E' online il nostro nuovo canale Telegram aggiornato giornalmente con immagini, video, notizie da tutto il mondo dell'aviazione militare e commerciale. Iscriviti oggi cliccando qui, siamo già in tanti!
News Militari

La Russia prepara le infrastrutture logistiche e tecniche per i missili ipersonici Kinzhal e i MiG-31K

Fonti del ministero della Difesa russo hanno riferito al giornale Izvestia che le infrastrutture per le unità delle forze aerospaziali, che utilizzeranno i sistemi missilistici ipersonici Kinzhal (Dagger), sono attualmente in fase di equipaggiamento e completamento. In diverse regioni della Russia sono in preparazione arsenali per lo stoccaggio e siti per la riparazione, la manutenzione e il collaudo di missili ipersonici, ma naturalmente non sono state rese note le posizioni di queste strutture in cui verranno schierati i missili.

Nei mesi scorsi, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu aveva affermato anche che le forze aerospaziali hanno già formato un reggimento di aviazione su MiG-31K equipaggiato con i missili ipersonici Kinzhal e si prevede che a breve questi missili armeranno anche i bombardieri Tu-22M3 a lungo raggio.

La scorsa estate, due velivoli MiG-31K in grado di utilizzare i missili ipersonici Kinzhal sono stati temporaneamente rischierati presso la base aerea russa di Khmeimim nella Repubblica araba siriana. I loro equipaggi hanno effettuato voli di addestramento nella parte orientale del Mar Mediterraneo, durante i quali hanno completato attività di di controllo dello spazio aereo di una regione strategicamente importante. In questa occasione i media russi hanno anche descritto una missione di ricognizione vicino al gruppo di battaglia della porterei britannica Queen Elizabeth II presente nel Mediterraneo proprio in quel periodo. Insieme ai MiG-31, anche un aereo antisom Il-38 e alcuni bombardieri a lungo raggio Tu-22M3 avevano effettuato voli di addestramento. La partecipazione di quest’ultimo aereo alle manovre non è casuale perché si prevede che i Tupolev saranno in grado di armarsi con i missili ipersonici Kinzhal nel prossimo futuro.

Le divisioni tecniche e missilistiche delle forze aerospaziali russe non dovranno solo accettare i Kinzhal, ma anche assicurarne lo stoccaggio, la preparazione per l’uso in combattimento, il monitoraggio delle condizioni e l’esecuzione di una tempestiva manutenzione ordinaria, ha detto a Izvestia l’esperto militare Viktor Murakhovsky. “Gli arsenali dovranno essere attrezzati e pronti per il loro utilizzo“, ha spiegato. Il Ministero della Difesa stabilirà gli standard per questo munizionamento con una parte che sarà pronta per le operazioni e si troverà vicino agli aeroporti militari.

Il comando delle forze aerospaziali ha esperienza nel mettere in servizio missili a lungo raggio abbastanza complessi, compresi quelli con testate nucleari“, ha detto il tenente generale Valery Gorbenko, ex comandante della 4a armata dell’aeronautica e della difesa aerea. “I principi dell’ubicazione e dell’equipaggiamento di tali strutture sono stati elaborati per molto tempo con i MiG-31 che non richiedono infrastrutture e attrezzature complesse aggiuntive in termini di manutenzione e preparazione del volo“, ha affermato Gorbenko. “Tutto ciò di cui si avrà bisogno dovrebbe trovarsi in alcune parti del supporto tecnico dell’aeroporto.

I missili ipersonici Kh-47M2 “Kinzhal” sono in servizio di combattimento sperimentale nelle unità delle forze aerospaziali dal 2017. Il primo squadrone di dieci caccia-intercettori a lungo raggio MiG-31K è stato schierato nel distretto militare meridionale. È noto che i complessi missilistici ipersonici in questione furono più volte utilizzati in manovre militari nel sud del Paese e sul Mar Nero. I MiG hanno utilizzato ripetutamente con successo i “Kinzhal” su bersagli ad una distanza di almeno 800 km.

All’inizio del 2021, il comandante del distretto militare centrale, Alexander Lapin, ha parlato dei piani per equipaggiare il 712° reggimento dell’aviazione da caccia a Kansk con questi missili. Secondo lui, questo dovrebbe accadere prima del 2024. In precedenza, il capo di stato maggiore Valery Gerasimov aveva parlato di testare il MiG-31K con i “Kinzhal” nell’Artico, cosa che gli equipaggi delle forze aerospaziali  russe hanno testato in diverse condizioni climatiche.

Avevamo già scritto che tali sistemi d’arma saranno schierati in altri distretti militari e nella Flotta del Nord. I Kinzhal rafforzeranno principalmente il distretto militare occidentale (Western Military District). La tempistica della loro messa in servizio di combattimento dipende dalle priorità di difesa del paese e dall’addestramento degli equipaggi dei velivoli da combattimento. Le decisioni strategiche occidentali sono considerate una delle massime priorità per il dispiegamento di questo sistema missilistico.

Missile ipersonico Kinzhal

Da quanto sappiamo i “Kinzhal” se usati da un caccia MiG-31K hanno un raggio d’azione di circa 2 mila km. Altri paesi militarmente sviluppati si stanno solo avvicinando alla creazione di tali sistemi ma oggi si ritiene che nessun paese abbia un valido sistema di protezione contro i missili ipersonici. Il MiG-31 come piattaforma per i “Kinzhal” non è stato scelto a caso. Questo caccia intercettore supersonico a lungo raggio è stato sviluppato in Unione Sovietica, ma gli esperti lo chiamano ancora il velivolo da combattimento senza rivali nella sua categoria.

I MiG che utilizzeranno i missili ipersonici sono in fase di aggiornamento e la versione MiG-31K riceverà un sistema di controllo che assumerà effettivamente il controllo del missile al momento del lancio. Tenendo conto delle coordinate degli obiettivi, delle condizioni meteorologiche e di altri fattori, il sistema missilistico porterà autonomamente l’aereo al punto di lancio e, sempre in modalità automatica, verranno impostati tutti i parametri di lancio compresa la velocità e l’altitudine. L’equipaggio dovrà solo seguire le letture degli strumenti e, al momento giusto, “premere il pulsante”. L’emergere di un nuovo sistema di controllo accelererà anche il processo di addestramento dei piloti delle forze aeree russe.

Photo credits: Russia MoD

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto