usaf ngad Next Generation Air Dominance
Rendering US Air Force NGAD - Next Generation Air Dominance (@ USAF / Lockheed Martin)

Next-Generation Air Dominance Fighter, sostituzione degli E-3 Awacs e l’Advanced Tactical Trainer tra le maggiori priorità dell’Air Combat Command americano

Per oltre 30 anni la modernizzazione del Dipartimento dell’Aeronautica militare statunitense è stata rinviata a causa di altre priorità del Dipartimento della Difesa. Oggi, il 44% dell’inventario degli aerei dell’US Air Force sta operando oltre la sua vita utile prevista. Solo il 20% dei suoi aerei da combattimento e il 13% dei suoi bombardieri hanno capacità stealth. Ciò significa che oltre l’ottanta percento dei principali aerei da combattimento potrebbe non sopravvivere alle moderne minacce poste dalla Cina o dalla Russia. Se, a causa di finanziamenti inadeguati e di una modernizzazione più lenta del necessario, l’Aeronautica militare dovesse mantenere velivoli più vecchi privi del grado di sopravvivenza necessario per sconfiggere le minacce moderne, dovrà aspettarsi di sperimentare tassi di perdita elevati in caso di conflitto.

Un’analisi del Mitchell Institute for Aerospace Studies mostra che se solo un tasso di logoramento del 5% venisse applicato ai velivoli statunitensi in un conflitto simulato con la Cina, una forza di 791 combattenti codificati per il combattimento potrebbe essere ridotta a 236 combattenti rimanenti disponibili dopo soli 19 giorni di combattimento. In mancanza di capacità di riserva, ci vorrebbero anni per riprendersi da tali perdite, durante i quali gli Stati Uniti sarebbero estremamente vulnerabili ad altre minacce, dopo aver perso il conflitto con la Cina.

Così i programmi prioritari per modernizzare l’USAF includono il caccia stealth F-35, il bombardiere stealth B-21, il KC-46 per il rifornimento in volo, il deterrente strategico a terra (sostituzione degli ICBM Minute Man III), il velivolo Air Dominance di nuova generazione (NGAD), il velivolo da addestramento T-7, un avanzato sistema di gestione delle battaglie (ABMS), la sostituzione dell’aeromobile di allerta e controllo E-3A, armamento avanzato, nonché programmi classificati di vario tipo.

Tra questi il Next-Generation Air Dominance Fighter, o NGAD, è la massima priorità dell’Air Combat Command statunitense, perché senza di esso, l’US Air Force non potrà fornire il controllo dello spazio aereo da cui l’intero esercito americano dipenderà per operare in futuri scenari di combattimento, ha affermato il comandante dell’US Air Combat Command, il Generale Mark D. Kelly durante un evento online organizzato dal Mitchell Institute for Aerospace Studies.

Kelly ha affermato che l’NGAD è il suo requisito numero uno e lo ha descritto come un sistema di superiorità aerea di sesta generazione in grado di operare a lungo raggio ed è un requisito multi-servizio proprio per il suo raggio d’azione e per la capacità che dovrà fornire per il controllo e la gestione del campo di battaglia aereo. “Tutti contano sull’US Air Force per fornire questa capacità“, ha osservato Kelly.

Il NGAD avrà capacità multiruolo con il ruolo principale dell’aereo che sarà il dominio aereo ma con la capacità di colpire anche obiettivi a terra. Rispetto all’F-22, il NGAD avrà un aumento del carico di armi e una maggiore portata necessaria per operare alle grandi distanze richieste nel teatro indo-pacifico ma potrebbero esserci due varianti, questa per il teatro indo-pacifico e una per il teatro europeo più orientata alle distanze relativamente brevi tra possibili aree di battaglia sul vecchio continente.

Descritto come una “famiglia di sistemi” il suo fulcro sarà un aereo da combattimento ma è molto probabile che, come sarà per il Tempest e il FCAS europeo, altre parti del sistema saranno composte da aerei di scorta senza pilota per trasportare munizioni extra ed eseguire altre missioni quali la ricognizione, l’attacco, la difesa aerea e l’intelligence. Ricordiamo anche l’USAF aveva confermato, l’anno scorso, di aver già progettato, costruito e fatto volare in tutta segretezza un prototipo del velivolo di sesta generazione NGAD.

Le maggiori priorità di Kelly quindi includono:

  • Soddisfare la tabella di marcia per la futura flotta aerea, che ha presentato alla conferenza US AFA Air, Space & Cyber ​​a settembre 2021. Ciò include i velivoli F-35, F-15, F-16 e, fino al 2030 circa, A-10 e F-22;
  • Capacità AMTI – Airborne Moving Target Indicator ovvero un sostituto dell’E-3 Airborne Warning and Control System (AWACS);
  • Difese delle basi aeree, inclusi eventualmente sistemi energetici diretti;
  • Armamento di quinta generazione per la flotta aerea di quinta generazione;
  • Investimenti nel settore del comando e controllo congiunto di tutti i domini.

L’E-3 AWACS, con una cellula di 45 anni, è “insostenibile senza un enorme sforzo“, nonostante una forza manutentiva che fa miracoli ha detto Kelly, L’AWACS di oggi è “obsoleto e sta solo invecchiando … e non è interoperabile con ciò che dobbiamo fare” in una battaglia multispettrale, ha aggiunto Kelly. Ottenere una nuova piattaforma però “non può avvenire abbastanza velocemente” e aggiungiamo noi non dovrebbe lasciare nessun gap temporale tra la fine servizio dell’Awacs e l’immissione in servizio di una nuova piattaforma e nessun divario di capacità proprio quando le minacce aeree cinesi e russe stanno diventando sempre più formidabili. La transizione per l’US Air Force potrebbe non essere semplice.

