X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


Per la prima volta il drone Mojave vola da una portaerei britannica

Per la prima volta il drone Mojave vola da una portaerei britannica. Il più grande drone mai lanciato da una portaerei della Royal Navy ha aperto la strada alla prossima generazione di capacità aeronavale del Regno Unito. Il drone appositamente modificato e gestito a distanza da un pilota su un terminale di computer è decollato ed è atterrato in sicurezza a bordo della portaerei HMS Prince of Wales in una prova unica al largo della costa orientale degli Stati Uniti.

Nessun velivolo senza equipaggio delle dimensioni del drone “Mojave”, lungo nove metri, con un’apertura alare di 17 metri (sei metri più largo di un caccia stealth F-35B Lightning) e pesante più di 1 tonnellata e mezzo a pieno carico, ha mai volato prima da una portaerei al di fuori di quelle della Marina degli Stati Uniti.

La sperimentazione al largo delle coste della Virginia sblocca ulteriormente il potenziale delle portaerei di classe Queen Elizabeth del Regno Unito, dimostrando come i moderni sistemi aerei senza equipaggio possono operare insieme agli aerei con equipaggio di quinta generazione come i Lightning.

La sperimentazione del Mojave è una novità europea: la prima volta che un sistema aereo a pilotaggio remoto di queste dimensioni ha operato da e verso una portaerei al di fuori degli Stati Uniti“, ha affermato il contrammiraglio James Parkin, direttore Develop della Royal Navy, il cui team ha pianificato il processo.

Il successo di questo esperimento annuncia una nuova alba nel modo in cui gestiamo l’aviazione navale ed è un altro passo entusiasmante nell’evoluzione del gruppo d’attacco delle portaerei della Royal Navy in una forza combattente mista con e senza equipaggio”. Il Royal Navy’s Second Sea Lord, il Vice Ammiraglio Martin Connell, ha affermato che abbracciare l’autonomia sarà “il passo logico successivo per garantire che la Royal Navy possa continuare a combattere e vincere in un ambiente operativo sempre più complesso”.

Ha continuato: “Con così tanti partner internazionali interessati ai risultati di queste prove Mojave a bordo della HMS Prince of Wales, sono lieto che stiamo assumendo la guida di un lavoro così entusiasmante e importante per sbloccare il potenziale a lungo termine della portaerei e spingerlo nel 21° secolo come una capacità sorprendente e altamente potente.

La Royal Navy ha vent’anni di esperienza nell’utilizzo di velivoli senza pilota dalle sue navi, ma i sistemi esistenti della Fleet Air Arm, come il Puma, lanciato a mano, e il nuovo elicottero in miniatura Peregrine che entrerà in servizio a gennaio, sono progettati per voli a corto raggio  per le operazioni di sorveglianza a terra e in mare.

Il Mojave, una versione del drone MQ-1C Grey Eagle adattato per decolli e atterraggi brevi da piste ancora più corte del ponte di volo delle portaerei di classe Queen Elizabeth, è un aereo molto più grande e complesso. Prodotto dall’azienda statunitense General Atomics, il Mojave è in grado di compiere numerose missioni di lunga durata da media quota.

Appartiene alla stessa famiglia di velivoli del nuovo velivolo Protector RG Mk1 della Royal Air Force, tali velivoli a pilotaggio remoto di tipo MALE “media altitudine e lunga durata” sono in grado di condurre missioni di sorveglianza e attacco a lungo raggio su molte migliaia di miglia quadrate.

Mesi di pianificazione da parte di esperti della Royal Navy, della General Atomics e dell’equipaggio della HMS Prince of Wales hanno portato alla sperimentazione, una delle tante che ha coinvolto, quest’autunno, droni e F-35, per ampliare i limiti delle operazioni che coinvolgono le due portaerei del Regno Unito. “Io e il mio team siamo entusiasti e orgogliosi di essere i primi a far decollare e atterrare un Mojave da una portaerei”, ha affermato il comandante Martin Russell, responsabile delle operazioni aeree a bordo della HMS Prince of Wales.

L’integrazione del personale della Royal Navy Develop e della General Atomics nel team Prince of Wales è stata fondamentale per consentire a un sistema aereo a pilotaggio remoto così grande di operare dal ponte durante questa prova, con la capacità che sembra uno sguardo al futuro di queste navi”. L’HMS Prince of Wales sta conducendo un’intensa attività di addestramento e sperimentazione con il Corpo dei Marines degli Stati Uniti, che ha visto anche l’omologazione della nave per l’utilizzo degli F-35B, prima di tornare a Portsmouth il mese prossimo.

Il drone Mojave

Derivato direttamente dall’MQ-1C Grey Eagle e dall’MQ-9 Reaper, il drone Mojave è un dimostratore tecnico con capacità STOL, che lo rende un versatile UAS per le operazioni “expeditionary”. Aderendo ai principi del Modular Open System Approach (MOSA), il Mojave sfrutta l’avionica modernizzata, i collegamenti dati, l’integrazione dei sensori e la stazione di controllo a terra del velivolo Grey Eagle 25M di GA-ASI . Queste caratteristiche, insieme alle ali allargate con dispositivi ad alta portanza, motore a turbina da 450 CV collaudato in combattimento e carrello di atterraggio rinforzato, rendono il drone Mojave ideale per piste semipreparate grazie anche ad un ingombro ridotto a terra.

Progettato per essere rapidamente dispiegabile in operazioni “expeditionary” in linea con il nuovo concetto Expeditionary Advance Base Operations (EABO) dei Marines americani. Le caratteristiche del Mojave includono una cellula rinforzata che consente operazioni in condizioni austere. Il Mojave può trasportare un carico di armamenti senza precedenti con fino a 16 missili Hellfire AGM-114 o altri ordigni, comprese armi a fuoco diretto come la minigun Dillon Aero M134D-H, nonché sensori o altri carichi utili secondo necessità come i pod per il rifornimento logistico.

Il Mojave può fornire una maggiore flessibilità operativa pur essendo dotato di una suite multi-sensore che include quello elettro-ottico/infrarossi (EO/IR), radar ad apertura sintetica/indicatore di bersaglio mobile al suolo (SAR/GMTI), Electronic Intelligence (ELINT) e Signals Intelligence (SIGINT) per supportare missioni terrestri o marittime nell’ambito dell Joint All-Domain Operations (JADO).

Immagini: UK MoD Crown Copyright 2023, UK Royal Navy

Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto