Gli aviatori assegnati al 763rd Expeditionary Reconnaissance Squadron hanno raggiunto il traguardo dei 29 anni di servizio continuo nell’area di responsabilità del comando centrale delle forze aeree statunitensi durante una cerimonia presso la base aerea di Al Udeid, Qatar, il 23 novembre 2019.

La cerimonia ha offerto l’opportunità per il personale del 763rd ERS di riflettere sul loro contributo alla missione della US Air Force che è iniziata in preparazione della Operation Desert Storm e continua ancora oggi. “10.699 giorni, 12.741 missioni e oltre 140.000 ore di volo“, ha detto il tenente Colonnello David Bonn, Comandante del 763rd ERS. “Momenti come questo ci danno la possibilità di fermarci e guardare indietro.

Conosciuto come gli “Hunters“, il 763rd Expeditionary Reconnaissance Squadron gestisce il velivolo RC-135 R/V Rivet Joint. Colloquialmente noto come “RJ”, il Rivet Joint è una piattaforma di intelligence, sorveglianza e ricognizione basata sul velivolo C-135 ampiamente modificato. Secondo la scheda informativa dell’USAF, il Rivet Joint ospita un’ampia suite di sensori per consentire all’equipaggio di rilevare, identificare e geolocalizzare i segnali in tutto lo spettro elettromagnetico. Le informazioni possono quindi essere inoltrate ad altri comandi, compresi i comandanti in teatro operativo, in una varietà di formati utilizzando le ampie capacità di comunicazione del Rivet Joint.

La missione del Rivet Joint in Medio Oriente iniziò l’8 agosto 1990 a Riyadh, in Arabia Saudita, per preparare la risposta internazionale all’aggressione irachena nella regione. Poco dopo, l’avvio della campagna aerea Instant Thunder durante l’operazione Desert Storm ha portato ad una rivoluzione nella gestione del moderno concetto di potere aereo ed operazioni militari congiunte. La Instant Thunder è stata l’inizio di una rapida integrazione tattica e ISR.

Dopo l’operazione Desert Storm, il 763rd ERS ha continuato la sua missione durante l’operazione Southern Watch e l’operazione Northern Watch. Durante queste campagne, gli equipaggi degli RC-135 hanno iniziato a gettare le basi per molti sviluppi tecnologici, nuove strategie di raccolta dati e pratiche di integrazione tattica ancora utilizzate oggi. Dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001, il 763rd ERS iniziò a prepararsi per una nuova lotta contro l’estremismo e il terrorismo. Ciò ha richiesto l’ennesimo cambiamento nella missione dei Rivet Joint, spingendo la comunità ISR a rivedere e rinnovare i suoi processi.

La qualità e la capacità di svolgere le nostre missioni non sono migliorate dall’oggi al domani“, ha osservato Bonn. “È stato il risultato di centinaia di equipaggi che hanno eseguito missioni quasi 24 ore su 24 negli ultimi 18 anni, eseguendo cicli di feedback infiniti e migliorando con ogni sortita.”

Più recentemente gli Hunters del 763rd ERS hanno sfruttato le loro capacità nella campagna per sconfiggere l’ISIS. Secondo Bonn, non sono state solo le forze aeree da combattimento la risorsa centrale per sconfiggere l’ISIS, ma questa risorsa è stata in gran parte guidata dai professionisti dell’intelligence e dell’ISR. E ora, quasi tre decenni dopo il primo RC-135 arrivato nell’Area Of Responsability del Central Command americano, i professionisti del 763rd ERS sono pronti ad affrontare la prossima sfida.

Ventinove anni dopo … 10.699 giorni dopo, voi siete una leggenda. Voi onorate i 20.000 aviatori che vi hanno preceduto e voi avete preparato la strada per i 20.000 aviatori che verranno dopo di voi in modo che anche loro possano fare la storia”.

Immagini: Master Sgt. William Greer, Tech. Sgt. Ian Dean

Print Friendly, PDF & Email
 

Rispondi