saab sk 60 flygvapnet svedese
@ Flygvapnet

SK 60: addio ufficiale all’aereo svedese Skolflygplan 60

Il 18 giugno 2024 la Flygvapnet, l’Aeronautica Militare Svedese ha ufficialmente ritirato dal servizio l’iconico velivolo d’addestramento SK 60, lo Skolflygplan 60 (Saab 105). Erano circa 25 gli SK 60 ancora operativi con il Flyg Skolan (FlygS), parte della Luftstridsskolan (LSS, Air Combat School) a Linköping/Malmen.

Come avevamo già scritto a maggio scorso, il phase out del velivolo si è svolto nel corso di una cerimonia presso il Museo dell’Aeronautica Militare a Linköping/Malmen, alla presenza del comandante dell’Aeronautica Militare Jonas Wikman, del comandante della Luftstridsskolan Niclas Magnusson e del comandante del Museo dell’Aeronautica Militare, Noomi Eriksson.

A fine cerimonia si è svolto l’ultimo spettacolo in volo del SK 60 con a bordo il pilota Nils “Princess” Schylström accompagnato anche da un caccia JAS39 Gripen. L’SK 60 iniziò la sua carriera nell’aeronautica militare svedese oltre 60 anni fa come aereo da attacco leggero. Da allora è stato utilizzato nell’addestramento degli studenti piloti in quella che oggi è chiamata la Scuola di Volo della Luftstridsskolan.

Quando tutti gli SK 60 verranno dismessi dall’Aeronautica Militare Svedese, alcuni verranno consegnati al Museo dell’Aeronautica Militare e inclusi nelle collezioni del museo stesso. “Non tutti diventeranno aerei da museo, ma verranno utilizzati anche come materiale didattico nelle scuole tecniche di tutta la Svezia, da Arvidsjaur nel nord a Kallinge nel sud. Abbiamo rilevato anche i simulatori di volo in modo che ci si possa continuare ad addestrarsi sull’SK 60“, aveva detto Torsten Nilsson capo unità del Museo dell’Aeronautica.

Fortunatamente diversi aerei continueranno a volare con lo Swedish Air Force Historic Flight. L’addestratore bireattore ad ala alta Skolflygplan 60 (Sk60) compì ufficialmente il suo primo volo il 29 giugno 1963. Complessivamente, l’aeronautica militare svedese ha utilizzato 150 aerei Saab SK 60 in varie configurazioni. L’unico cliente esportatore è stata l’aeronautica militare austriaca, che acquistò 40 esemplari della versione Saab 105OE, gli ultimi esemplari sono stati ritirati nel dicembre 2020. Questi erano basati sull’SK 60B ma avevano motori General Electric J85 più potenti.

La Svezia ordinò il Saab 105 nel 1964, per sostituire l’anziano de Havilland Vampire. A partire dal 1967, l’aeronautica militare svedese utilizzò l’SK 60A equipaggiato per l’addestramento e il collegamento, l’SK 60B dedicato alle missioni di attacco leggero e l’SK 60C che era una piattaforma di attacco/ricognizione a doppio ruolo. Per molti, l’SK 60 era però meglio conosciuto attraverso il suo utilizzo da parte della pattuglia acrobatica Team 60 dell’aeronautica militare svedese, che iniziò a esibire sei jet a metà degli anni ’70, partecipando a manifestazioni aeree ed eventi in tutta la Svezia e in tutta Europa.

La Svezia ha dichiarato ufficialmente il Grob G120TP come il nuovo velivolo da addestramento per la fase basica dell’addestramento al volo. I primi tre velivoli sono stati consegnati il ​​15 marzo 2023, con la Svezia che ha ordinato dieci G120TP e un simulatore.

Per la fase di addestramento avanzato la Svezia ha firmato un accordo con l’Aeronautica Militare per l’addestramento dei piloti da caccia in Italia, a partire dall’inizio del 2024 fino a 10 anni. Condotto dal 61° Stormo e con il supporto di Leonardo, l’addestramento si terrà presso la International Flight Training School (IFTS) ubicata sulla base aerea di Decimomannu in Sardegna. A lungo termine, la Svezia sta esplorando un nuovo trainer avanzato.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp e sul nuovo canale Threads