La scorsa settimana l’US Air Force ha fatto la sua prima mossa verso un nuovo AWACS , il Boeing E-7A Wedgetail, ma Kelly non ha potuto fornire una tempistica per l’acquisizione. “Li voglio nell’inventario … due anni fa“, ha detto Kelly. “Non per essere irriverente, ma questa è in realtà la risposta che darei al Congresso e a chiunque altro.” Kelly ha aggiunto di essere in costante contatto con le organizzazioni per le acquisizioni dell’Aeronautica militare, “e rimandiamo a loro per quanto riguarda la velocità con cui può effettivamente accadere“, ma, ha detto, “non credo che accadrà nel 2022 o 2023, ma posso garantire che parlerò con loro su base settimanale per assicurarci di ottenerlo il prima possibile“.

Un piano iniziale potrebbe prevedere da 25 a 28 velivoli Wedgetail tra addestratori e velivoli operativi. Poiché il Wedgetail è già in gran parte costruito con attrezzature statunitensi all’avanguardia, l’US Air Force potrebbe lavorare per ridurre al minimo l’impatto di qualsiasi sistema o capacità unica per gli Stati Uniti che potrebbe dover essere installata. Tutto questo potrebbe ridurre significativamente i tempi di progettazione, i tempi di collaudo e i costi, potendo forse anche potenzialmente attingere ad almeno uno degli ex velivoli ordinati dalla Royal Air Force britannica che avrebbe ridotto il suo ordine da cinque a tre aerei.

Questo piano poi potrebbe momentaneamente appoggiarsi anche agli E-2D Advanced Hawkeye della US Navy, come fatto a suo tempo per i velivoli da guerra elettronica quando l’USAF ritirò dal servizio gli EF-111 Raven, e sfruttare per l’addestramento degli equipaggi i velivoli della flotta Wedgetail della Royal Australian Air Force.

Sebbene Kelly non abbia menzionato il nuovo Advanced Tactical Trainer tra le sue massime priorità, anche questo è un nuovo importante programma, ha affermato. I T-38 utilizzati in quella missione ora “hanno numeri di coda dell’era degli anni ’60“, ha detto, e ogni giorno diventano sempre più non connessi ai sistemi moderni che i piloti di caccia devono imparare. “Non possiamo riempire quel vuoto abbastanza velocemente.” Alla domanda se l’acquisizione del sistema, i cui requisiti sono molto simili alla capacità del nuovo trainer T-7, dovrà attendere fino al completamento dell’acquisto del T-7, Kelly ha affermato che l’ATT non sarà necessariamente una variante del T-7.

Il programma T-7 prevede 349 aeroplani, ha detto Kelly, e l’Air Education and Training Command ha bisogno di quelli non appena possibile, per addestrare gli aviatori più giovani. “Potrebbe esserci una soluzione diversa là fuori”, ha detto, ma “ho bisogno di portare ai nostri aviatori, non appena possibile, qualcosa che non sia un tale salto” dalla tecnologia degli anni ’60 nel T-38 alla tecnologia del 2021 nel F-35. Kelly ha aggiunto che ha bisogno di qualcosa di “più economico dei 20.000 dollari per ora di volo …. ma più vicino a 2.000- 3.000 dollari per ora di volo“.

Per quanto riguarda gli F-35, Kelly ha ammesso che l’US Air Force è cronicamente a corto di motori per l’F-35 a causa di problemi di fornitura di parti, ma ha anche affermato che sono stati compiuti grandi progressi nel ridurre la carenza di ben 48 F-35 che sono stati messi a terra “per alcuni problemi al motore” a meno di 40 velivoli. Questo “non è un risultato banale“, ha detto Kelly, “perché ogni giorno si introducono più jet nel sistema. Quindi, non è un piccolo miglioramento, è un miglioramento esponenziale e mi aspetto che la tendenza continui fino allo zero“. Per far questo Kelly ha detto che l’USAF ha dovuto ridurre parte del programma di airshow per assicurarsi che “non si consumino eccessivamente i nostri motori per non un buon ritorno sul nostro investimento in formazione“.

Kelly ha affermato anche di essere soddisfatto delle circa 200 ore all’anno di addestramento per i piloti F-35, ore integrate anche dai simulatori, e ha affermato che anche la disponibilità di aeromobili del 65 percento è accettabile, perché può essere aumentata a oltre il 70 percento.

Sempre sul tema dei motori Kelly è consapevole della pressione sulla domanda di fornitura di motori per gli F-15 e gli F-16, domanda che tuttavia viene soddisfatta senza problemi. Dove invece i problemi sono seri, ha detto, sono sui propulsori TF33 utilizzati su E-3 AWACS, E-8 JSTARS e B-52. Quei motori sono così vecchi e difficili da ottenere, anche come parti di ricambio, che vengono cannibalizzati da altre macchine. Ricordiamo che però per quanto riguarda il B-52, la Rolls-Royce ha vinto la gara d’appalto per la sostituzione dei propulsori di tutta la flotta degli iconici bombardieri strategici. I nuovi propulsori F130 verranno installati su tutti i 76 bombardieri B-52H dell’US Air Force Global Strike Command ancora operativi.