Prova il nostro nuovo servizio gratuito AvRep WhatsApp! Salva nella tua rubrica il nostro numero di telefono +39 342 049 1665 e inviaci un messaggio WhatsApp con scritto "ok aviation". Ti invieremo un articolo a settimana tra quelli più letti e a fine mese la newsletter con tutti gli articoli più letti. Nulla di più! Per annullare l'iscrizione sarà sufficiente cancellare il nostro numero dalla tua rubrica. Iscrivendoti accetti la privacy del sito web
News Militari

Lo Skyborg ACS, il cervello del sistema, ha effettuato il primo volo a bordo del velivolo tattico senza pilota Kratos UTAP-22

Il team di Skyborg ha condotto un test di volo, di due ore e dieci minuti il ​​29 aprile scorso, del sistema centrale autonomo ACS – Autonomy Core System, il cervello dello Skyborg, a bordo di un velivolo tattico senza pilota Kratos UTAP-22 Kratos, dalla base aerea di Tyndall in Florida. Kratos, insieme a Boeing e General Atomics, hanno un contratto per iniziare a consegnare presto nuovi droni per supportare questo progetto. Il drone UTAP-22 deriva dai droni bersaglio Kratos BQM-167A Skeeter.

Definita pietra miliare “Milestone 1” della campagna AAAx (Autonomous Attritable Aircraft Experimentation), l’ACS ha eseguito una serie di attività fondamentali necessari per caratterizzare il funzionamento del sistema. L’ACS ha dimostrato capacità aeronautiche di base e ha risposto ai comandi di navigazione aderendo agli inviluppi di volo dell’aeromobile e dimostrando di poter eseguire manovre coordinate. Il volo è stato monitorato dalle stazioni di comando e controllo sia aviotrasportate che terrestri.

Inoltre questo volo è stato condotto anche per garantire che lo Skyborg ACS fosse in grado di controllare in sicurezza l’UTAP-22 all’interno di un’area definita “geo-recinzione” cioè un confine virtualmente stabilito intorno ad una certa area che può essere definita anche semplicemente attraverso coordinate GPS. Questa recinzione geografica ha posto dei limiti su dove il drone avrebbe dovuto operare grazie al sistema Skyborg che cambiava autonomamente il suo percorso per rimanere all’interno di questo spazio aereo “recintato”.

Il team Skyborg Vanguard è unisce il Brig. Gen. Dale White, responsabile del programma per caccia e velivoli avanzati come lo Skyborg PEO, il Brig. Gen. Heather Pringle, comandante dell’US Air Force Research Laboratory in qualità di Skyborg Technology Executive Officer (TEO) e il 96th Test Wing, sotto la guida del Brig. Il generale Scott Cain, che gestisce queste missioni di collaudo.

Siamo estremamente entusiasti per il volo riuscito di una prima versione del “cervello “del sistema Skyborg. È il primo passo di una maratona di crescita progressiva per la tecnologia Skyborg“, ha affermato White. “Questi voli iniziali danno il via alla campagna di sperimentazione che continuerà a far maturare l’ACS e a creare fiducia nel sistema“. Il “Milestone 1” è il primo passo per testare l’ACS e inizia una sequenza pianificata di eventi di sperimentazione nei prossimi mesi.

Il 96th Test Wing, l’unità di collaudo che ha sede in Florida sulla base aerea di Eglin, è pronto per integrare e testare tecnologie emergenti come l’autonomia su varie piattaforme (aerei e armamenti) e ha fornito a Skyborg supporto per le infrastrutture critiche e le competenze necessarie ai collaudi. La “Milestone 1” è stata la prima occasione nella quale una capacità di autonomia attiva è stata dimostrata dall’US Air Force ed è un primo passo per integrare questi velivoli in un ambiente operativo complesso. Gli eventi successivi dimostreranno il teaming diretto tra velivoli con equipaggio e più velivoli senza pilota controllati da ACS.

Che Cos’è lo Skyborg?

Skyborg è una capacità incentrata sull’autonomia che consentirà all’US Air Force di operare e sostenere velivoli a basso costo e di squadra in grado di contrastare gli avversari con azioni rapide e decisive in ambienti altamente contestati. Il programma, presentato pubblicamente nel 2019, consentirà lo sviluppo di un’autonomia trasferibile ad una famiglia di velivoli senza pilota. Questa autonomia fornirà capacità di combattimento senza pari a livello di costi abbassando le barriere all’ingresso per l’industria e consentendo la continua innovazione hardware e software nell’acquisizione, messa in campo e sostegno dei sistemi di missione critici. Man mano che la tecnologia dell’autonomia maturerà, Skyborg porterà capacità all’avanguardia nel combattimento aereo a un ritmo più veloce e a costi inferiori.

Il programma del drone autonomo Skyborg dell’US Air Force Research Laboratory tende quindi a sviluppare un sistema di intelligenza artificiale capace di far funzionare autonomamente un prototipo di drone entro il 2021 e di poter far volare successivamente un vero aereo da caccia. Ma l’obiettivo più ampio è integrare questo sistema in diversi aerei senza pilota per trasformarli in “copiloti digitali” a supporto alle piattaforme tradizionali con equipaggio, con capacità semi-autonome controllate da un pilota in carne ed ossa o completamente autonome guidate da un’intelligenza artificiale.

I piloti militari riceveranno informazioni chiave sull’ambiente circostante quando i velivoli autonomi rileveranno potenziali minacce aeree e terrestri, determineranno la prossimità delle minacce, analizzeranno il pericolo imminente e identificheranno le opzioni adatte per colpire o eludere le minacce nemiche. Incorporati all’interno dei velivoli autonomi, algoritmi complessi di intelligenza artificiale e sensori all’avanguardia consentiranno, a questi velivoli Skyborg, di prendere decisioni autonomamente sulla base di regole di ingaggio stabilite però dai compagni di volo con equipaggio.

Su questo tema in particolar modo, la politica dell’US Air Force prevede che gli uomini siano sempre responsabili del processo decisionale finale sull’eventuale utilizzo degli armamenti, e di conseguenza Skyborg non sostituirà i piloti in carne ed ossa ma fornirà loro dati chiave per supportare le decisioni ed attuarle rapidamente. In questo modo, Skyborg fornirà ai wingmen con equipaggio una maggiore consapevolezza della situazione e una maggiore capacità di sopravvivenza durante le missioni di combattimento.

Perché Skyborg è importante per l’US Air Force?

I sistemi autonomi possono aumentare in modo significativo la capacità ed essere un moltiplicatore di forza per l’aviazione militare americana. Sottolineando la futura flessibilità, apertura, modularità ed espandibilità, Skyborg rappresenta un modo innovativo per gli Stati Uniti di prepararsi a potenziali impegni militari ad una frazione del costo dei sistemi tradizionali.

Immaginate dozzine di UAV economici e spendibili che volano e combattono insieme a costosi velivoli con equipaggio in una nuova struttura aeronautica destinata a espandere notevolmente la letalità degli Stati Uniti e degli alleati. Capaci di collaborare con velivoli tradizionali come il Boeing F/A-18 Super Hornet o i Lockheed Martin F-35 Lightning II e F-22A Raptor, nonchè con il velivolo di sesta generazione NGAD, gli sciami di droni “Loyal wingman” e “Attritable” del programma Skyborg potrebbero essere inviati dove le forze aeree preferirebbero non utilizzare velivoli convenzionali e costosi.

Photo Credits: US Air Force

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto