Nonostante il maltempo che ha caratterizzato l’edizione 2019 del RIAT – Royal International Air Tattoo, che si è svolto dal 19 al 21 Luglio sulla base aerea RAF Faiford, tutti attendevano uno degli eventi più spettacolari della manifestazione aereae cioè il sorvolo della pattuglia acrobatica inglese dei Red Arrows con un Boeing 747 della British Airways in livrea commemorativa per celebrare il centenario della compagnia aerea britannica.

Gli spettatori del più grande airshow militare del mondo, il Royal International Air Tattoo, sono così rimasti incantati dallo spettacolare sorvolo del “Jumbo Jet” della British Airways con le Red Arrows. Il volo BA100 ha guidato la formazione al Royal International Air Tattoo sabato 20 luglio 2019 ed è stato affiancato dai nove jet Hawk appartenenti al Royal Air Force Aerobatic Team.

Lo speciale Boeing 747 della British Airways con il design iconico del suo predecessore British Overseas Airways Corporation (BOAC), è stato dipinto con la livrea speciale come parte delle celebrazioni del centenario della compagnia aerea. Il velivolo è entrato nello stabilimento IAC all’aeroporto di Dublino il 5 febbraio 2019 dove è stato spogliato dell’attuale design della British Airways “Chatham Dockyard” prima di essere ridipinto con la livrea commemorativa speciale BOAC che adornava la flotta BOAC tra il 1964 e il 1974. La livrea BOAC rimarrà sul Boeing 747 fino al suo ritiro nel 2023, per consentire a quanti più clienti possibile di avere la possibilità di vederlo. A questo punto, British Airways avrà ritirato la maggior parte della sua flotta 747, sostituendola con un nuovo velivolo all’avanguardia a lungo raggio. Ciò include la consegna di 18 A350 e 12 Boeing 787 Dreamliner nei prossimi quattro anni – che presenteranno nuove cabine e saranno più efficienti dal punto di vista ambientale – così come altri 26 aerei a corto raggio, tutti parte dell’investimento della compagnia per 6,5 miliardi di sterline.

Il primo ufficiale senior Tom Perrins era ai comandi, mentre il capitano Richard Allen-Williams era al comando dell’aeromobile della British Airways, accompagnati dal Capitano Simon Scholey e dal Capitano Jonny Lutton. A bordo era presente anche Julia Lowes parte del cabin crew sorella di Red 9, il Flight Lieutenant Dan Lowes che stava volando in formazione dietro il 747.

La compagnia aerea inglese ha una lunga storia di esibizioni all’Air Tattoo con la prima esibizione nel 1985, quando il Concorde e le Red Arrows volarono insieme in una spettacolare esibizione. Dall’inizio degli anni 2000 diversi 747 e 777 della British Airways hanno effettuato dei flypast durante la manifestazione aerea e nel 2013 la compagnia aerea si è esibita con le Red Arrows con un Airbus A380 per la gioia della grande folla del Royal International Air Tattoo.

BOAC e British Airways

Nel 1939 a seguito di una revisione del governo, Imperial Airways e British Airways vennero nazionalizzate per formare la British Overseas Airways Corporation (BOAC). I voli continentali e i voli nazionali furono effettuati da una nuova compagnia aerea, British European Airways (BEA) dal 1946. BOAC introdusse voli su New York nel 1946, in Giappone nel 1948, a Chicago nel 1954 e sulla costa occidentale degli Stati Uniti nel 1957. BEA sviluppò una rete domestica in vari punti del Regno Unito, tra cui Belfast, Edimburgo, Glasgow e Manchester.

Dal 1946 al 1960, BOAC e BEA furono i principali operatori britannici dei servizi di linea internazionali per passeggeri e merci e mantennero il ruolo pionieristico della Gran Bretagna nel settore. Gli anni ’50 videro il mondo entrare nell’era del jet passeggeri – guidato da BOAC, con il Comet che volò su Johannesburg nel 1952, dimezzando il tempo di volo precedente.

Nel 1972 le attività di BOAC e BEA furono riunite sotto il nuovo British Airways Board, con le compagnie aeree che si unirono come British Airways nel 1974. Nel luglio 1979, il governo annunciò l’intenzione di vendere azioni di British Airways e nel febbraio 1987 British Airways venne privatizzata.

Testo: Stefano Monteleone
Immagini: Gianluca Conversi

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi