X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


Il segretario della US Air Force descrive in dettaglio “Seven Operational Imperatives” per forgiare la Future Force e tra essi troviamo il B-21 e il sistema di sesta generazione NGAD

@ Lockheed Martin

Il 3 marzo scorso, il segretario dell’US Air Force Frank Kendall ha delineato la sua tabella di marcia ormai sempre più urgente per portare con successo le nuove tecnologie, il pensiero e le culture che le forze aeree e spaziali dovranno avere per scoraggiare e, se necessario, sconfiggere gli avversari futuri.

I dettagli dell’intervento di 30 minuti di Kendall al Warfare Symposium dell’Air Force Association non sono nuovi poiché hanno ricordato i temi principali che ha spesso espresso da quando è diventato il leader civile di più alto rango delle forze aeree statunitensi. Ma le circostanze che hanno circondato la sua apparizione davanti a una folla influente di aviatori e funzionari dell’industria questa volta sono state drammaticamente diverse a seguito dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Kendall ha quindi usato l’invasione per rafforzare la sua affermazione più ampia secondo cui le forze aeree e spaziali devono modernizzarsi per affrontare minacce e sfide nuove ed emergenti. Il percorso per raggiungere questi obiettivi è incarnato in quelli che Kendall ha soprannominato i sette imperativi operativi, “Seven Operational Imperatives”, del Dipartimento dell’Aeronautica militare americana.

Il mio obiettivo personale più alto come Segretario è stato quello di infondere un senso di urgenza sui nostri sforzi per modernizzare e garantire il miglioramento della nostra postura operativa rispetto alla nostra sfida più importante: Cina, Cina, Cina”, ha detto. “La cosa più importante che dobbiamo dare ai nostri aviatori sono le risorse, i sistemi e le attrezzature di cui hanno bisogno per svolgere le loro missioni“. “Per raggiungere questo obiettivo, ho suddiviso il lavoro su sette imperativi operativi. Se non li risolviamo, avremo un rischio operativo inaccettabile”, ha aggiunto Kendall che ha inoltre osservato che, dati gli eventi recenti, le minacce non sono astratte.

Secondo me il presidente Putin ha commesso un errore di calcolo molto, molto serio. Ha gravemente sottovalutato la reazione globale che l’invasione dell’Ucraina avrebbe provocato, ha gravemente sottovalutato la volontà e il coraggio del popolo ucraino e ha sopravvalutato le capacità del suo stesso esercito“, ha detto Kendall. “Forse soprattutto, ha gravemente sottovalutato la reazione sia degli Stati Uniti che dei nostri amici e alleati“.

I sette imperativi operativi dell’US Air Force sono:

  1. Definizione delle architetture spaziali;
  2. Modernizzare e sviluppare sistemi avanzati di gestione della battaglia (ABMS) / Air Force Joint-Domain Command & Control (AF JADC2) ottimizzati dal punto di vista operativo;
  3. Definizione del sistema di sistemi Next Generation Air Dominance (NGAD);
  4. Raggiungere l’obiettivo di colpire bersagli mobili su larga scala in un ambiente operativo complesso (si fa riferimento alla capacità di acquisire obiettivi utilizzando sensori e sistemi in un modo che consenta di trasmettere i dati di targeting ad un operatore che possa colpirli);
  5. Definizione di basi aeree resilienti, ottimizzate, sostegno e comunicazioni in un ambiente conteso (si fa riferimento all’utilizzo di basi aeree più piccole e mobili nell’ambito del concetto noto come ACE – Agile Combat Employment);
  6. Definizione della famiglia di sistemi B-21 Long Range Strike;
  7. Prontezza dell’USAF a passare in uno stato operativo in tempo di guerra contro un concorrente di pari capacità.

Per quanto riguarda il sistema di sesta generazione NGAD, “… questo deve essere qualcosa di più del prossimo jet da combattimento con equipaggio. È un programma che includerà una piattaforma con equipaggio abbinata a velivoli da combattimento autonomi senza equipaggio molto meno costosi, che impiegano un mix distribuito e personalizzabile di sensori, armi e altre apparecchiature di missione che operano come una squadra o una formazione“, ha affermato.

Il sesto imperativo è fortemente incentrato sull’hardware e definirà la famiglia di sistemi del B-21 Long Range Strike. “Questa iniziativa, simile a NGAD, identifica tutti i componenti della famiglia di sistemi B-21, compreso il potenziale utilizzo di aerei da combattimento autonomi senza equipaggio più economici“, ha affermato.

Le tecnologie sono ora disponibili per introdurre piattaforme senza equipaggio in questo contesto di sistema di sistemi, ma l’approccio più conveniente e i concetti operativi per questo complemento alle capacità di attacco globale con equipaggio devono essere analizzati e definiti“. Kendall ha una profonda comprensione della interazione tra equipaggiamento e costi. Questa esperienza spiega, in parte, questo imperativo.

Stiamo cercando sistemi che costino nominalmente nell’ordine di almeno la metà dei sistemi con equipaggio di cui stiamo parlando sia per NGAD che per B-21“, aggiungendo capacità, ha affermato. “… questi sistemi potrebbero fornire una gamma di sensori, altri carichi utili di missione, armi o altre attrezzature e potranno essere addirittura sacrificati se ciò conferisse un importante vantaggio operativo, qualcosa che non faremmo mai con una piattaforma con equipaggio.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale Telegram.

Categorie: News Militari
Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto