NATO Next Generation Rotorcraft Capability
@ Aviation Report / Gianluca Vannicelli

Next Generation Rotorcraft Capability: assegnato a Lockheed Martin il 3° studio sul programma per l’elicottero di prossima generazione della NATO

La NATO Support and Procurement Agency (NSPA) ha annunciato l’assegnazione di un contratto per il terzo studio relativo all’Open System Architecture (OSA) volto a soddisfare i requisiti per il programma Next Generation Rotorcraft Capability (NGRC). Il contratto di studio è stato assegnato a Lockheed Martin il 13 dicembre 2023, a seguito di una gara aperta basata sul principio del miglior valore.

La NATO Support and Procurement Agency (NSPA) è il principale organismo della NATO deputato all’acquisizione, al supporto e alla manutenzione a livello multinazionale in tutti i settori. L’Agenzia conta oltre 1.500 dipendenti e supervisiona oltre 500 collaboratori in tutto il mondo.

Lo studio OSA ha lo scopo di identificare, analizzare e mettere a confronto i modelli di OSA potenzialmente in grado di soddisfare i requisiti di capacità dell’Next Generation Rotorcraft Capability. Il risultato dello studio fornirà nuovi elementi per la conoscenza e la comprensione da parte di NSPA degli OSA più rilevanti e dei loro ecosistemi digitali abilitanti, in modo da consentire valutazioni informate per le prossime revisioni dei progetti per la piattaforma integrata.

L’Agenzia NATO si sta preparando alla prossima fase con una riunione di inizio lavori. L’obiettivo è fornire a NSPA informazioni sui concetti di OSA e Ingegneria Digitale necessari a preparare e valutare le future revisioni del progetto di piattaforma integrata. Queste revisioni saranno portate a termine con il Concept Study #5, nell’arco di 9 mesi.

L’assegnazione dello Studio #3 è un esempio positivo di gestione efficiente di tutte le nazioni che fanno parte della NGRC Support Partnership, ed evidenzia al contempo il continuo impegno del Programme Office per la professionalità, l’efficienza operativa e la soddisfazione dei clienti.

Questa importante tappa del programma mostra inoltre la determinazione di NSPA ad essere il riferimento tra i Paesi membri della NATO per le acquisizioni nel settore della difesa, con un sostanziale salto in avanti nel progresso tecnologico e nella pianificazione strategica all’interno del settore della difesa.

Il programma Next Generation Rotorcraft Capability (NGRC)

Un numero significativo di elicotteri medi multiruolo attualmente in servizio tra gli alleati della NATO raggiungerà la fine del proprio ciclo di vita a partire dal periodo 2035-40, con la conseguente necessità di sostituirli. I modelli in uso sono tutti basati su progetti che risalgono al secolo scorso.

L’obiettivo del programma Next Generation Rotorcraft Capability (NGRC) è quello di rispondere a questa esigenza imminente, in modo tempestivo ed economicamente efficiente, sfruttando contemporaneamente un’ampia gamma di recenti progressi nella tecnologia, nei metodi di produzione e nei concetti operativi.

Nel novembre 2020 cinque paesi – Francia, Germania, Grecia, Italia e Regno Unito – avevano firmato una lettera di intenti segnalando la loro partecipazione al progetto. Si sono poi aggiunti anche i Paesi Bassi e il Canada. L’analisi della NATO mostra che ci sono quasi 1.000 elicotteri nell’intervallo di peso massimo al decollo di 11 – 15 tonnellate gestiti da membri della NATO non statunitensi che dovranno essere sostituiti entro il 2050. Quel numero potrebbe essere molto più alto se si includessero anche gli elicotteri nella categoria sottostante, anche se i progressi tecnologici significano che sarà improbabile una sostituzione uno ad uno.

La NATO aveva rilasciato alcuni dettagli dei requisiti richiesti per l’NGRC a fine 2020, che includono una cellula di base comune per una varietà di missioni. Anche la velocità è una priorità e la NATO sta cercando una velocità di crociera di 407 km/h (220 nodi), che dovrebbe essere raggiunta attraverso una configurazione avanzata e una velocità minima di 333 km/h (180 nodi).

La produzione del nuovo velivolo è stata inoltre programmata per il 2035-2040 in concomitanza con la data di fuori servizio delle principali flotte europee ad ala rotante, tra cui anche l’NHIndustries NH90, tanto discusso in questi ultimi mesi.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp