Il recente volo cross-country della nuova variante, del famoso velivolo tiltrotot Osprey, CMV-22B Carrier Onboard Delivery (COD) della Marina USA non è stato solo una pietra miliare per il programma, ma ha anche dimostrato di essere un’opportunità perfetta per dimostrare l’effettiva fusione tra sviluppo e test operativi in ​​un ambiente reale.

Nel corso di un volo di due giorni per un totale di poco più di 6,5 ore in volo, i piloti LCDR Steve “Sanchez” Tschanz dell’Air Test and Evaluation Squadron (HX) 21 “Blackjacks” e CDR Kristopher “Junk” Carter dell’Air Test and Evaluation Squadron (VX ) 1 “Pioneers” con il capo equipaggio  Naval Aircrewman (Mechanical) 1st Class Devon Heard hanno volato sul primo CMV-22B dal centro di assemblaggio e consegna di aeromobili militari Bell di Amarillo, in Texas, alla Naval Air Station Patuxent River. Questo è stato il primo volo dell’aeromobile al di fuori dell’area di prova del costruttore ed ha rispecchiato molte delle condizioni che l’aeromobile incontrerà quando sarà operativo.

Con questo volo, abbiamo dato una prima occhiata ai test operativi mentre stiamo facendo anche test di sviluppo” ha detto Carter che ha aggiunto che è stata una missione rappresentativa di ciò che faremo con l’aereo una volta che sarà nella flotta.

Il ruolo dei test di sviluppo, che è la missione del gruppo di volo HX-21, è quello di identificare se un aeromobile o un sistema soddisfa le specifiche promesse dal costruttore. I test operativi, che è ciò che fa il gruppo di volo VX-1, si concentrano sulla capacità di un aeromobile o di un sistema di operare negli ambienti che incontrerà una volta schierato nella flotta. Prima del volo, Tschanz, Heard, il pilota collaudatore Bell Andrew Bankston e il Naval Air Crewman (Mechanical) 2nd Class Trenton Olsheski hanno condotto una serie di voli di test di sviluppo per garantire che l’aeromobile rispettasse le sue specifiche. Dopo questi voli di prova, era tempo di consegnare l’aereo alla sua nuova “casa” presso la NAS Patuxent River.

La livrea ad alta visibilità di questo Osprey, che la US Navy usa per aiutare a identificare più facilmente i velivoli non combattenti, ha sicuramente attratto l’attenzione quando il velivolo è atterrato a Millington, per lo scalo tecnico.

Il CMV-22B è progettato per trasportare fino a 6.000 libbre di carico e/o personale e può operare fino a un raggio di 1.150 miglia nautiche. Uno dei motivi per cui la Marina ha scelto la cellula V-22 per svolgere il ruolo di COD è dovuto alla sua capacità di trasportare il motore F135 di Pratt & Whitney utilizzato dal F-35C Lightning II Joint Strike Fighter.

Altre caratteristiche del CMV-22 includono un sistema radio ad alta frequenza oltre la linea di visuale e un sistema di comunicazione interno per comunicare con i passeggeri e un sistema di illuminazione migliorato per facilitare il carico delle merci.

Il programma della Marina USA è quello di acquisire 48 velivoli per tutti gli squadroni VRM per sostituire il venerabile C-2A Greyhound, che ricopre il ruolo di COD dal lontano 1966. Il Fleet Logistics Multi-Mission Squadron (VRM) 30 “Titans” basato sulla costa occidentale degli Stati Uniti, prenderà possesso del suo primo CMV-22B questa estate, ed è programmato per schierare gli Ospreys durante il suo primo distaccamento operativo a bordo della portaerei USS Carl Vinson (CVN 70) più avanti nel 2021.

Un nuovo squadron, Fleet Logistics Multi-Mission Squadron (VRM) 40, sarà istituito sulla East Coast e prenderà possesso del suo primo aereo a partire dall’anno fiscale FY2022. La US Navy prevede inoltre di schierare uno gruppo di volo di addestramento, il Fleet Logistics Multi-Mission Squadron (VRM) 50, in California, vicino al VRM-30.

 

Rispondi