-57 è il tentativo della Russia di costruire un caccia di quinta generazione che tenga il passo con quelli costruiti da Stati Uniti e Cina. Ma la Russia ha lottato per sviluppare e produrre l’aereo e non è chiaro se farà del Su-57 un pilastro delle sue forze aerospaziali. L’aereo è in fase di sviluppo dal 2002, ma numerosi ritardi e l’innalzamento dei costi hanno rallentato notevolmente il processo.

Anche le sanzioni imposte alla Russia dopo l’annessione della Crimea nel 2014 sembrano aver rallentato lo sviluppo di tecnologie critiche da incorporare nel Su-57 e oggi non è ancora chiaro se le ulteriori sanzioni imposte a seguito dell’invasione dell’Ucraina rallenteranno ancora di più la produzione e l’immissione in servizio del velivolo che comunque sta andando avanti ma in un numero imprecisato di esemplari. Tuttavia, Mosca è sicura che le forze aerospaziali riceveranno 22 Su-57 entro il 2024 e 76 entro il 2028, con il primo caccia entrato in servizio nel 2020.

Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto