X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


Nordic Response 2024: al via l’esercitazione in ambiente nordico con più di 100 velivoli della NATO

@ Norwegian Armed Forces

Il personale militare di 13 alleati e partner della NATO sta preparando la propria partecipazione all’esercitazione Nordic Response 2024, parte della serie di esercitazioni Steadfast Defender 2024, in Norvegia, Finlandia e Svezia.

L’esercitazione sarà ospitata dai tre paesi nordici e si concentrerà sulla difesa collettiva. Complessivamente parteciperanno all’esercitazione più di 20.000 soldati. I partecipanti all’esercitazione hanno dispiegato il proprio personale e le proprie attrezzature nell’area dell’esercitazione e la fase di esecuzione della Nordic Response si svolgerà dal 3 al 14 marzo 2024.

L’esercitazione avrà il suo punto focale nella Norvegia settentrionale, Svezia e Finlandia, nonché nelle corrispondenti aree dello spazio aereo e del mare. L’attività in mare sarà particolarmente intensa con oltre 50 sottomarini, fregate, corvette, portaerei e varie navi anfibie.

In volo, più di 100 aerei da combattimento, aerei da trasporto, aerei da sorveglianza marittima, nonché elicotteri alleati e aerei delle forze speciali che opereranno nell’ambito della Nordic Response 2024. A terra, migliaia di soldati difenderanno e proteggeranno il territorio nordico con vari sistemi di artiglieria , carri armati, veicoli cingolati e altri veicoli terrestri.

Durante la Nordic Response 2024, ci sarà un’elevata attività dalla stazione aerea di Evenes. La Royal Norwegian Air Force utilizzerà l’aereo da combattimento multiruolo stealth F-35A, insieme al nuovo velivolo da pattugliamento marittimo P-8A Poseidon. Anche l’aeronautica militare americana utilizzerà gli F-35A dalla stazione aerea di Evenes. L’Italia partecipa con le unità navali Nave Garibaldi e Nave San Giorgio della Marina Militare.

La formazione congiunta combinata si concentrerà sulla difesa e protezione della regione nordica. “Dobbiamo essere in grado di reagire e fermare chiunque cerchi di sfidare i nostri confini, i nostri valori e la democrazia e con l’attuale situazione di sicurezza in Europa, l’esercitazione è estremamente rilevante e più importante che mai“, ha affermato il General Tron Strand, Royal Norwegian Air Force, comandante del centro operativo aereo norvegese.

Abbiamo tutti bisogno di conoscere il terreno e le condizioni in cui operiamo. Questa è una nuova conoscenza che dobbiamo mettere in pratica regolarmente“, ha continuato il Generale Strand. “L’esercitazione Cold Response ha una lunga storia e si svolge nella Norvegia settentrionale ogni due anni. Grazie all’adesione alla NATO della Finlandia, ed eventualmente della Svezia, stiamo ora espandendo l’esercitazione con una più ampia partecipazione di altri alleati”, ha aggiunto.

L’Estremo Nord rappresenta un’area strategicamente importante per la NATO. L’esercitazione aumenterà la preparazione nell’operare in zona nordica e la capacità di condurre operazioni congiunte su larga scala in condizioni meteorologiche e climatiche difficili.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp

Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto