X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


I paesi utilizzatori degli F-35 si incontrano per discutere della gestione dei ricambi

@ Aviation Report / Gianluca Vannicelli

I rappresentanti dei paesi utilizzatori degli F-35 si sono incontrati sulla base aere di Scott in Illinois per discutere della gestione logistica dei ricambi per i loro caccia di quinta generazione. Più di 60 persone in rappresentanza dei clienti esteri e dipendenti del Dipartimento della Difesa si sono riuniti ospitati dallo US Transportation Command (USTRANSCOM), il Comando dei trasporti degli Stati Uniti.

Secondo il responsabile delle iniziative del processo di distribuzione di USTRANSCOM, Walter Reed, questi incontri sono necessari per risolvere il processo di gestione patrimoniale globale dell’F-35. Uno dei problemi che la task force intende risolvere è la carenza di pezzi di ricambio, che ha reso gli aerei poco disponibili.

Un rapporto del 2022 ha rilevato che mentre gli F-35 statunitensi hanno migliorato le loro capacità di missione ma i caccia “continuano a non raggiungere gli obiettivi del programma“, citando la mancanza di pezzi di ricambio e attrezzature di manutenzione come fattori chiave.

Tuttavia, il Tenente Generale dell’US Air Force Michael Schmidt, direttore esecutivo del Joint F-35 Program Office, ha dichiarato che “l’attuale tasso medio di capacità di missione nell’intera flotta americana di F-35 dei servizi è del 56%, e che … la nostra flotta schierata, con prontezza al combattimento, supera notevolmente questa media“.

Queste sfide sono aggravate dal fatto che, a differenza di altri velivoli militari, tutte le nazioni che gestiscono l’F-35 condividono lo stesso pool di pezzi di ricambio. Ciò è stato fatto per ridurre i costi, dal momento che sono ripartiti anche tra i 17 paesi che finanziano il programma. Durante la conferenza Sea-Air-Space del 2023, Schmidt aveva affermato che “l’aspetto internazionale di questo programma è assolutamente incredibile“.

Questo programma è come nessun altro“, ha continuato. “Abbiamo partner internazionali… che hanno investito nello sviluppo di questo programma insieme agli Stati Uniti. Insieme pagano circa il 20% di tutti i costi di sviluppo per questo programma.” Questa gestione anche se ottima in teoria, ha aperto il programma a sfide uniche come una complicata catena di approvvigionamento e il rispetto delle varie leggi doganali e di importazione che ogni paese partecipante impiega.

Per affrontare questi problemi, il JPO ha stabilito un accordo sul livello di servizio con USSTRANSCOM per il trasporto e la distribuzione in tutto il mondo e con la Defense Logistics Agency per l’immagazzinamento nordamericano. Questo cambiamento porta benefici globali, ha affermato il Ten. Colonnello della Royal Dutch Air Force, Roberto Joannes, responsabile della gestione patrimoniale globale per conto degli olandesi, durante l’incontro tenutosi presso la Scott Air Base.

Stiamo creando un sistema per il programma che consenta la libertà di movimento degli articoli, dalla scorta globale di pezzi di ricambio, per supportare l’F-35 in qualsiasi parte del mondo“, ha affermato Joannes. “USTRANSCOM sarà incaricato di gestire il trasporto, e quindi il JPO ha chiesto ai vari paesi utilizzatori degli F-35 di creare e testare un sistema di dazi doganali“.

Abbiamo un sistema d’arma di quinta generazione e voleremo con questo sistema per i prossimi 30, 40 anni. Quindi abbiamo bisogno di una visione a lungo termine“, ha continuato. “Non si crea oggi o domani. Ma dobbiamo avere una visione collettiva per aumentare la disponibilità, l’accessibilità e l’agilità del nostro sistema di armi. Credo in questo programma e dobbiamo farlo come una squadra, insieme, non per noi, ma per la capacità di combattimento“.

Categorie: News Militari
Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto