F-35A 6° Stormo
@ Aviation Report / Gianluca Conversi

Il Pentagono e la Lockheed Martin raggiungono un accordo per costruire ulteriori 375 caccia F-35

Il Dipartimento della Difesa Statunitense ha concordato con la Lockheed Martin di costruire ulteriori 375 caccia F-35 in tre anni, hanno affermato ieri le due parti, ma il prezzo della versione più comune del velivolo, la “A” a decollo e atterraggio convenzionali potrebbe aumentare a causa dell’inflazione e del rallentamento della produzione.

Siamo lieti di annunciare che il Dipartimento e la Lockheed Martin hanno raggiunto un accordo per l’acquisto del prossimo lotto di F-35 sulla base di 375 velivoli“, ha affermato William LaPlante, il referente per gli acquisti degli armamenti del Pentagono. L’accordo, del valore di circa 30 miliardi di dollari dovrebbe essere vicino.

L’accordo è arrivato quando l’industria aeronautica mondiale si è riunita al Farnborough International Airshow 2022, mirando a una dimostrazione di fiducia dopo la devastazione del COVID-19. Questo è un punto di partenza per finalizzare i prezzi anche se il valore finale del contratto, e il prezzo di ciascuna variante del jet, sono ancora incerti.

Il primo velivolo della versione F-35A CTOL è costato 221 milioni di dollari quando è uscito dalla linea di produzione nel 2007. Da allora, le quantità di produzione maggiori e il know-how sono aumentati, aiutando a far scendere il prezzo del caccia furtivo di quinta generazione a 79 milioni di dollari ciascuno guadagnando, come sappiamo, molti più clienti internazionali. Come abbiamo scritto più volte l’F-35 ha avuto diversi recenti successi nelle competizioni internazionali per la fornitura di nuovi caccia, tra cui Finlandia, Svizzera e Germania oltre a nuovi potenziali clienti quali Grecia e Repubblica Ceca.

Il Pentagono ha affermato che la quantità finale di aeromobili in questo accordo potrebbe cambiare in base a eventuali aggiustamenti apportati dal Congresso degli Stati Uniti al bilancio dell’anno fiscale 2023 e a qualsiasi ordine richiesto dai partner internazionali. Lockheed ha dichiarato che nel mezzo del continuo impatto del COVID-19 e della diminuzione delle quantità di F-35 prodotti, l’impresa dell’F-35 è stata in grado di raggiungere un costo per jet inferiore alle tendenze dell’inflazione, oggi da record.

Un precedente “block buy” triennale del Pentagono, firmato nel 2019, riguardava 478 caccia F-35, aveva consentito alla Lockheed Martin di acquistare quantità maggiori di componenti per ridurre i costi di circa l’8%, a 34 miliardi di dollari, rispetto alla negoziazione di contratti annuali. La scorsa settimana i dati statunitensi hanno mostrato che l’inflazione era accelerata a un tasso annuo del 9,1% a giugno. Nel mezzo della pandemia, Lockheed ha iniziato a prefigurare che il prezzo del jet sarebbe potuto aumentare con la diminuzione delle economie di scala e con i problemi delle catene di approvvigionamento.

Seguiteci anche sul nostro canale Telegram.